• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Visualizzazione risultati da 1 a 13 di 13

Discussione: Senza se e senza ma

Cambio titolo
  1. #1
    Inno alla gioia L'avatar di IL CONTE
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    23.307

    Senza se e senza ma

    Una cacofonia, un boato che rompe il relativo silenzio dell’urbe.
    Il palazzo devastato, le auto sventrate e ribaltate per le strade, e il martirologio di vittime innocenti.
    Da qualche anno a questa parte, è un tragico evento ricorrente.
    Con l’attentato alle torri gemelle, nella sua tragicità spettacolare e cinematografica, ha assunto un carattere ancora più forte. Ha colpito un simbolo, il cuore dell’economia mondiale, il gourmet della finanza. E sono morti quasi 3000 civili
    L’America aveva già subito attentati, come nel ’95 a Oklahoma City e in varie ambasciate sparse per il mondo.
    Ma l’11 settembre ha segnato una svolta.
    Dichiarata la guerra al paese che ospitava e proteggeva i terroristi, gli USA avevano dalla sua parte moltissima fetta dell’opinione pubblica e la quasi totalità dei paesi.
    La guerra è stata vinta con facilità dato la forza diGolia; i Davide di turno si sono rifugiati nelle montagne e nei paesi limitrofi.
    I Davide non possono affrontare apertamente il loro nemico, ma devono utilizzare armi non convenzionali.
    Recentemente la guerra all’Iraq, osteggiata dall’opinione pubblica mondiale, è stata giustificata come un continuum della guerra “infinita” intrapresa dopo l’attentato settembrino, affermando con “certezza” che le armi chimiche irachene, sarebbero state utilizzate contro l’occidente.
    Già, le armi chimiche? Una storiella che ha tenuto tutto il mondo incollato alla TV, ha fatto vendere giornali, sbizzarrito opinionisti, ma che si è dimostrata infondata.
    Tanto infondata, che anche l’intelligence alleata ha dovuto truccare e gonfiare i dossier per giustificare la guerra.
    Forse i neoconservatori Americani, dovevano essere più chiari fin dall’inizio sulle reali ragioni della guerra. Il petrolio c’entra, ma non è la ragione scatenante di questa guerra, come asserisce il movimento No/New/Alter Global.
    L’Iraq è si un territorio ricco di petrolio, ma è anche un pozzo di debiti, che superano di gran lunga le reali estrazioni di petrolio e l’amministrazione americana ha un bel daffare al Congresso, che deve approvare lo stanziamento di numerosi e ulteriori fondi per la missione irachena.
    L’esportazione della democrazia nell’area mediorientale è il progetto ambizioso che i neocons si sono prefissati in politica estera, e si giocano la faccia alle prossime elezioni nel 2004.
    Se l’Iraq entro due anni diverrà una democrazia, questo fatto potrà creare un effetto domino nell’area, svellendo gli imperituri governi teocratici e favorendo il processo di democratizzazione.
    Sarà una vittoria per tutti, e l’alchimia della diplomazia “bombarola” avrà sortito gli effetti sperati.
    Se fallirà, produrrà un ulteriore ondata di terrorismo, che si sta riorganizzando. In questi ultimi tempi si è drammaticamente attivato molto, a Riad, a Nassirya, a Instanbul
    Questa è la lotta al terrorismo mondiale jihadista, ad Al Qeida, e ad altri gruppi correligiosi
    Questi terroristi non sono indigenti o disgraziati come i palestinesi che si fanno saltare in aria.
    Ma sono persone che hanno studiato in Europa o America, hanno una conoscenza della nostra cultura, hanno una preparazione.
    Hanno maturato un odio sviscerale verso tutto quello che è occidente, odio verso il mondo islamico appoggia in qualche modo l’occidente e soprattutto gli Usa.
    Bin Laden e l’elite ristretta intorno a lui vuole creare un califfato panarabista, vuole cacciare gli ebrei da Israele e vuole imporre l’interpretazione fondamentalista della religione islamica che li offre un ottimo pretesto per arruolare kamikaze e uomini pronti all’uso e assuefarli ai suoi scopi
    Non sappiamo in che percentuale la religione sia l’ispiratrice di questa guerra santa, gli interessi economici e politici sono presenti e non hanno un ruolo di secondo piano.
    Anche se Bin Laden fosse morto o venisse catturato, il terrorismo continuerebbe la sua folle guerra.
    Collaborare con le forze moderate dell’Islam, maggiore interazione tra le intelligence mondiale e una univoca condanna “senza se e senza ma” al terrorismo, sono alcuni punti fermi che dovranno tenere in considerazione i governi.

  2. #2
    "'nnaggiaasandaaa!!"(cit) L'avatar di Felix486
    Registrato il
    10-02
    Località
    (Te)
    Messaggi
    4.473
    a me sarebbe piaciuto che gli States avessero optato per una strada non violenda dall'inizio...
    in questo modo fa solo paura...

    però... ormai hanno iniziato... ed io non permetterò, nel mio piccolo, che non finiscano quello che hanno iniziato... perchè adesso devono fare il grosso... anzi dobbiamo (se si guarda con identità "nazionali")

    ed è la parte più delicata...

    perchè le due strade, le due possibilità che dici tu ci sono... forse non sono proprio le uniche (tutto è possibile) ma sono di certo le più probabili...


    (spero di non aver detto delle cavolate)
    -=Felix486=-

  3. #3
    Bannato L'avatar di Zahk
    Registrato il
    09-03
    Località
    Milano
    Messaggi
    6.024
    Bello schifo questo mondo.

  4. #4
    "'nnaggiaasandaaa!!"(cit) L'avatar di Felix486
    Registrato il
    10-02
    Località
    (Te)
    Messaggi
    4.473
    Inviato da Zahk
    Bello schifo questo mondo.
    a volte, anzichè crticare, dovremmo cercare di fare in modo che, con le nostre azioni, il mondo migliori.
    -=Felix486=-

  5. #5
    Bannato
    Registrato il
    06-03
    Località
    stanza imbottita
    Messaggi
    5.545
    Inviato da Felix486
    a volte, anzichè crticare, dovremmo cercare di fare in modo che, con le nostre azioni, il mondo migliori.
    Concordo.Criticare e basta non porta a nulla.

  6. #6
    CodeRed
    Ospite
    sono tutte cose che sapevamo [almeno a titolo personale, lo sapevo].

    Non posso dire altro visto che il tuo messaggio è l'apoteosi della centralità e manca una presa d'opinione.
    Vabene che vuoi fare l'estremista democratico, però cavolo una tua opinione la devi avere!

  7. #7
    "'nnaggiaasandaaa!!"(cit) L'avatar di Felix486
    Registrato il
    10-02
    Località
    (Te)
    Messaggi
    4.473
    Inviato da CodeRed
    sono tutte cose che sapevamo [almeno a titolo personale, lo sapevo].

    Non posso dire altro visto che il tuo messaggio è l'apoteosi della centralità e manca una presa d'opinione.
    Vabene che vuoi fare l'estremista democratico, però cavolo una tua opinione la devi avere!
    perchè obbligare le persone a sbagliare?
    -=Felix486=-

  8. #8
    Inno alla gioia L'avatar di IL CONTE
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    23.307
    Inviato da CodeRed
    sono tutte cose che sapevamo [almeno a titolo personale, lo sapevo].

    Non posso dire altro visto che il tuo messaggio è l'apoteosi della centralità e manca una presa d'opinione.
    Vabene che vuoi fare l'estremista democratico, però cavolo una tua opinione la devi avere!
    Traspare. traspare l'opinione...basta leggere tra le righe.
    Estremista democratico, non mi pare propria l'essenza di questo pezzo.

  9. #9
    Pirla.Cinico e Pirla. L'avatar di Mulder
    Registrato il
    10-02
    Località
    Lunigiana
    Messaggi
    3.544
    Inviato da CodeRed
    sono tutte cose che sapevamo [almeno a titolo personale, lo sapevo].

    Non posso dire altro visto che il tuo messaggio è l'apoteosi della centralità e manca una presa d'opinione.
    Vabene che vuoi fare l'estremista democratico, però cavolo una tua opinione la devi avere!

    ESTREMISTA DEMOCRATICO che vuol dire?
    "Quando ti vien voglia di criticare qualcuno" mi disse "ricordati che non tutti a questo mondo hanno avuto i vantaggi che hai avuto tu." (Il Grande Gatsby)

  10. #10
    Utente L'avatar di cerberus
    Registrato il
    01-03
    Località
    Salaria Sport Village
    Messaggi
    18.301
    Se trascuriamo le cause prime della guerra in Iraq e ne esaminiamo mezzi e conseguenze, non possiamo condannare la "diplomazia bombarola"...
    Semplicemente perchè l'alternativa a tale diplomazia era l'immobilismo ( o la polizia internazionale, che sempre immobilismo è, solo che ci rimetti dei soldi... ), che avrebbe mantenuto lo status pre bellico. Tale status consisteva essenzialmente in una dittatura ( neppure "benevola" ), pertanto non mi sentirei di giudicare corretta l'eventuale scelta dell'immobilismo...
    Ma ammettiamo, per sfizzio, che fosse la soluzione migliore; che attraverso elaborate manovre di polizia internazionale Saddam fosse stato spodestato, e l'Iraq trasformato in una democrazia...
    il problema del terrorismo internazionale sarebbe stato risolto?
    No... perchè il terrorista dell'11 Settembre, o dell'attentato di Nasserya, non è un disperato, non è un poveraccio che muore di fame perchè gli Stati Uniti ( o chi per essi ) lo hanno privato della propria terra... è di solito un giovane di media cultura, sufficientemente benestante, che odia l'occidente in quanto Cristiano prima che ( secondo lui ) prevaricatore...
    A tale giovane non importerà se l'Iraq sia stato liberato con la polizia o con le bombe, importerà solo che l'infedele abbia violato la "sua" terra...
    Engineers do it better
    "Lo scienziato non studia la natura perché è utile, ma perché ne prova piacere e ne prova piacere perché è bella. Se la natura non fosse bella, non varrebbe la pena studiarla e la vita non varrebbe la pena di essere vissuta”.( Henri Poincaré )
    "Scientists discover the world that exists; engineers create the world that never was."

  11. #11
    Ballerino latino L'avatar di Nio
    Registrato il
    10-02
    Località
    paesino di campagna
    Messaggi
    2.435
    buon posto conte, e mi prendo la briga di rispondere coerentemente.(x chi ha pazienza di leggere )
    Allora, partiamo dal principio. L'11 settembre ha fatto scoprire a tutto L'occidente l'INSICUREZZA. Bush e compagni non potevano rimanere molto con questo piede e hanno portato il contrattacco. Diciamo che aspettavano il momento giusto, xè, oltre ai motivi del petrolio, la volontà di democratizzare i paesi mussulmani è il motivo principale. Questo è dimostrata dal fatto che gli Usa vogliono ripararsi dal futuro orso econonomico che potrà dargli diversi grattacapi: la Cina. Se facciamo un passo indietro nella storia, vediamo che questo tipo di politica era gia stata intrapresa finita la seconda guerra mondiale per dare gli aiuti economici all'Europa(piano marshall) in modo da usarla come "cuscinetto" contro il vecchio orso: la Russia.
    E non saranno di certo i guerriglieri di Saddam, né gli attentati di al-Qaeda o di qualche gruppo di Taleban a fermare un piano strategico di tale portata.
    Oggi il rischio maggiore, a livello di guerra di propagande opposte, è che Saddam diventi il nuovo "eroe" dell’ Islam, oltretutto senza quei caratteri negativi di cinico "signore del terrore" di un Osama bin Laden, visto che egli - agli occhi delle masse arabe - sta legittimamente organizzando la resistenza contro una potenza occupante e nemica dell’Islam.
    Questo risveglierebbe, con conseguenze incalcolabili, il nazionalismo arabo che a suo tempo fece della liberazione dal dominio coloniale turco-ottomano la sua bandiera.
    -Nio,portatore dell'iNioranza.
    -Quello che è giusto è sbagliato, quello che è arrivato se nè andato, quello che è chiaro e luminoso non è così sicuro. Tutte le promesse diventano menzogna. Tutto ciò che è benevolo si corrompe nel tempo(Graffin, Bad Religion)
    -Gli uomini non impareranno mai dai loro sbagli, finchè non si faranno del male da soli.
    - "L'uomo non crede più in Dio. Perchè l'uomo si sente sicuro, nel suo cuore ci sono altri valori che non sono quelli dell'amore, della giustizia e della fraternità. L'uomo pensa di essere Dio stesso".
    avrai un mondo bellissimo, in cui potrai fare tutto ciò che vuoi, perchè tu sei libero, come un passerrotto. ma quando ti sveglierai dal sonno, vedrai un contorno atroce e violento in quella cornice che sembrava tanto bella e perfetta.
    "Dio offre il destino, ma è l'Uomo a sceglierlo"(Miura, Berserk)
    Punk nella TESTA, non nella CRESTA

  12. #12
    Payable On Death L'avatar di Unknown
    Registrato il
    10-02
    Località
    Monsummano Terme (PT)
    Messaggi
    2.030
    Inviato da Nio
    Oggi il rischio maggiore, a livello di guerra di propagande opposte, è che Saddam diventi il nuovo "eroe" dell’ Islam, oltretutto senza quei caratteri negativi di cinico "signore del terrore" di un Osama bin Laden, visto che egli - agli occhi delle masse arabe - sta legittimamente organizzando la resistenza contro una potenza occupante e nemica dell’Islam.
    Questo risveglierebbe, con conseguenze incalcolabili, il nazionalismo arabo che a suo tempo fece della liberazione dal dominio coloniale turco-ottomano la sua bandiera.
    Non credo che si corra questo pericolo.
    Il rango di Musulmani che il regime di Saddam uccideva in massa (sciiti se non ricordo male*) si è unito all'esercito USA e GB nel liberare il paese.

    L'importante è che gli USA insieme ai paesi Europei e ai paesi Musulmani Democratici si uniscano sotto una sola bandiera...è dovere di ogni persona libera far si che tutto il mondo sia libero...

    clicca sull'userbar qui sopra per accedere al mio sito...si può fare pubblicità su gamesradar ???



    Sparo minchiate in verde e corsivo . Chiarimenti non ne do.

  13. #13
    Utente L'avatar di Roy
    Registrato il
    10-02
    Località
    Limbo
    Messaggi
    5.225
    Non rispondo a nulla. Riguardo alla guerra, vi propongo una cosa, guardatevi il film "El Alamein - La linea del fuoco". Probabilmente ora non ho la testa di rispondere.
    Maestro Sensate

    Moderazione in rosso e grassetto . Chiarimenti ne Il Forum dei Forum o in privato

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •