• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Pag 1 di 5 1234 ... UltimoUltimo
Visualizzazione risultati da 1 a 15 di 75

Discussione: Questione Violenza...ma Perfavore!

Cambio titolo
  1. #1
    flavis
    Ospite

    Questione Violenza...ma Perfavore!

    Ecco come la penso:
    Se giocare a giochi violenti porta ad ammazzare le persone,allora bere un bicchiere di vino e di birra porta a diventare alcolizzati,e fumarsi una canna d'erba porta ed essere cocainomani.....

    ...MA PERFAVORE!


    Le risse e gli omicidi esistevano anche quando non c'erano i videogiochi!

    L'erba è illegale eppure io vado e me la compro,la trovo...secondo voi è più difficile trovare un gioco con bollino under 18 anche se si è minorenni?AUHAUHAUHA


    Dovrebbero preuccuparsi più del fatto che un 12enne piò andare nei tabacchini a comprarsi le sigarette....e per quanto riguarda l'America...che i ragazzini possano aver man facile alle armi in casa propria....quindi perfavore non cadiamo nella banalità e nei discorso retorici.....

    I VIDEOGIOCHI NON FANNO MALE,SE UNO E' PAZZO UCCIDE,STOP!


    E voi che dite?

  2. #2
    w00t?
    Registrato il
    04-03
    Località
    127.0.0.1
    Messaggi
    6.676

    Re: Questione Violenza...ma Perfavore!

    Inviato da flavis
    E voi che dite?
    Che è un discorso trito e ritrito.
    Crackdown!

    Europa Universalis 2 AGCEEP/1.37/Österreich
    Victoria: AEUTS vanilla/1.03b/Bavaria

  3. #3
    Bannato L'avatar di n3o
    Registrato il
    08-03
    Località
    Affari miei
    Messaggi
    2.134

    Re: Re: Questione Violenza...ma Perfavore!

    Inviato da Autodelta
    Che è un discorso trito e ritrito.
    quoto

    c è anke da dire ke da videogiocatori noi difendiamo la nostra arte....come dice un articolo tratto da videogiochi,certo nn è il massimo delll educazione far giocare il proprio figlio a gta............(s intende i piu pikkoli.Credete sia una cosa normale vedere il proprio cuginetto caricare tr**E in gta o ammzazzare zombie in resident evil?A otto anni?)

  4. #4
    ♥ 07.03.09 ♥ L'avatar di Ceck the sound
    Registrato il
    06-03
    Località
    Jesolo beach.
    Messaggi
    33.493
    A buona domenica ne stanno parlando . Quello delle statistiche non ne capisce un c**o !!!!!!! ! Parla di vietare giochi !!!!!!!! !
    Poi con esempi fa espliciti riferimenti a GTA , Getaway ecc . se solo provasse a giocarci !!!!!!! Iniorante del cavolo , non capisce niente , quello è un capolavoro videoludico , e poi secondo le statisctiche ( che faranno agli adulti e anziani ) la maggior parte pensa che possano influenzare i comportamenti dei giovani !!!!Ma che dicono dai !|! 8(

  5. #5
    Conscious gamer L'avatar di Bruciatore
    Registrato il
    10-02
    Località
    Rocca di Papa city
    Messaggi
    22.542
    Ti riferisci all' articolo nella sezione Red eye di Videogiochi n° 002?

    Questo e' un discorso che abbiamo affrontato tantissime volte, ma appena ho letto l'articolo mi sono fermato per un attimo e ho avuto da pensare. Cacchio due ragazzini che imbracciano un fucile e che si mettono sul ciglio della strada a sparare alla fiancata di un auto semplicemente perche' "si stavano annoiando e volevano imitare GTA"... Lo so, e' assurdo, sicuramente quei bambini avevano problemi psicologici, ma una cosa e' certa: se Gta non fosse esistito, a quest'ora chi guidava quell'auto sarebbe ancora in vita...

  6. #6
    ♥ 07.03.09 ♥ L'avatar di Ceck the sound
    Registrato il
    06-03
    Località
    Jesolo beach.
    Messaggi
    33.493
    Inviato da Bruciatore
    Ti riferisci all' articolo nella sezione Red eye di Videogiochi n° 002?

    Questo e' un discorso che abbiamo affrontato tantissime volte, ma appena ho letto l'articolo mi sono fermato per un attimo e ho avuto da pensare. Cacchio due ragazzini che imbracciano un fucile e che si mettono sul ciglio della strada a sparare alla fiancata di un auto semplicemente perche' "si stavano annoiando e volevano imitare GTA"... Lo so, e' assurdo, sicuramente quei bambini avevano problemi psicologici, ma una cosa e' certa: se Gta non fosse esistito, a quest'ora chi guidava quell'auto sarebbe ancora in vita...
    allora io ho sentito di uno che si è buttato dalla finestra perche pensava di essere un pokemon !!!!!!(
    allora vietiamo i cartoni animati !!!!!!!(

  7. #7
    Conscious gamer L'avatar di Bruciatore
    Registrato il
    10-02
    Località
    Rocca di Papa city
    Messaggi
    22.542
    Inviato da Ceck the sound
    allora io ho sentito di uno che si è buttato dalla finestra perche pensava di essere un pokemon !!!!!!(
    allora vietiamo i cartoni animati !!!!!!!(
    Infatti il problema non e' il videogioco o il cartone o il film. Sono dei casi, che quando avvengono fanno pensare... Nessuno deve vietare niente, viviamo in un epoca senza censure....

  8. #8
    Io SO! Tu impara, quindi L'avatar di iamalfaandomega
    Registrato il
    10-02
    Località
    Varese
    Messaggi
    14.008
    L'articolo di Videogiochi centra esattamente il problema, secondo me. Il problema è l'educazione, non tanto dei figli, quanto dei genitori (e degli adulti in generale). A me personalmente é capitato questo: presso il mio vecchio supermercato avevamo videogiochi in vendita ma non qualcuno che se ne intendesse, così spesso chiamavano me per qualche consiglio, se passavo di lì (ero in ortofrutta all'epoca ); così, una signora che era lì a cercare un gioco per suo figlio mi chiese consiglio; prendendo in mano un gioco degli ultimi usciti, Silent Hill, mi disse:"é bello questo?"; ed io:"quanti anni ha suo figlio?" "Otto! perchè?" "perchè allora, signora, questo non fa proprio per lui!" e glielo levai di mano. Quella donna voleva solo fare un regalo a suo figlio, e stava per regalargli un incubo, a causa della sua ignoranza (tra parentesi, la dirottai su qualche platform, forse Klonoa se non ricordo male). Non bisogna proibire la produzione di giochi violenti, ma bisogna insegnare a chi li compra (e non solo a chi li gioca) a conoscerli e giudicarli. Certo, quel povero giudatore americano sarebbe ancora vivo se i fucili non fossero stati così facili da sottrarre, se i due minorenni avessero avuto maggior senso di responsabilità... ma anche se non avessero giocato a GTA3. Questo é innegabile.
    I am Alpha and Omega, the Beginning and the End, the First and the Last

    Né dei, né giganti

  9. #9
    Conscious gamer L'avatar di Bruciatore
    Registrato il
    10-02
    Località
    Rocca di Papa city
    Messaggi
    22.542
    Inviato da iamalfaandomega
    L'articolo di Videogiochi centra esattamente il problema, secondo me. Il problema è l'educazione, non tanto dei figli, quanto dei genitori (e degli adulti in generale). A me personalmente é capitato questo: presso il mio vecchio supermercato avevamo videogiochi in vendita ma non qualcuno che se ne intendesse, così spesso chiamavano me per qualche consiglio, se passavo di lì (ero in ortofrutta all'epoca ); così, una signora che era lì a cercare un gioco per suo figlio mi chiese consiglio; prendendo in mano un gioco degli ultimi usciti, Silent Hill, mi disse:"é bello questo?"; ed io:"quanti anni ha suo figlio?" "Otto! perchè?" "perchè allora, signora, questo non fa proprio per lui!" e glielo levai di mano. Quella donna voleva solo fare un regalo a suo figlio, e stava per regalargli un incubo, a causa della sua ignoranza (tra parentesi, la dirottai su qualche platform, forse Klonoa se non ricordo male). Non bisogna proibire la produzione di giochi violenti, ma bisogna insegnare a chi li compra (e non solo a chi li gioca) a conoscerli e giudicarli. Certo, quel povero giudatore americano sarebbe ancora vivo se i fucili non fossero stati così facili da sottrarre, se i due minorenni avessero avuto maggior senso di responsabilità... ma anche se non avessero giocato a GTA3. Questo é innegabile.
    Infatti, la disinformazione e' la prima causa di tutto, non il videogioco in sè...

  10. #10
    ♥ 07.03.09 ♥ L'avatar di Ceck the sound
    Registrato il
    06-03
    Località
    Jesolo beach.
    Messaggi
    33.493
    Inviato da iamalfaandomega
    L'articolo di Videogiochi centra esattamente il problema, secondo me. Il problema è l'educazione, non tanto dei figli, quanto dei genitori (e degli adulti in generale). A me personalmente é capitato questo: presso il mio vecchio supermercato avevamo videogiochi in vendita ma non qualcuno che se ne intendesse, così spesso chiamavano me per qualche consiglio, se passavo di lì (ero in ortofrutta all'epoca ); così, una signora che era lì a cercare un gioco per suo figlio mi chiese consiglio; prendendo in mano un gioco degli ultimi usciti, Silent Hill, mi disse:"é bello questo?"; ed io:"quanti anni ha suo figlio?" "Otto! perchè?" "perchè allora, signora, questo non fa proprio per lui!" e glielo levai di mano. Quella donna voleva solo fare un regalo a suo figlio, e stava per regalargli un incubo, a causa della sua ignoranza (tra parentesi, la dirottai su qualche platform, forse Klonoa se non ricordo male). Non bisogna proibire la produzione di giochi violenti, ma bisogna insegnare a chi li compra (e non solo a chi li gioca) a conoscerli e giudicarli. Certo, quel povero giudatore americano sarebbe ancora vivo se i fucili non fossero stati così facili da sottrarre, se i due minorenni avessero avuto maggior senso di responsabilità... ma anche se non avessero giocato a GTA3. Questo é innegabile.
    Ma visto che mica tutti possono comprare PSM ecc , basta che leggano il retro della confezzione , dove è indicata l'età consigliata e il tipo di contenuti !!!!(

  11. #11
    Conscious gamer L'avatar di Bruciatore
    Registrato il
    10-02
    Località
    Rocca di Papa city
    Messaggi
    22.542
    Inviato da Ceck the sound
    Ma visto che mica tutti possono comprare PSM ecc , basta che leggano il retro della confezzione , dove è indicata l'età consigliata e il tipo di contenuti !!!!(
    Facile a dirsi, ma ho da storcere il naso anche sui talloncini che indicano l'eta' minima per giocare... Davvero troppo approssimativi e poco evidenziati... Insomma, uno che legge il bollino 3+ non s'immagina che e' riferito all'eta'... Dovrebbero promuovere pubblicita' che risaltino tale bollino... Ma non la fanno, sono troppo impegnati a sputtanare questo settore

  12. #12
    Bannato L'avatar di n3o
    Registrato il
    08-03
    Località
    Affari miei
    Messaggi
    2.134
    Inviato da Bruciatore
    Infatti, la disinformazione e' la prima causa di tutto, non il videogioco in sè...
    quoto!
    cmq era l articolo di red eye di cui parlavo....

  13. #13
    Brawlalalalwharhahrlarawl L'avatar di alexdiro
    Registrato il
    10-02
    Località
    Avezzano (AQ)
    Messaggi
    14.025
    Inviato da Bruciatore
    Ti riferisci all' articolo nella sezione Red eye di Videogiochi n° 002?

    Questo e' un discorso che abbiamo affrontato tantissime volte, ma appena ho letto l'articolo mi sono fermato per un attimo e ho avuto da pensare. Cacchio due ragazzini che imbracciano un fucile e che si mettono sul ciglio della strada a sparare alla fiancata di un auto semplicemente perche' "si stavano annoiando e volevano imitare GTA"... Lo so, e' assurdo, sicuramente quei bambini avevano problemi psicologici, ma una cosa e' certa: se Gta non fosse esistito, a quest'ora chi guidava quell'auto sarebbe ancora in vita...
    una discorso del genere non esiste !
    allora anche se in america non permettessero ai minorenni di comprare armi quelle persone sarebbero ancora vive !
    e della gente che provoca incidenti stradali mentre parla al telefono oppure guida in stato di ebbrezza ?
    se non ci fossero i telefonini e la birra/il vino tutto ciò non accadrebbe !
    inoltre se le macchine non andassero più veloci di 100 Km/h molta gente non si schianterebbe su un albero !
    generalizzare in questo modo è sbagliato !
    la mamma dei due bambini se fosse stata attenta a cosa stessero giocando i propri figli avrebbe evitato tutto ciò !
    credetemi un genitore premuroso se ne accorge eccome del bollino "vietato ai minori" ! mia zia quasi mi ammazzava quando ha visto mio cugino di 8 anni che giocava a GTA Vice City !
    invece la gente preferisce essere superficiale (tanto sono solo giochini) per poi fare gli inquisitori e gli espertoni quando è meglio per loro !

    Questo è un mondo ignorante in materia !

  14. #14
    Momentaneamente assente L'avatar di roland
    Registrato il
    12-02
    Località
    22 Acacia Avenue
    Messaggi
    5.281
    Ormai puntare il dito sui videogames è diventata una moda.
    Inutile dire che se non ci fossero stati, qualche saccentone avrebbe puntato il dito su libri, riviste o quant'altro...

    Mi chiedo se quei "signori" che dicono certe cose assurde in tv, sappiano davvero di cosa parlano.

    Io credo di no.
    Non basta essere bravi, bisogna essere i migliori.

  15. #15
    Bananocrate L'avatar di giobbe
    Registrato il
    03-03
    Località
    Ankhmorpork
    Messaggi
    12.037
    Ma, signori miei... perchè vi scandalizzate più di tanto?

    Il fatto è che non avete centrato il punto del problema: i media non hanno ancora capito la natura dei videogiochi...
    Per loro videogioco è qualcosa da ricollegare esclusivamente alle masse subadolescenziali... il videogioco non è forma d'arte, non è forma d'intrattenimento, non è passatempo per tutte le età: videogioco è semplicemente un giocattolo, più evoluto di un peluche, più tecnologico di una Barbie o di un Big Jim, più complesso di un Lego, ma sempre di giocattolone parlano. Per adolescenti e bambini: l'unico archtipo in cui l'adulto viene preso in considerazione è quello del "bambinone"...

    Se si parte da questo assunto, allora non si può fare altro che scandalizzarsi e guardare con orrore certi tipi di giochi. E' l'assunto però ad essere sbagliato... certo, GTA è ultraviolento. E' diseducativo, è immorale e può essere disgustoso... ma appunto per questo è nato per un pubblico maturo.

    La soluzione al problema è sempre la stessa: bollini. Ma non bollini come semplice e vaga indicazione dell'età minima. Non un qualcosa di facoltativo, intendo, ma di assolutamente tassativo, palese e ben pubblicizzato. Un divieto reale, supportato da sanzioni. Il negoziante vende GTA ad un 12enne? Il negoziante passa un guaio. Il 12nne fa comprare GTA al babbo? Il babbo se la dovrà prendere soltanto con se stesso.

    Più responsabilizzazione: tutto qui. Il VG non è un semplice giocattolone... il genitore DEVE informarsi sui videogiochi. Fa parte del suo mestiere: i bollini possono venire in contro al genitore, ma ciò non toglie che chiedere ad un genitore di farsi un giro su internet/edicola per vedere gli effettivi contenuti di un gioco che il figlio vuole comprare non è assolutamente chiedere troppo. E', anzi, un atto assolutamente DOVEROSO del genitore.

    Se poi, come alcuni fanno, si considera la violenza nei VG come un male in assoluto e come qualcosa da censurare, a prescindere dall'età dell'utente, non sono d'accordo, come penso non siate d'accordo neanche voi... certo, ci sono limiti invalicabili anche nel VG (gli stessi limiti che hanno portato ad eliminare in Fable la possibilità di impalare i bambini), ma il concetto base stesso di VG (l'interattività) porta con se la possibilità di compiere atti che normalmente reputeremmo deprecabili: anzi, la possibilità di interpretare il villain può essere uno degli elementi di fascino del VG più forti. L'importante è che, anche quando siano presenti atti di violenza estrema, non venga fatta apologia di questi atti. Se poi giudicherò un videogioco "amorale" o disgustoso, non c'è bisogno di censura: mi tratterrò semplicemente dal comprarlo.

Pag 1 di 5 1234 ... UltimoUltimo

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •