• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Visualizzazione risultati da 1 a 10 di 10

Discussione: How-To Linux by GamesRadar Users [IMG]

Cambio titolo
  1. #1
    Contegno, suvvia! L'avatar di Prometeo
    Registrato il
    10-02
    Località
    New York
    Messaggi
    7.890

    Messaggio Per tutti i n00b

    Ricompilazione del Kernel


    Per ricompilarlo avete bisogno dei pacchetti kernel-package e kernel-sources, oltre alle libncurses5-dev se userete menuconfig (io uso ovviamente xconfig e quindi al posto delle ncurses utilizzo le tk, il pacchetto è tk8.4).

    make bzlilo a quanto ne so installa il kernel e predispone già lilo alla partenza col nuovo kernel, quindi sì, credo proprio che sovrascriva il vecchio kernel e che non ci sia bisogno di dare make bzimage se si sceglie questa strada '^^

    Io personalmente, dopo aver scaricato i suddetti pacchetti, e aver scompattato il kernel-source in /usr/src, mi sposto nella nuova directory e copio il vecchio config (se ora avete un 2.4.18 il comando sarà il seguente, se no cercatelo, se no potete anche configurare tutto da zero ma lo sconsiglio):
    # cp /boot/config-2.4.18-bf2.4 /usr/src/linux/.config

    Nei vecchi kernel source la cartella scompattata aveva nome 'linux', ora non più, in ogni caso 'linux' dev'essere un link simbolico a quella cartella, perciò prima ancora di copiare il config se non avete sia la directory sia il link simbolico date il comando suggerito prima a Prometeo (con le opportune modifiche di nomi di directory a seconda del kernel):
    # ln -s /usr/src/linux-2.2.20 /usr/src/linux

    Quindi dopo aver predisposto tutto, seleziono le varie opzioni con
    # make xconfig

    Nel vostro caso (se non avete X funzionante) date pure
    # make menuconfig

    Vi sconsiglio di toccare troppa roba se non sapete cosa sia, io prima di snellire il mio kernel avrò riavviato 20-30 volte causa opzioni malsettate (maledetto frame-buffer)
    Tuttavia sarebbe una cosa carina selezionare almeno il vostro tipo di processore in "Processor family" (sito in Processor type and features).
    Questo dovrebbe compilare il kernel per la vostra specifica architettura guadagnando qualcosina nelle prestazioni; se poi avrete bisogno di attivare altre voci in futuro, vi basterà ripetere tutto il procedimento da # make menuconfig in avanti

    Per ora quindi non perdiamoci troppo tempo; dopo aver fatto ciò, fate un po' di pulizia con questi comandi:
    # make dep
    # make clean
    Sempre ovviamente dalla directory dei sorgenti, ossia /usr/src/linux

    Ora è il momento di compilare l'immagine vera e propria del kernel, ci metterà un po' di tempo (se siete passati per Wine e XMame potete già stimare ), date quindi:
    # make bzImage

    Adesso facciamo quel che dovrebbe fare in automatico make bzlilo, ma preserviamo anche il nostro caro vecchio kernel usato fino a ora, che in un modo o nell'altro funziona, se siamo qui a compilare il nuovo
    Innanzitutto aprite il vostro /etc/lilo.conf e controllate qual è il file immagine del kernel attuale; nel mio caso è /vmlinuz (che in realtà credo sia un link simbolico ), in altri casi è /boot/vmlinuz (che dovrebbe essere l'immagine vera);
    Rinominate questa vecchia immagine (o il link simbolico relativo) in modo da poterla utilizzare anche in futuro:
    # mv /vmlinuz /vmlinuz.old

    E ora copiate la nuova immagine appena compilata, potete anche darle un nome che contraddistingua la versione del kernel, ad esempio nel mio caso è vmlinuz-2.4.22, e poi per comodità creare un link simbolico chiamato vmlinuz:
    # mv /usr/src/linux/arch/i386/boot/bzImage /boot/vmlinuz-2.4.22
    # ln -s /boot/vmlinuz-2.4.22 /vmlinuz

    Così potete avere nel lilo.conf due differenti kernel, uno chiamato vmlinuz (il nuovo) e l'altro vmlinuz.old (quello usato fino ad ora); questa è la parte relativa del mio lilo.conf, come vedete non vi resta che aggiungere poche righe lasciando tutto invariato eccetto il nome dell'immagine:

    Codice:
    image=/vmlinuz
            label=Debian2.4.22
           root=/dev/hda8
            append="quiet devfs=mount hdd=ide-scsi acpi=off"
            vga=791
            read-only
     
    image=/vmlinuz.old
            label=Debian2.4.18
           root=/dev/hda8
            append="quiet devfs=mount hdd=ide-scsi acpi=off"
            vga=791
            read-only
    Per finire lanciate il comando che aggiornerà il bootloader, permettendovi dal prossimo reboot di scegliere con quale kernel avviare la vostra distribuzione:
    # lilo

    Per avere più informazioni:
    # lilo -v

    Se vi dà qualche errore, come ha giustamente detto il Nonno, cercate di risolverlo prima di riavviare generalmente si tratta di qualcosa scritto male in /etc/lilo.conf (ad esempio riferimenti a file non esistenti).

    L'ultimissima cosa da fare e compilare e installare i moduli, il che si fa con due comandi (prendetevi un tè intanto che il PC lavora ):
    # make modules
    # make modules_install

    Se non avete avuto casini non vi resta che riavviare e selezionare il nuovo kernel, pregando di non avere kernel panic

    Infine io mi sono creato un paio di utili alias in /root/.bashrc, utili nel caso vogliate ricompilare il kernel successivamente (non usateli la prima volta) senza digitare e ricordare troppi comandi

    Codice:
    [...]
    # alias per la ricompilazione del kernel
    alias krnl_image='make dep && make clean && make bzImage'
    alias krnl_cp='mv /usr/src/linux-2.4.22/arch/i386/boot/bzImage /vmlinuz'
    alias krnl_modules='make modules && make modules_install'
    [...]
    Come vedete ora per compilare il kernel vi basterebbe digitare:
    # krnl_image
    # krnl_cp
    # krnl_modules

    Cmq potrebbe essere una complicazione di cui non vi frega nulla, e non è assolutamente necessaria.

    In questo caso vi ho fatto 'scandire' tutti i comandi uno ad uno, in modo tale che se avete errori sapete in quale fase li avete avuti, ma per fare tutto più velocemente potete -come avrete ormai intuito- separare più comandi dal simbolo &&

    Come sempre se avete dubbi chiedete, se ho detto vaccate correggete, se vi sembra utile datemi il numero di vostra sorella.

    Grazie a Phoenix
    Ultima modifica di Prometeo; 10-11-2003 alle 19:45:24
    the e.caffeinomane Xperience
    <Drg`uff> rinoa non sono romantico, sono un semi-isolato che fantastica su cose che non potranno mai accadere
    <Drg`uff> ma no
    <Drg`uff> che m3rda isolato
    <Drg`uff> mettici nerd
    <prm\\> drag, siamo in due
    <Ed\\> anche 3 dai

  2. #2
    Contegno, suvvia! L'avatar di Prometeo
    Registrato il
    10-02
    Località
    New York
    Messaggi
    7.890

    Messaggio Per tutti i n00b

    Installazione Driver nVIDIA


    Ora, per tutti quelli che hanno una scheda NVIDIA e scaricato i relativi drivers (per IA32 , nel caso dei comuni PC):
    1. Guida sintetica all'installazione dei drivers (oggi ver. 1.0-5328) per schede NVIDIA in 10 punti:
      Premesse: il simbolo # indica l'inizio della riga dove si sta digitando, e non va digitato, le parole in corsivo vanno sostituite intelligentemente, se possibile.
    2. Avviare il proprio sistema Linux
    3. Spingere la combinazione di tasti Ctrl+Alt+F2 (non F+2, proprio F2, quello in alto )
    4. Digitare root e, quando richiesta, la relativa password.
    5. Digitare:
      # init 3
    6. Andare nella cartella dove si è scaricato il file dei drivers utilizzando il comando:
      # cd cartella
    7. Avviare il programma d'installazione:
      # sh NVIDIA-Linux-x86-1.0-versione-pkgN.run
    8. Seguire le istruzioni fino alla fine
    9. Digitare (almeno in Mandrake 9.1 e alcune precedenti):
      # vi /etc/X11/XF86Config-4
      Muovere il cursore, usando le frecce direzionali, fino alla riga:
      Load "dri"
      digitare:
      dd
      eliminerà la riga; eliminare allo stesso modo:
      Load "GLcore"
      Verificare la presenza della riga:
      Load "glx"
      In caso non ci sia, chiamare un tecnico
      Spostarsi alla estrema destra della riga:
      Driver "nv"
      quando il cursore sarà sovrapposto agli ultimi doppi apici della riga, spingere 2 volte il tasto Ins e digitare:
      idia"
      ottenendo "nvidia" , quindi spingere una volta il tasto Esc e digitare:
      :wq
    10. Tornati alla console, digitare:
      # reboot
    11. Pregare
    Buona fortuna
    Spero che questo sia sufficiente (accetto suggerimenti per rendere questa guida idiot-proof , sempre che non ci siano già errori) '|)
    Per queste ed altre informazioni c'è il README (in Italiano).

    Grazie a Nonno Cicala


    Se avete la Mandrake 9.2 leggete qua:
    Nvidia drivers su mdk 9.2
    Ultima modifica di Prometeo; 22-12-2003 alle 14:50:12
    the e.caffeinomane Xperience
    <Drg`uff> rinoa non sono romantico, sono un semi-isolato che fantastica su cose che non potranno mai accadere
    <Drg`uff> ma no
    <Drg`uff> che m3rda isolato
    <Drg`uff> mettici nerd
    <prm\\> drag, siamo in due
    <Ed\\> anche 3 dai

  3. #3
    Contegno, suvvia! L'avatar di Prometeo
    Registrato il
    10-02
    Località
    New York
    Messaggi
    7.890

    Messaggio Per i n00b

    Installazione Java


    Per prima cosa, scarichiamo l'ultima versione di Java, disponibile qua
    Dopo averlo installato, diamo da una shell-root il comando:
    Codice:
    # cd /usr/local/bin && ln -s /usr/java/j2re1.4.1/bin/java J2SE
    Il comando finale "J2SE" è il comando che andremo a digitare per avviare un file java, lo possiamo sostituire con quello che ci fa più comodo, per esempio "j"

    Per avviare un file java, basterà digitare:
    Codice:
    $ J2SE -jar nomedelfile
    Naturalmente dovremmo trovarci nella directory contenente il file


    Grazie a me stesso
    the e.caffeinomane Xperience
    <Drg`uff> rinoa non sono romantico, sono un semi-isolato che fantastica su cose che non potranno mai accadere
    <Drg`uff> ma no
    <Drg`uff> che m3rda isolato
    <Drg`uff> mettici nerd
    <prm\\> drag, siamo in due
    <Ed\\> anche 3 dai

  4. #4
    Contegno, suvvia! L'avatar di Prometeo
    Registrato il
    10-02
    Località
    New York
    Messaggi
    7.890

    Messaggio Per i n00b

    Configurazione Logitech MX700


    Siccome gli utenti di linux e di Logitech stanno aumentando a vista d'occhio, ho deciso di scrivere questo tutorial (tra l'altro, anche io sono un felice possessore di un MX 700 )

    Ora,per cominciare, vi serve un programma chiamato gpm. Per utenti Slackware come me basta cliccare qui e scaricarsi il file. Se usate altre distribuzioni, vi scaricate i sources
    e li compilate. Do per scontato che chi non usa Slackware sappia compilarsi un programma, o cercarsi un rpm.

    Dopo aver scaricato il file gpm-1.19.6-i386-5.tgz dalla Package Directory della Slackware, scrivete :

    Codice:
    [email protected]:~$ installpkg gpm-1.19.6-i386-5.tgz
    in console e lui vi installa gpm.

    Dopo aver fatto questo, fate un backup del vostro /etc/X11/XF86Config in slackware o /etc/X11/XF86Config-6 in debian :

    Codice:
    [email protected]:~$ cp /etc/X11/XF86Config /home/*homedirectory*/XF86Config.backup
    Dopo aver fatto questo, dovete modificare il file:

    Codice:
     [email protected]:~$ pico /etc/X11/XF86Config
    Vi si aprira' il file dove dovrete modificare questa parte del file in questo modo:


    Codice:
     Section "InputDevice"
     	Identifier	"Configured Mouse"
     	Driver		"mouse"
     	Option		"CorePointer"
     	Option		"Device"	"/dev/psaux"
     	Option		"Protocol"		"ImPS/2"
     	Option		"Emulate3Buttons"	"false"
     	Option		"ZAxisMapping"		"4 5"
     	Option          	"Buttons" 		"8"
     EndSection
    Ora manca solamente modificare il file /etc/X11/gdm/gdm.conf , ma naturalmente fate un backup del file come avete fatto per il file XF86Config e dopodiche' inserite all'inizio del file le seguenti righe:

    Codice:
    device=/dev/psaux
    responsiveness=
    repeat_type=raw
    type=imps2
    append=""
    Ora basta che riavviate il vostro Xfree premendo ctrl+alt+Backspace e la pappa e' fatta.

    Se avete problemi scrivetemi.

    Grazie a Nebel
    the e.caffeinomane Xperience
    <Drg`uff> rinoa non sono romantico, sono un semi-isolato che fantastica su cose che non potranno mai accadere
    <Drg`uff> ma no
    <Drg`uff> che m3rda isolato
    <Drg`uff> mettici nerd
    <prm\\> drag, siamo in due
    <Ed\\> anche 3 dai

  5. #5
    Contegno, suvvia! L'avatar di Prometeo
    Registrato il
    10-02
    Località
    New York
    Messaggi
    7.890

    Messaggio Per tutti i n00b

    Partizionamento con Mandrake



    1. Come dicevo, prima di tutto deframmenta il disco da Win, poi:
    2. click!
    3. click!
    4. Regoli la futura dimensione della partizione di Win, il cui minimo è lo spazio occupato al suo interno (non lasciarla esattamente al minimo perché senza un po' di spazio libero Win temo faccia i capricci)
    5. click!
    6. click!
    7. Scorri fino a circa 10000MB
    8. Selzioni FAT32
    9. Inserisci in che cartella vuoi trovare il contenuto della partizione da Linux
    10. click!
    Se tutti i riquadri delle partizioni hanno scritto qualcosa dentro (anche solo / come in figura) e la ripartizione dello spazio ti soddisfa, liberando il sottoscritto da ogni responsabilità, clicca Fatto ; altrimenti clicca la partizione cui manca il testo e dagli un Punto di mount.

    Grazie a Nonno Cicala
    the e.caffeinomane Xperience
    <Drg`uff> rinoa non sono romantico, sono un semi-isolato che fantastica su cose che non potranno mai accadere
    <Drg`uff> ma no
    <Drg`uff> che m3rda isolato
    <Drg`uff> mettici nerd
    <prm\\> drag, siamo in due
    <Ed\\> anche 3 dai

  6. #6
    Contegno, suvvia! L'avatar di Prometeo
    Registrato il
    10-02
    Località
    New York
    Messaggi
    7.890

    Messaggio Per tutti i n00b

    Ricompilazione Kernel 2.6

    Ebbene eccomi qui, con il mio sfavillante 2.6 appena installato:
    Codice:
    [email protected]:/mnt/backup/Filmati$ uname -r
    2.6.0-20dic03
    Come promesso vi faccio un piccolo sunto di cose utili per compilare questo kernel... per ora l'unico inconveniente è che non vedo le scritte al boot (sarà il solito framebuffer ) per il resto il joypad funziona, il DRI funziona, ALSA funziona. Il resto lo proverò in futuro ma per essere una prima compilazione non c'è male

    Questi sono i requisiti per poter compilare il kernel:
    Codice:
    o  Gnu C                  2.95.3                  # gcc --version
    o  Gnu make               3.78                    # make --version
    o  binutils               2.12                    # ld -v
    o  util-linux             2.10o                   # fdformat --version
    o  module-init-tools      0.9.10                  # depmod -V
    o  e2fsprogs              1.29                    # tune2fs
    o  jfsutils               1.1.3                   # fsck.jfs -V
    o  reiserfsprogs          3.6.3                   # reiserfsck -V 2>&1|grep reiserfsprogs
    o  xfsprogs               2.1.0                   # xfs_db -V
    o  pcmcia-cs              3.1.21                  # cardmgr -V
    o  quota-tools            3.09                    # quota -V
    o  PPP                    2.4.0                   # pppd --version
    o  isdn4k-utils           3.1pre1                 # isdnctrl 2>&1|grep version
    o  nfs-utils              1.0.5                   # showmount --version
    o  procps                 3.1.13                  # ps --version
    o  oprofile               0.5.3                   # oprofiled --version
    Ovviamente non tutti questi programmi sono necessari, ma se vi servono, quella è la versione minore consigliata. Ad esempio se non avete partizioni jfs,xfs e ext2 potete fare a meno di e2fsprogs, jfsprogs e xfsprogs. Così come pcmcia-cs vi serve solo se utilizzate pcmcia, e isdn4k-utils se avete isdn, e penso che potrete fare tranquillamente a meno di quota e oprofile.
    Personalmente ho compilato il kernel con gcc-2.95-3, dovrebbe migliorarne la stabilità, ma niente vi impedisce di compilarlo con versioni superiori (>=3.x)
    Notate che dovete procurarvi il pacchetto module-init-tools, dato che le vecchie modutils sono deprecate.
    Inoltre non potete utilizzare il vecchio .config, o almeno è sconsigliato, dato che il kernel è di una famiglia diversa (2.4 != 2.6); quindi configurate tutto da capo.
    Ah, per la configurazione non esiste più il vecchio splendido xconfig basato su tcl/tk, ora avete un xconfig basato sulle qt (librerie di kde, che non posso ghettare per problemi di dipendenze) e un gconfig basato sulle gtk+2.0 (anche qui mi manca un pacchetto che non so quale sia ). Oltre al classico menuconfig basato sulle ncurses; io ho usato, come avrete intuito, quest'ultimo per causa di forza maggiore.

    Dunque visto anche che non potrete riciclare il vecchio config, vanno fatti un paio di appunti sulle features da selezionare: il vecchio agpgart è ora stato diviso in due parti, una è il solito agpgart e l'altra è relativa al vostro chipset. Scegliete quindi entrambi e includeteli nel kernel se volete utilizzare la porta agp.
    ALSA è diventato il driver-set ufficiale per l'audio, mentre OSS è ancora disponibile ma deprecato. Assicuratevi di attivare oss-emul, oss-mixer e oss-pcm tra le altre cose, e di avere i file necessari (alsa-libs e alsa-utils, che trovate sul sito ufficiale www.alsa-project.org o tra i pacchetti della vostra distro).

    Dunque, passiamo all'azione )
    Scaricate i sorgenti linux-2.6.0.tar.bz2 nella directory /usr/src
    Cancellate il vecchio link simbolico linux, e scompattate i sorgenti, poi ricreate il link:
    # cd /usr/src/
    # rm linux
    # tar -xjf linux-2.6.0.tar.bz2
    # ln -s /usr/src/linux-2.6.0 /usr/src/linux

    Ora, la compilazione è cambiata. Niente più millemila comandi beceri, ma un semplice "make && make install", con tanto di "make help" a darvi una mano... diciamo che il comando "make all" si occupa di tutto, moduli compresi. L'unica altra cosa che dovrete fare sarà installare i moduli. Quindi, in sostanza, per compilare ed installare il kernel ora vi basta dare:
    # cd /usr/src/linux
    # make menuconfig
    # make all
    # make modules_install

    Se avete Debian è sempre caldamente consigliato usare il kernel-package, questi sono i comandi che ho dato io:
    $ cd /usr/src/linux
    $ make menuconfig
    $ fakeroot make-kpkg --append-to-version=-20dic03 kernel_image kernel_headers
    $cd ..
    # dpkg -i kernel-image-2.6.0-20dic03_10.00.Custom_i386.deb kernel-headers-2.6.0-20dic03_10.00.Custom_i386.deb

    Ora sistemate come di consueto il vostro lilo.conf, aggiungendo un'immagine /boot/vmlinuz-2.6.0 alle altre. E rilanciate lilo:
    # lilo

    Il nuovo kernel prevede anche un altro filesystem virtuale, che si affianca a /proc, e che sarà utilizzato per avere informazioni quali la temperatura della cpu... per ovvi motivi ancora non l'ho testato, comunque aggiornate il vostro /etc/fstab aggiungendo questa riga:
    Codice:
     sys             /sys            sysfs   defaults        0       0
    Dopodichè create ovviamente la directory-punto di mount:
    # mkdir /sys

    Uabò, mi pare di non aver dimenticato nulla, è il momento di riavviare. Ovviamente fare un floppy di boot col vecchio kernel è una bella cosa, se vogliamo essere paranoici.
    Incrociate le dita e digitate reboot, poi premete invio alla vostra nuova opzione di lilo.
    Quando entrate in X attenzione, perchè col 2.6 il mouse schizza... se come me lo tenevate già ad una velocità smisurata, ora rischiate di non vedere più nulla se non fate attenzione.
    Con un $ cat /proc/asound/cards potete controllare che ALSA abbia riconosciuto la vostra scheda, mentre con
    $ alsamixer
    Potete alzare i volumi (sono a zero di default): togliete il muto premendo M a Master e PCM e alzateli a un valore desiderato, poi con alt+q uscite, e con
    # alsactl store
    Salvate le impostazioni.

    Per ora è tutto, non appena mi verrà in mente qualche altro tip lo posterò, buona compilazione a tutti!


    Grazie a Phoenix [/B][/QUOTE]
    the e.caffeinomane Xperience
    <Drg`uff> rinoa non sono romantico, sono un semi-isolato che fantastica su cose che non potranno mai accadere
    <Drg`uff> ma no
    <Drg`uff> che m3rda isolato
    <Drg`uff> mettici nerd
    <prm\\> drag, siamo in due
    <Ed\\> anche 3 dai

  7. #7
    Contegno, suvvia! L'avatar di Prometeo
    Registrato il
    10-02
    Località
    New York
    Messaggi
    7.890

    Messaggio Per tutti i n00b

    Compilare, installare, disinstallare un programma


    Parte dei programmi per linux richiedono di essere compilati.può sembrare difficile me non lo è affatto(questa guida vale per la maggior parte dei programmi)

    1.Aprire la console di root
    2.Portarsi alla directory dei sorgenti del programma
    3.digitare "./configure"
    4.digitare "make" per compilare i sorgenti
    5.digitare "make install" per installare il programma

    il gioco è fatto

    ...E in tal caso che uno installasse i programmi dai sorgenti e vorrebbe disinstallari?? Ora ve lo spiego:
    1)lanciare una console e dare $su, inserire la password, e si diventa root
    2)Fatto questo entrate da console nella cartella contenente i sorgenti, e se volete disinstallare il tutto date un bel #make uninstall
    the e.caffeinomane Xperience
    <Drg`uff> rinoa non sono romantico, sono un semi-isolato che fantastica su cose che non potranno mai accadere
    <Drg`uff> ma no
    <Drg`uff> che m3rda isolato
    <Drg`uff> mettici nerd
    <prm\\> drag, siamo in due
    <Ed\\> anche 3 dai

  8. #8
    Contegno, suvvia! L'avatar di Prometeo
    Registrato il
    10-02
    Località
    New York
    Messaggi
    7.890

    Messaggio Per tutti i n00b

    Installazione periferiche di massa USB


    Molto semplicemente, l'howto va bene per qualunque periferica di memoria di massa usb (quindi pendrive, lettori mp3, fotocamere digitali...)
    Serve il modulo per gestire questo tipo di device, ossia usb-storage; potete caricarlo con il comando
    # modprobe usb-storage

    e successivamente aggiungerne il nome in fondo al file /etc/modules, oppure ricompilare il kernel mettendolo come built-in.
    Una volta collegata la vostra periferica, essa verrà riconosciuta come disco scsi, quindi come /dev/sda1. Potrebbe essere però che sia riconosciuta con un altro numero (tipo /dev/sda2, sda3 e così via...), un modo semplice per accertarsene e digitare:
    $ cat /dev/sda1

    e se non ricevete il messaggio "No such device or address" ma una serie di caratteri incomprensibile, quello è il vostro dispositivo; in caso contrario controllare con tutti gli altri.
    Una volta individuatolo, create una cartella che farà da punto di mount, ad esempio
    # mkdir /mnt/usb

    e successivamente montateci il dispositivo (do per sconstato che sia sda1 ma ovviamente modificatelo secondo l'output del comando cat appena descritto):
    # mount -t vfat /dev/sda1 /mnt/usb

    infine aggiungete una riga simile nel file /etc/fstab (da root), in modo da poter montare il device semplicemente scrivendo "mount /mnt/usb" in futuro:
    Codice:
    /dev/sda1       /mnt/usb    vfat    user,noauto,umask=0,exec 0      0
    the e.caffeinomane Xperience
    <Drg`uff> rinoa non sono romantico, sono un semi-isolato che fantastica su cose che non potranno mai accadere
    <Drg`uff> ma no
    <Drg`uff> che m3rda isolato
    <Drg`uff> mettici nerd
    <prm\\> drag, siamo in due
    <Ed\\> anche 3 dai

  9. #9
    Utente Gentoo Gnu/Linux L'avatar di []\/[]aStEr-HaCk
    Registrato il
    06-03
    Località
    /dev/sda6
    Messaggi
    1.663
    Compilazione Kernel 2.6x con supporto BootSplash

    1) Introduzione
    La compilazione del kernel è uno degli atti più complessi, ma anche uno dei più interessanti, quando utilizziamo un sistema operativo Gnu/Linu. Come spero molti di voi sanno, la compilazione di un Kernel Linux è un operazione molto delicata, ma al contempo molto importante, in quanto permette all'utente di gestire la propria macchina come meglio crede, magari abilitando il supporto a particolari periferiche, disabilitando driver(aka moduli) che non servono al funzionamento del nostro hardware, aggiungendo delle nuove features che rendono il sistema più performante, ma anche più gradevole, sopratutto nell'aspetto. Proprio di quest'ultima caratteristica ci occuperemo in questo HowTo, che ha come compito quello di spiegare come compilare un kernel della serie 2.6x, patchare il kernel con una patch nota come Nitro2, configurare il kernel in modo da abilitare il supporto al BootSplash e VesaFrame Buffer, applicare un immagine(.jpg) di sfondo all'immagine del kernel, installare il programma per l'applicazione dell'immagine ed infine, configurare LiLo per il nuovo Kernel. Se tutto va bene, ad operazione(i) finita, dovreste avere il boot della vostra distro con una bella immagine di sfondo a farvi compagnia Infine, voglio ricordarvi, che le mie prove sono state fatte su un sistema operativo Debian Gnu/Linux Unstable(sid), quindi questa guida si baserà unicamente su questo sistema. Non sò come vanno le cose con altre distro, ma dovrebbero essere quasi le stesse.

    2) Cosa serve?
    Sorgenti del kernel 2.6x
    Patch Nitro per il kernel 2.6.10 reperibile qui: http://sepi.be/nitro.php
    SplashUtils, potete scaricarlo con apt
    Sfondi per il boot reperibili su: http://www.bootsplash.de/
    Mooolta pazienza...

    3) Cominciamo
    Come prima cosa, procuriamoci i sorgenti di un kernel della serie 2.6x. Potete scaricare la tarball dei sorgenti dal sito: www.kernel.org. Nelle mie prove ho compilato i sorgenti di un kernel “Vanilla”, anche perchè, non so in che cosa andrei in contro se usassi i sorgenti che forniscono i repositories di Debian. Ho preferito utilizzare un bel kernel liscio liscio senza patch per poi mettere su la nitro. Una volta scaricati i sorgenti, copiateli nella cartella che di solito usate per la compilazione, estraeteli, e create il solito link simbolico a /usr/src/linux:

    Codice:
    filth:/usr/src# tar -xjvf linux-2.6.10.tar.bz2
    filth:/usr/src# ln -s linux-2.6.10 linux
    Dopo aver fatto ciò, scaricate dal sito http://sepi.be/nitro.php la patch nitro. Al momento della scrittura di quest'howto la release della patch è arrivata alla Nitro4. Io personalmente non l'ho ancora provata, ma non credo ci siano grossi cambiamenti dalla release che ho usato io nelle mie prove. Dopo aver scaricato la patch, create una cartella sempre in usr/src/ col nome che volete, estraete la patch, e copiatela nella directory che avete appena creato:

    Codice:
    filth:/usr/src# mkdir -p patch
    filth:/usr/src# cp /home/user/patch-2.6.10-nitro2.bz2 /usr/src/patch
    filth:/usr/src# cd patch
    filth:/usr/src/patch# bunzip2 patch-2.6.10-nitro2.bz2
    Ora è arrivato il momento di patchare il nostro bel kernel vanilla con la nitro2. Spostatevi nel link simbolico della cartella dei sorgenti del kernel ed eseguite questi comandi:

    Codice:
    filth:/usr/src# cd linux
    filth:/usr/src/linux# patch -p1 -E < ../patch/patch-2.6.10-nitro2
    E aspettate che il processo sia finito. Se sulla vostra macchina non avete ancora installato il programma patch, le ncurses e tutto ciò che serve per la compilazione di un kernel della serie 2.6x, date questi comandi:

    Codice:
    filth:/usr/src/linux# apt-get install patch initrd-tools cramfsprogs dash gcc make binutils g++ cpp libncurses5-dev module-init-tools
    Adesso prepariamoci alla configurazione del kernel.

    4) Configurazione
    Eccoci giunti al momento più “difficile” dell'operazione. Adesso dobbiamo configurare il kernel. Il metoto che preferisco io, è quello di operare con il menù scritto con le librerie ncurses di cui sopra. Il comando da dare è questo:

    Codice:
    filth:/usr/src/linux# make menuconfig
    Una volta entrato nel menù di configurazione, dopo aver abilitato i moduli di cui avrete bisogno per la vostra macchina, assicuratevi di abilitare il supporto STATICO nel kernel di:

    Codice:
    Block devices >[*] Initial RAM disk (initrd) support
    Graphics support >[*] Support for frame buffer devices
    Graphics support >[*] Support for the framebuffer splash
    Graphics support > <*>   VESA VGA graphics support
    Graphics support > Console display driver support >[*] Framebuffer Console support
    5) Compilazione
    Per la compilazione del kernel, preferisco procedere alla maniera classica. Per chi usa un sistema Debian c'è un modo particolare per compilare un kernel, detto “DebianWay”. Se vi interessa, cercate delle info su google. Ma passiamo al dunque..anzi, ai comandi:

    Codice:
    filth:/usr/src/linux# make -j4
    Questo comando apre quattro thread per la compilazione dei sorgenti, ma non crea ancora nessuna immagine. Prima di creare l'immagine di boot del kernel, assicuriamoci di fare il backup di questo file:

    Codice:
    filth:/usr/src/linux# cp usr/initramfs_data.cpio.gz usr/initramfs_data.cpio-old.gz
    Adesso installate il programma che ha il compito di applicare il tema di sfondo al nostro boot con questo comando:

    Codice:
    filth:/usr/src/linux# apt-get splashutils
    Create la cartella che deve ospitare il tema che scaricherete da www.bootsplash.de , estraete il tema e applicatelo, attraverso splashutils, al kernel:

    Codice:
    filth:/usr/src/linux# mkdir -p /etc/splash
    filth:/usr/src/linux# cp /home/user/Debian-Mist_rev1.tar.bz2 /etc/splash
    filth:/usr/src/linux# cd /etc/splash
    filth:/etc/splash# tar -xjvf Debian-Mist_rev1
    filth:/usr/src/linux# splash_geninitramfs -g usr/initramfs_data.cpio.gz -r 1024x768 Debian-Mist
    Il tema che ho utilizzato io è Debian-Mist, davvero molto carino! Se non riceverete nessun messaggio dalla shell, allora tutto è andato liscio. Adesso compiliamo l'immagine del kernel e i relativi moduli, con questi comandi:

    Codice:
    filth:/usr/src/linux# make -j4 bzImage
    filth:/usr/src/linux# make modules
    filth:/usr/src/linux# make modules_install
    Aspettate che tutto finisca e preparatevi alla configurazio del boot loader, nel mio caso, LiLo.

    6) Configurazione LiLo
    Adesso passiamo alla configurazione del bootloader. Diciamo che è la parte meno noiosa, e laboriosa di tutta sta gran operazione. Come prima cosa, copiate nella cartella /boot la configurazione appena generata dal kernel, il relativo System.map ed infine, l'immagine del kernel appena compilata:

    Codice:
    filth:/usr/src/linux# cp System.map /boot/System.map-2.6.10nitro2
    filth:/usr/src/linux# cp .config /boot/config-2.6.10nitro2
    filth:/usr/src/linux# cp arch/i386/boot/bzImage /boot/vmlinuz-2.6.10nitro2
    Adesso, con il vostro editor di testo preferito, editate il file di configurazione di lilo che trovate in /etc/lilo.conf , aggiungendo le seguenti linee:

    Codice:
    image=/boot/vmlinuz-2.6.10nitro2
            label=Sid2.6.10
            append="video=vesafb:ypan,[email protected] splash=verbose,theme:Debian-Mist"
            read-only
    #       restricted
    #       alias=1
    Così facendo, avrete configurato il boot loader per caricare l'immagine del nuovo kernel, con il relativo append per il caricamento del tema di boot. Altra cosa importante è quella di settare alla linea vga= il valore “normal”, altrimenti il tema non potrebbe partire. Se avete modificato tutto il necessario, reinstallate il bootloader con il comando:

    Codice:
    filth:/usr/src/linux# lilo -v
    Infine, riavviate

    7) Conclusione
    Dopo questi “IMMANI” sforzi, se tutto è andato bene, avrete il boot della vostra distro un po' più allegro del solito, e non più unicamentre strapieno di scritte di configurazione e script di init della distro. Ecco qui come ho sistemato io il boot della mia Debian

    Critiche e suggerimenti, sono ben accetti
    Ultima modifica di []\/[]aStEr-HaCk; 29-01-2005 alle 19:59:04


    [email protected] ~ $ uname -a
    Linux venice64 2.6.15-gentoo-r5 #1 Wed Apr 12 18:48:03 GMT 2006 x86_64 AMD Athlon(tm) 64 Processor 3500+ AuthenticAMD GNU/Linux

  10. #10
    Utente Tostapane L'avatar di WarriorXP
    Registrato il
    10-02
    Località
    MI C.le - LE
    Messaggi
    23.429
    Font corretti in Firefox con KDE

    Il problema nasce dal fatto che Firefox usa le librerie GTK (come Gnome) mentre KDE le QT: da ciò si ha che KDE non renderizza correttamente i fonts di Firefox (o di qualsiasi altra applicazione basata sulle QT).

    Il problema tuttavia si risolve facilmente installando il GTK-Qt Theme Engine.

    Andate sul sito ufficiale del progetto: da qui è possibile procurarsi sia i sorgenti che un applicativo cross-platform. In realtà sono disponibili anche precompilati per Debian, Fedora, Mandrake, Slackware, Ubuntu ($ sudo apt-get install gtk2-engines-gtk-qt) ecc.
    Evito di descrivere l'installazione del sorgente o del .package perché è ampiamente spiegata nel sito ufficiale.

    Una volta portata a termine questa installazione fate ALT + F2 e scrivete kcontrol, quindi assicuratevi che sia presente la voce "GTK Style and Fonts".




    Se la voce è presente e visualizza una finestra come quella in screen allora il pacchetto è installato correttamente.

    Aprite quindi Firefox o riavviatelo se è già aperto per notare i cambiamenti.

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •