• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Pag 1 di 6 1234 ... UltimoUltimo
Visualizzazione risultati da 1 a 15 di 87

Discussione: Perche Che Guevara...........

Cambio titolo
  1. #1
    Basketman #9 L'avatar di Salem
    Registrato il
    07-03
    Messaggi
    1.192

    Perche Che Guevara...........

    Perchè quando si fanno i raduni per la pace o roba del genere spunta immancabilmente il bandierone cubano con la faccia di Che Guevara?
    Senza nulla togliere al personaggio voglio ricordare che sebbene si sia sempre prodigato affinchè regnasse la libertà molte volte per affermare i suoi ideali ha usato le armi .Quindi se i pacifisti vedono l'uso delle armi come un a sconfitta per la civiltà ,perchè nei comizi spunta sempre il faccione di Che Guevara?????
    Nel mondo tutti siamo utili ma nessuno è indispensabile
    BARCOLLO MA NON MOLLO

  2. #2
    Me lo sono sempre chiesto anche io.
    La pazzia dilagherà... un giorno...

  3. #3
    CodeRed
    Ospite

    Re: Perche Che Guevara...........

    Inviato da Salem
    Perchè quando si fanno i raduni per la pace o roba del genere spunta immancabilmente il bandierone cubano con la faccia di Che Guevara?
    Senza nulla togliere al personaggio voglio ricordare che sebbene si sia sempre prodigato affinchè regnasse la libertà molte volte per affermare i suoi ideali ha usato le armi .Quindi se i pacifisti vedono l'uso delle armi come un a sconfitta per la civiltà ,perchè nei comizi spunta sempre il faccione di Che Guevara?????
    è il simbolo della battaglia, fino alle armi, per i propri ideali.

  4. #4
    Ecco il motto di quel grande uomo di pace: <<creare due, tre, mille Vietnam!>>.
    Eccovi la storia vera di Che Guevara presa da "Il libro nero del comunismo"

    Di buona famiglia, nasce a Buenos Aires nel 1928 Ernesto Guevara De La Serna detto “Che”. Appassionato di viaggi in motocicletta, gira in lungo e in largo per l’America Latina, conosce luoghi e realtà diverse. In una notte del 1955 incontra in Messico un giovane avvocato cubano in esilio che si prepara a rientrare a Cuba, Fidel Castro. Subito entrano in sintonia, condividendo ideali e la volontà di espropriare il dittatore Batista dal territorio cubano. Il “Che” sbarcherà a Cuba insieme a Fidel e altri guerriglieri in esilio. Nel 1956, autonominatosi comandante di una colonna di partigiani, si fa notare per la sua crudeltà e determinazione: un ragazzo non ancora ventenne, un guerrigliero della sua unità, rubò per fame un pezzo di pane ad un compagno, e senza processo o interrogatorio Guevara lo fece legare ad un palo e giustiziare mediante fucilazione. Scacciato il dittatore Batista, la popolazione cubana era in festa, ma non sapeva che i successori avrebbero portato molti più morti e disperazione che la speranza di una vita migliore! L’ufficio in cui esercita “Che” Guevara diventa teatro di torture e omicidi tra i più efferati. Secondo alcune stime, sarebbero stati uccise oltre 20.000 persone, per lo più ex compagni d’armi che si rifiutavano di obbedire e che si conservavano, al contrario del “Che”, democratici e non violenti. Nel 1960 il “pacifista” Guevara istituisce un “campo di concentramento” sulla penisola di Guanaha dove trovano la morte oltre 50.000 persone “colpevoli” soltanto di non condividere i suoi ideali di “pace” e “fratellanza”! Ma non sarà il solo campo; altri ne sorgeranno, come a Santiago di Las Vegas dove c’è il campo di Arco Iris, come il campo di Nueva Vida nel sud-est dell’isola, come il campo di Capitolo nella zona di Palos, quest’ultimo è un campo speciale per bambini sotto i dieci anni! Se una persona si era resa colpevole di un reato a sfondo politico veniva arrestata insieme a tutta la famiglia! La maggior parte degli internati veniva lasciata con indosso le solo mutande, le celle non erano mai pulite, si lasciavano a marcire per anni nei propri escrementi in attesa di fucilazioni o torture indicibili!

    Successivamente gli fu conferito l’incarico di Ministro dell’Industria e presidente del Banco Nacional, la Banca Centrale di Cuba. Guevara non perde tempo a mettere in pratica il suo “modello sovietico”! Elogia l’odio per la proprietà e per lo “sporco” denaro, ma sceglie di abitare in una grande e lussuosa casa colonica in un quartiere residenziale a L’Avana! Impone la povertà forzata alla popolazione mentre lui vive nel lusso più abominevole in cui si possa trovare un comunista! Pratica sport impensabili per l’economia di Cuba, sia allora che oggi! La vita “comoda” e l’ozio ammorbidiscono il guerrigliero “Che” Guevara; mette su qualche chilo e passa il tempo tra una festa e le gare di tiro al volo, ma non disdegna la caccia grossa e la pesca d’altura.

    Nel suo testamento, da buon allievo della scuola Maoista-Leninista del Terrore, scrive: <<AMO in uccidere per macchina perfetta una trasforma li e selettivi freddi, uomini gli rende questo perché tra l’intolleranza l’odio creare bisogna l’odio,>>. Queste parole vengono dall’uomo che per oltre 30 anni è stato falsamente mitizzato come simbolo di pace ed uguaglianza, di amore per il prossimo e di fratellanza.

    Guevara si adopera a diffondere sistematicamente la guerriglia nel mondo, il suo motto è: <<creare due, tre, mille Vietnam!>>. Nel 1963 è in Algeria dove si unisce a Dèsirè Cabila, un marxista, un grande sterminatore di popolazioni civili! Il suo desiderio di diffusione per la lotta armata, lo porta nel 1967 in Bolivia dove si allea con il Partito Comunista Boliviano, ma non riceve alcun appoggio dalla popolazione locale, nessuno di loro si unisce alla sua unità di guerriglieri. Isolato e braccato, Ernesto “Che” Guevara fu catturato dai miliziani boliviani e giustiziato il 9 ottobre 1967.

    Di tutto quest’orrore sopra descritto non si è mai saputo niente d’ufficiale fino alla grande fuga del popolo cubano del 1980! Milioni di cubani si riversarono nella locale ambasciata del Perù chiedendo asilo politico per la vita durissima imposta loro dal Regime Dittatoriale Comunista. Fidel Castro concesse a solo 125.000 persone il permesso di lasciare l’isola; fu concesso l’asilo politico agli internati dei manicomi criminali, ai peggiori individui, ai mutilati, ai delinquenti comuni, ai poveri senza fissa dimora, ai barboni, a gente che Castro non considerava esseri umani e a cui diceva di interessarsi poco! Castro approfittò della situazione per liberarsi definitivamente da questi rifiuti umani (diceva lui) scaricandoli alla tanta odiata America

  5. #5
    Ex admin L'avatar di Lex
    Registrato il
    10-02
    Località
    Udine
    Messaggi
    36.677
    Perchè era di sinistra.
    You will die, mortal


    Gli interventi di moderazione sono in rosso e grassetto. Chiarimenti a riguardo in privato.
    A causa di limiti di tempo, non risponderò a questioni relative al forum su MSN salvo in casi di reale emergenza. Se avete bisogno di contattarmi, mandatemi un mp.

  6. #6
    Basketman #9 L'avatar di Salem
    Registrato il
    07-03
    Messaggi
    1.192

    Re: Re: Perche Che Guevara...........

    Inviato da CodeRed
    è il simbolo della battaglia, fino alle armi, per i propri ideali.
    ma non ti sembra un controsenso dire NO alle armi e poi mitizzare un personaggio che le ha sempre usate come mezzo per i propri fini
    Nel mondo tutti siamo utili ma nessuno è indispensabile
    BARCOLLO MA NON MOLLO

  7. #7
    drogato di WoW L'avatar di dash
    Registrato il
    11-02
    Messaggi
    3.681
    bello...8(

  8. #8
    Utente L'avatar di vegeth85
    Registrato il
    11-02
    Località
    Roma
    Messaggi
    6.335

    Re: Perche Che Guevara...........

    Inviato da Salem
    Perchè quando si fanno i raduni per la pace o roba del genere spunta immancabilmente il bandierone cubano con la faccia di Che Guevara?
    ipocrisia?ignoranza?moda?neuroni in sciopero?non saprei davvero quale scegliere...forse tutte e quattro
    “Dunque, la vera e perfetta comprensione del bello nell'arte non può ottenersi se non attraverso la visione degli originali stessi e, più che altrove, a Roma. A tutti quelli che dalla natura sono stati dotati della capacità di comprendere il bello e che a ciò sono stati sufficientemente istruiti, è da augurarsi che facciano un viaggio in Italia. Fuori di Roma bisogna, come molti amanti, contentarsi d'uno sguardo e d'un sospiro, cioè apprezzare il poco e il mediocre.”[J.J.Winckelmann];

  9. #9
    CodeRed
    Ospite
    mi complimento con al caruso per lo sforzo nel non essere fazioso....

  10. #10
    Utente L'avatar di vegeth85
    Registrato il
    11-02
    Località
    Roma
    Messaggi
    6.335
    Inviato da CodeRed
    mi complimento con al caruso per lo sforzo nel non essere fazioso....
    l'hai letto almeno il libro nero del comunismo?e allora cosa giudichi?
    “Dunque, la vera e perfetta comprensione del bello nell'arte non può ottenersi se non attraverso la visione degli originali stessi e, più che altrove, a Roma. A tutti quelli che dalla natura sono stati dotati della capacità di comprendere il bello e che a ciò sono stati sufficientemente istruiti, è da augurarsi che facciano un viaggio in Italia. Fuori di Roma bisogna, come molti amanti, contentarsi d'uno sguardo e d'un sospiro, cioè apprezzare il poco e il mediocre.”[J.J.Winckelmann];

  11. #11
    Inno alla gioia L'avatar di IL CONTE
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    23.307
    Inviato da CodeRed
    mi complimento con al caruso per lo sforzo nel non essere fazioso....
    Fazioso sei te che non ammetti i crimini di questo individuo e l'incoerenza di chi erge il vessillo del CHE, come simbolo di pacifismo.

  12. #12
    Utente L'avatar di FRAT is back
    Registrato il
    11-03
    Messaggi
    858

    Re: Re: Perche Che Guevara...........

    Inviato da vegeth85
    ipocrisia?ignoranza?moda?neuroni in sciopero?non saprei davvero quale scegliere...forse tutte e quattro

    indiscutibilmente moda
    non è raro vedere aggirarsi per i licei gente con le magliette del Che, bandiere del Che, tatuaggi del Che etc..etc..

  13. #13
    Utente L'avatar di pasquale7bellezze
    Registrato il
    05-03
    Località
    Torino
    Messaggi
    11.760

    Re: Re: Re: Perche Che Guevara...........

    Inviato da FRAT is back
    indiscutibilmente moda
    non è raro vedere aggirarsi per i licei gente con le magliette del Che, bandiere del Che, tatuaggi del Che etc..etc..
    Quoto, cmq la moda fa tanti danni alle ideologie.
    Solo per farsi fighi si segue un ideologia.
    Ricordo di un amico che mi ha raccontato di una sua amica che mentre scherzavano lei gli fa:- EHI, guarda che ho gli amici SKINS, che ti menano con il MANGANELLO DI MUSSOLINI.
    Quando me lo ha detto siamo scoppiati a ridere.
    Questo è un esempio di demenza umana.

  14. #14
    Utente L'avatar di FRAT is back
    Registrato il
    11-03
    Messaggi
    858

    Re: Re: Re: Re: Perche Che Guevara...........

    Inviato da pasquale7bellezze
    Quoto, cmq la moda fa tanti danni alle ideologie.
    Solo per farsi fighi si segue un ideologia.
    Ricordo di un amico che mi ha raccontato di una sua amica che mentre scherzavano lei gli fa:- EHI, guarda che ho gli amici SKINS, che ti menano con il MANGANELLO DI MUSSOLINI.
    Quando me lo ha detto siamo scoppiati a ridere.
    Questo è un esempio di demenza umana.

    oh mio Dio!!!!!!!!!!!!!!!!!

  15. #15
    Utente L'avatar di pasquale7bellezze
    Registrato il
    05-03
    Località
    Torino
    Messaggi
    11.760

    Re: Re: Re: Re: Re: Perche Che Guevara...........

    Inviato da FRAT is back
    oh mio Dio!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Sarà un pezzo di antiquario
    La targhetto sotto il manganello
    "Manganello di Mussolini risalente alla marcia su Roma".
    Credo che la gente diventi sempre più stupida...

Pag 1 di 6 1234 ... UltimoUltimo

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •