• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Pag 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati da 1 a 15 di 20

Discussione: La violenza ed i videogiochi. Questione di opinioni?

Cambio titolo
  1. #1
    Fr4nk
    Ospite

    La violenza ed i videogiochi. Questione di opinioni?

    Ho appena finito di leggere un libro, 'Arancia Meccanica', di Anthony Bruges, che tratta il tema della violenza "assunta scientificamente".

    Bene, una buona parte di voi conoscerà Stanley Kubrick; il regista, autore dell'enigmatico '2001 Odissea nello spazio', ha anche girato un film sul romanzo che ho letto e, sul tema della violenza, dà un'importante opinione sui film 'violenti', che io condivido per molti punti, e che credo possa riguardare anche i videogiochi.

    Non ci sono prove che la violenza nei film o alla televisione (1) provochi violenza sociale. Cercar di addossare ogni responsabilità all'arte come causa di vita mi sembra uno sviare il problema...ignorandone le cause principali. L'arte rimodella la vita ma non la crea, non la produce. E poi, attribuire grandi capacità di suggestione al cinema urta con l'esperienza scientificamente assodata che, anche dopo ipnosi profonda, in stato post-ipnotico, una persona non può essere spinta a fare cose in contrasto con la propria natura. Quindi, non accetto tale connessione casuale vita-cinema. Anche supponendo che ci fosse, direi che il tipo di violenza che potrebbe causare un impulso imitativo è quello "divertente": la violenza che vediamo nei film di James Bond o nei cartoons di Tom e Jerry. Violenza irrealistica, igienizzata, presentata in modo burlesco...ma sono convinto che neanche questo ha davvero un effetto. Anzi, ci sarebbe quasi da appoggiare il ragionamento che, in effetti, qualsiasi violenza al cinema assolve a un utile fine sociale, permettendo alla gente di scaricarsi in modo sostitutivo delle emozioni e istinti aggressivi nascosti, che si esprimono meglio nei sogni o nello stato onirico di quando si assiste a un film, che in qualsiasi forma di realtà o di sublimazione.


    (1) Possiamo aggiungerci 'ed ai videogiochi' ?

    Spero che l'argomento sia preso con serietà. |)
    Ultima modifica di Fr4nk; 21-10-2003 alle 20:35:33

  2. #2
    Contegno, suvvia! L'avatar di Prometeo
    Registrato il
    10-02
    Località
    New York
    Messaggi
    7.890
    Certo, i videogiochi non istigano alla violenza
    the e.caffeinomane Xperience
    <Drg`uff> rinoa non sono romantico, sono un semi-isolato che fantastica su cose che non potranno mai accadere
    <Drg`uff> ma no
    <Drg`uff> che m3rda isolato
    <Drg`uff> mettici nerd
    <prm\\> drag, siamo in due
    <Ed\\> anche 3 dai

  3. #3
    Rulez L'avatar di Onizuka
    Registrato il
    06-03
    Località
    °°çèù*èè
    Messaggi
    439
    io ho visto il film "Arancia meccanica"!bellissimo...

    cmq..io credo che i videogiochi nn istighino alla violenza..anzi,sono una valvola di sfogo!

  4. #4
    LIBERATE MY MADNESS L'avatar di Logan86
    Registrato il
    05-03
    Località
    Como
    Messaggi
    3.011
    Inviato da Onizuka
    io ho visto il film "Arancia meccanica"!bellissimo...

    cmq..io credo che i videogiochi nn istighino alla violenza..anzi,sono una valvola di sfogo!
    Esattamente, se l' individuo che gioca non presenta disturbi mentali i videogiochi sono un ottimo sistema per scaricare le frustrazioni; al massimo l' istigamento della violenza si limita durante le sessioni di gioco, ma bisogna saper distinguere la realtà da un gioco...

  5. #5
    ciuaz!!!
    Ospite
    quoto. i videogiochi, da soli, non possono far impazzire una persona. tutto dipende dall'ambiente in cui viviamo, dall'educazione che ci danno i nostri genitori, dalle nostre amicizie....e anche se siamo rincoglioniti già di nostro.

  6. #6
    Bannato L'avatar di Bastard Crow
    Registrato il
    01-03
    Località
    Roma
    Messaggi
    8.715
    Ho letto il libro:magnifico.
    Solo perchè tu,nel videogioco,ammazzi intere gang cubane a colpi di mitra e mazza da baseball
    non significa che nella realtà tu ne venga condizionato abbastanza da metterti a sparare in giro.
    La "scelta" dipende da quello che ognuno di noi ha nella testa:educazione,amicizie,hobby,ecc.....
    Attenti a non fare cazzate tipo rimanere 24 ore davanti a Street Fighters con la TV a palla:
    non vivere realmente è peggio che non vivere.

  7. #7
    Holyman L'avatar di Blind Melon
    Registrato il
    02-03
    Località
    TN
    Messaggi
    4.942
    Inviato da Logan86
    i videogiochi sono un ottimo sistema per scaricare le frustrazioni

    QUOTO!!!!


    CPU:AMD Athlon XP 1800+ MB:Gigabyte GA-7DXR+ Ram:768 MB SV:Sapphire Radeon 9500 Pro 128 MB

  8. #8
    Fr4nk
    Ospite
    Gli psicologi insistono sul fatto che, è vero, negli adulti i cambiamenti psico-somatici sono impercettibili, ma in un adolescente, il cui sistema nervoso non è ancora completamente sviluppato, potrebbe indurre nell'emulazione dell'eroe (od antieroe) del 'giochetto' del computer.

    Ecco, su questo sono completamente d'accordo.

    Tuttavia.. si tratta di casi isolati.

    IMHO, Non si può proibire il vino perché c'è gente che ne fa abuso e ne muore. Non si può proibire l'uso di Internet perché esistono siti pornografici e pirata.
    Non si può proibire.. Non si può.

  9. #9
    Utentente
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    21.598

    Re: La violenza ed i videogiochi. Questione di opinioni?

    Inviato da Fr4nk
    negli adulti i cambiamenti psico-somatici sono impercettibili, ma in un adolescente, il cui sistema nervoso non è ancora completamente sviluppato, potrebbe indurre nell'emulazione dell'eroe (od antieroe) del 'giochetto' del computer.
    Possono dire quello che vogliono, ma secondo me un sedicenne è pienamente capace di capire che quello è solo un gioco, e che non ha niente a che vedere con la realtà. Altrimenti, vuol dire che ha qualche problema (e questi sono casi isolati).

  10. #10
    Bannato L'avatar di Nebel
    Registrato il
    10-03
    Località
    New York
    Messaggi
    241
    Mah, io gioco ormai da 4 mesi a Counter-Strike. Piu' violento di quello conosco solo i generi GTA. Che ho finito entrambi (I due episodi 3d). Oltre a picchiare mio padre quando mi disturba mentre gioco, e perdo, non ci sono notevoli violenze da parte mia

  11. #11
    Griever
    Ospite
    nn sono i Videogiochi che istigano alla violenza.
    ma sono le persone che, se gia rincoglionite di loro, fanno queste cose con l'aiuto dei videogiochi.

  12. #12
    Fr4nk
    Ospite
    Inviato da Nebel
    Mah, io gioco ormai da 4 mesi a Counter-Strike. Piu' violento di quello conosco solo i generi GTA. Che ho finito entrambi (I due episodi 3d). Oltre a picchiare mio padre quando mi disturba mentre gioco, e perdo, non ci sono notevoli violenze da parte mia
    Bha, Counter Strike è un gioco incentrato su azioni sanguinose e violente, ma è così divertente e frenetico che il sangue passa in secondo piano (ma il sangue non c'è?!).

    Ritengo 'cretini' invece i giochi pornografici alla 'Lula the Sexy Empire' oppure i violenti alla 'Postal'.

  13. #13
    Redattore L'avatar di pape
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    9.791

    Re: La violenza ed i videogiochi. Questione di opinioni?

    Inviato da Fr4nk
    Ho appena finito di leggere un libro, 'Arancia Meccanica', di Anthony Bruges, che tratta il tema della violenza "assunta scientificamente".

    Bene, una buona parte di voi conoscerà Stanley Kubrick; il regista, autore dell'enigmatico '2001 Odissea nello spazio', ha anche girato un film sul romanzo che ho letto e, sul tema della violenza, dà un'importante opinione sui film 'violenti', che io condivido per molti punti, e che credo possa riguardare anche i videogiochi.
    Se hai letto il libro (attento che si scrive Burgess l'autore) avrai sicuramente notato come il tema della violenza viene preso più che altro come spunto. Il tema portante non è la violenza di Alex e dei suoi drughi, ma il lavoro di rieducazione/utilizzo politico del protagonista. L'autore di inanerrabili violenze diventa la vittima di una strumentalizzazione politica, un burattino girato di qua e di la a seconda della forza politica che lo controllava. Di qui anche il titolo del libro/film.

    Il finale indica palesemente come non sia la violenza in se o le sue cause il problema, ma l'approccio di chi vuole eliminare la violenza, che non ci si dedica a fin di bene ma solo per ottenerne vantaggio economico/politici. L'eliminare la violenza dai criminali potrebbe anche essere possibile, sempre a sentire Burgess, ma verrebbe a mancare totalmente il libero arbitrio, l'immaginazione. e, come si vede nel film, il vincitore alla fine è Alex: dopo tanti trattamenti, riesce cmq a ritornare come un tempo, violento e crudele. Vince la sua indole cattiva, la sua possibilità di scegliere. E, nel caso del libro, vince anche l'arte, visto che alla fine la peggior violenza è quella psicologica usata come arma contro quella fisica, non quella dipinta da film o libri. O meglio, non quella dei filmini usati per rieducare alex.

    Pape

  14. #14
    Bannato L'avatar di eVolved pOrcO
    Registrato il
    05-03
    Località
    Trento
    Messaggi
    2.003
    I videogiochi non istigano alla violenza, ma molte volte portano il videogiocatore in uno stato di isolazione, soprattutto per chi gioca on-line...

    Olaz Todos

  15. #15
    Redattore L'avatar di pape
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    9.791
    Inviato da eVolved pOrcO
    I videogiochi non istigano alla violenza, ma molte volte portano il videogiocatore in uno stato di isolazione, soprattutto per chi gioca on-line...

    Olaz Todos

    Ha parlato la sfinge... che a quanto pare non tiene conto dei raduni "fisici" di molti giocatori.


    Pape

Pag 1 di 2 12 UltimoUltimo

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •