• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Visualizzazione risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Piloti israeliani

Cambio titolo
  1. #1
    V_ _ O N A L'avatar di Mecuji
    Registrato il
    03-03
    LocalitÓ
    A casa mia
    Messaggi
    2.356

    Piloti israeliani

    Ciao ragazzi, perdonatemi se tratto di un argomento estraneo a quelli usuali in questo forum ma lo ritengo abbastanza interessante.
    Avrete sicuramente sentito dei 26 piloti da caccia israeliani che si sono rifiutati di effettuare ulteriori bombardamenti sulla popolazione indifesa, bombardamenti ordinati per ritorsione per gli attentati dei kamikaze. Chiedetevi una cosa secondo me molto importante: chi si fa saltare in aria e chi muore negli attentati, i poveracci oppure i leader religiosi e politici che fomentano l'odio? I kamikaze che si fanno saltare negli insediamenti sono poveracci ai quali Ŕ stato tolto tutto ingiustamente, gli ebrei che vivono negli insediamenti sono i meno "preziosi" richiamati dagli stati pi¨ poveri del mondo. Purtroppo la logica di questa questione Ŕ sempre stata la vecchia logica del potente contro il debole mascherata con la religione e con falsi storici grandi come case (abusive). Sono convinto che gli ebrei che vengono mandati a vivere negli insediamenti, in mezzo a territorio e popolazione ostile per essere chiari, non sono certo contenti di finire lý, in quanto significa diventare "carne da cannone" per il prossimo attentato, il quale tornerÓ certo utile a Sharon & company per allargare ulteriormente il proprio territorio a suon di bombardamenti "di ritorsione". Eppure, se accadono cose come il rifiuto dei piloti ebrei di bombardare nuovamente insediamenti civili, qualcosa pu˛ ancora cambiare.
    Voi che ne pensate? Un saluto a tutti.

  2. #2
    CodeRed
    Ospite
    Penso che hanno fatto bene. Io miei genitori conoscono un chitarrista ebreo che Ŕ anche colonnello nell'esercito (saprete che in Israele il servizio militare Ŕ obbligatorio, tipo in Svizzera), e lui adesso si ritrova in una guerra contro i suoi confratelli! Infatti lui Ŕ uno degli ebrei sempre vissuti in Palestina, e non ha mai avuto pregiudizi o disprezzo verso i Palestinesi (suoi vicini di casa).

  3. #3
    Momentaneamente assente L'avatar di roland
    Registrato il
    12-02
    LocalitÓ
    22 Acacia Avenue
    Messaggi
    5.281
    Un mio "parente acquisito" Ŕ ebreo.

    Vive a 400km dalla zona calda.

    Mi ha detto che tutti gli Israeliani residenti in Israele, ritenuti idonei sono obbligati dal loro Stato a fare il servizio militare 2 mesi all'anno.

    ...E il servizio militare, lý, vuol dire rischiare di saltare in aria durante qualche attentato.
    _________________

    La guerra la fanno i politici e i teologi, ma chi ci rimette sono sempre i poveri disgraziati.
    Non basta essere bravi, bisogna essere i migliori.

  4. #4
    The last Pandava L'avatar di sleeping lion heart
    Registrato il
    02-03
    LocalitÓ
    Firenze
    Messaggi
    1.054

    Re: Piloti israeliani

    Inviato da Mecuji
    Ciao ragazzi, perdonatemi se tratto di un argomento estraneo a quelli usuali in questo forum ma lo ritengo abbastanza interessante.
    Avrete sicuramente sentito dei 26 piloti da caccia israeliani che si sono rifiutati di effettuare ulteriori bombardamenti sulla popolazione indifesa, bombardamenti ordinati per ritorsione per gli attentati dei kamikaze. Chiedetevi una cosa secondo me molto importante: chi si fa saltare in aria e chi muore negli attentati, i poveracci oppure i leader religiosi e politici che fomentano l'odio? I kamikaze che si fanno saltare negli insediamenti sono poveracci ai quali Ŕ stato tolto tutto ingiustamente, gli ebrei che vivono negli insediamenti sono i meno "preziosi" richiamati dagli stati pi¨ poveri del mondo. Purtroppo la logica di questa questione Ŕ sempre stata la vecchia logica del potente contro il debole mascherata con la religione e con falsi storici grandi come case (abusive). Sono convinto che gli ebrei che vengono mandati a vivere negli insediamenti, in mezzo a territorio e popolazione ostile per essere chiari, non sono certo contenti di finire lý, in quanto significa diventare "carne da cannone" per il prossimo attentato, il quale tornerÓ certo utile a Sharon & company per allargare ulteriormente il proprio territorio a suon di bombardamenti "di ritorsione". Eppure, se accadono cose come il rifiuto dei piloti ebrei di bombardare nuovamente insediamenti civili, qualcosa pu˛ ancora cambiare.
    Voi che ne pensate? Un saluto a tutti.
    Hai capito come va da quelle parti, non posso darti che ragione!
    WHY DO PEOPLE DEPEND ON EACH OTHER? IN THE END YOU'RE ON YOUR OWN.
    - Squall Leonhart -

    GLI UOMINI IMPUGNANO LA SPADA PER LENIRE LE PICCOLE FERITE DELL'ANIMA CHE SUBIRONO IN TEMPI REMOTI... E SE NE SERVONO PER MORIRE CON UN SORRISO SULLE LABBRA.

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •