• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Visualizzazione risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: Tityre tu patulae, recubans sub tegmine fagi...

Cambio titolo
  1. #1
    Utente L'avatar di vegeth85
    Registrato il
    11-02
    Località
    Roma
    Messaggi
    6.335

    Tityre tu patulae, recubans sub tegmine fagi...

    per anni e anni i critici di Virgilio hanno dibattuto su quale,tra le Georgiche e l'Eneide, fosse il vero capolavoro del poeta...premetto che l'Eneide rimane la mia favorita, però cavoli, anche le Bucoliche (da cui il titolo del topic) fa la sua bella figura...in particolare, la prima egloga, quella in cui il pastore Melibeo deve lasciare le proprie terre e il proprio gregge, mi provoca una sensazione di tristezza incredibile,come mai nessun'altra opera ha mai fatto....

    per voi quale delle 3 è la migliore??






















    urgh,spero che ci sia qualcuno qua dentro che sappia di che sto parlando...
    “Dunque, la vera e perfetta comprensione del bello nell'arte non può ottenersi se non attraverso la visione degli originali stessi e, più che altrove, a Roma. A tutti quelli che dalla natura sono stati dotati della capacità di comprendere il bello e che a ciò sono stati sufficientemente istruiti, è da augurarsi che facciano un viaggio in Italia. Fuori di Roma bisogna, come molti amanti, contentarsi d'uno sguardo e d'un sospiro, cioè apprezzare il poco e il mediocre.”[J.J.Winckelmann];

  2. #2
    Oh my iPod! L'avatar di er patata
    Registrato il
    11-02
    Località
    Bari Downtown
    Messaggi
    13.136
    ehhhhhhhhh?

    A volte credo di essere fin troppo nerd. Naa, never too much.
    Vuoi personalizzare l'aspetto del forum di GamesRadar? Clicca qui!
    Consortium.ru 2004 3D Motion Demo, shocking graphics. (QuickTime 60MB)

    Vuoi guadagnare soldi velocemente? Clicca qui!

  3. #3
    Utente
    Registrato il
    10-03
    Messaggi
    148

    Re: Tityre tu patulae, recubans sub tegmine fagi...

    Inviato da vegeth85
    per anni e anni i critici di Virgilio hanno dibattuto su quale,tra le Georgiche e l'Eneide, fosse il vero capolavoro del poeta...premetto che l'Eneide rimane la mia favorita, però cavoli, anche le Bucoliche (da cui il titolo del topic) fa la sua bella figura...in particolare, la prima egloga, quella in cui il pastore Melibeo deve lasciare le proprie terre e il proprio gregge, mi provoca una sensazione di tristezza incredibile,come mai nessun'altra opera ha mai fatto....

    per voi quale delle 3 è la migliore??






















    urgh,spero che ci sia qualcuno qua dentro che sappia di che sto parlando...













    tranquillo...c'è qualcuno che lo sa...

    certo le Bucoliche hanno il loro effetto...
    io preferisco le Georgiche, anche perché (incredibile ma vero!) non ho mai finito l' Eneide...

  4. #4
    Utente L'avatar di cerberus
    Registrato il
    01-03
    Località
    Salaria Sport Village
    Messaggi
    18.301
    Beh non essendo un esperto latinista, tutte queste opere le ho lette in lingua Italica ( a parte i brani studiati al liceo ) quindi non saprei dare un opinione personale sulla raffinatezza stilistica di Eneide Bucoliche e Georgiche...
    comunque direi Bucoliche...
    Engineers do it better
    "Lo scienziato non studia la natura perché è utile, ma perché ne prova piacere e ne prova piacere perché è bella. Se la natura non fosse bella, non varrebbe la pena studiarla e la vita non varrebbe la pena di essere vissuta”.( Henri Poincaré )
    "Scientists discover the world that exists; engineers create the world that never was."

  5. #5
    Utente L'avatar di vegeth85
    Registrato il
    11-02
    Località
    Roma
    Messaggi
    6.335
    già dal verso iniziale a me mette malinconia, con quelle assonanze in "u"...0_o'
    “Dunque, la vera e perfetta comprensione del bello nell'arte non può ottenersi se non attraverso la visione degli originali stessi e, più che altrove, a Roma. A tutti quelli che dalla natura sono stati dotati della capacità di comprendere il bello e che a ciò sono stati sufficientemente istruiti, è da augurarsi che facciano un viaggio in Italia. Fuori di Roma bisogna, come molti amanti, contentarsi d'uno sguardo e d'un sospiro, cioè apprezzare il poco e il mediocre.”[J.J.Winckelmann];

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •