• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Visualizzazione risultati da 1 a 9 di 9

Discussione: [GMC]Recensione NBA Live 2004

Cambio titolo
  1. #1
    Moderatore Avvocato L'avatar di Sah
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    9.375

    [GMC]Recensione NBA Live 2004

    Come ormai tutti saprete il sottoscritto è un grande appassionato di tutti gli sport americani e l'NBA si colloca sicuramente al primo posto della mia personalissima classifica.Attendevo con grande ansia la recensione di gmc(nonostante abbia già il gioco import) per conoscere anche l'opinione dei redattori.Dopo aver letto tutto il testo di Alessandro Galli, posso ritenermi molto deluso. Inanzitutto, secondo me, si denota una certa superficialità nell'analizzare ogni singolo punto. il gioco viene condannato con ben due meno in quanto "abbastanza difficile" e "situazioni a volte troppo caotiche".

    Per quanto riguarda il primo punto, concordo che ci sia stata un'elevamento della curva di difficoltà ma il tutto si rivela essere più realistico con compagni ed avversari più reattivi, e che sfruttano meglio le tattiche.Dopo qualche partita ai livelli più bassi anche un dilettante riuscirà a padroneggiare sul gioco.Il passaggio al livello di difficoltà successivo sarà determinato non dall'eccessiva facilità ma nella ricerca di una sfida ancora maggiore.

    Il basket,come tutti sanno, si gioca 5 vs 5 in un campo relativamente piccolo soprattutto se confrontato con le ampie praterie di un terreno verde con due porte.E' quindi lecito aspettarsi che quando si raggiunga il cesto si crei all'interno dell'area di gioco una situazione di caos.Il tutto è perfettamente proporzionale.Succede nella serie A italiana, succede tra i giganti dell'NBA ed infine succede anche in NBA Live.Anzi se vogliamo esser pignoli le mischie si rivelano esser ben poche e spesso sbrogliate quando il centro o l'ala piccola(nel 90% dei casi) recupera palla.

    Altri punti qua e là che mi hanno fatto storcere il naso e che vanno ad avvalorare la mia tesi di una recensione piuttosto trascurata è la decisione di non nominare, neanche per sbaglio, un giocatore dell'NBA.Capisco magari l'intenzione di dare una determinata struttura alla recensione, ma almeno un commentino alle note, anche minimo, sarebbe stato assai gradito
    Concludo infine con una quisquiglia giusto per portare la mai pignoleria al massimo livello.Nel box "in italiano" il recensore commenta con soddisfazione la presenza della telecronaca in lingua originale.Per quanto rispetti la sua opinione non la condivido considerando il commentatore italiano dell'edizione precedente(Fabio Tranquillo, giornalista Sky) assolutamente migliore di qualsiasi americano


    infine un regalino per gorman



    non l'ho creato io ma è un rookie della stagione 2005/2006

  2. #2
    Moderatore Avvocato L'avatar di Sah
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    9.375
    possibile che nessuno abbai qualcosa da dire?

  3. #3
    Future Team Singer&Biker L'avatar di alegalli
    Registrato il
    10-02
    Località
    Saronno - Repax Village
    Messaggi
    1.701
    Inviato da Sah
    possibile che nessuno abbai qualcosa da dire?
    Tranquillo (Fabio), adesso abbaio un po' io.

    Punto primo: la difficoltà. Paragonato alle altre edizioni, il gioco è diventato secondo me più impegnativo e molto meno "pick up & play". Ampliando un po' il concetto di "abbastanza difficile" aggiungo che ci vuole un po' a battere la CPU a livello rookie. No, non credo che anche un dilettante riesca a vincere facilmente dopo poche partite. Magari uno che ha giocato molto ad altri titoli della serie, ma chi si avvicina per la prima volta a questo gioco è giusto che sappia che non sarà il solito "slam dunk" festival.

    Punto due: concordo pienamente sull'analisi del gioco basket. Dissento in parte dalle considerazioni su NBA Live 2004. Perché se è vero che il caos a volte fa parte del gioco, capita che sia davvero difficile leggere determinate situazioni, con giocatori che a volte - ma sto parlando di avvenimenti abbastanza rari - tengono comportamenti incomprensibili in relazione all'azione in corso. Cosa che, per dirla tutta, non capita nei giochi SEGA, che restano secondo me ancora il punto di riferimento.

    Per quanto riguarda la superficialità della recensione, be', io amo il basket televisivamente e sono pure abbonato della SIEV Saronno (B2). Forse non ne capisco niente, ma lo seguo abbastanza da pensare di poterne parlare risultando di essere comprensibile per tutti, e non solo per i mega appassionati.

    Esattamente quale aspetto di gioco non ti è sembrato sufficientemente approfondito? Oppure non sei d'accordo col voto?

    Infine:
    Kobe Bryant, Rasheed Wallace, Carl Malone, Latrell Sprewell, Mark Bibby, James Parker, Jason Kidd, Allen Iverson, Gary Payton. Se vuoi continuo a elencare tutti i giocatori dell'NBA, giusto per rimarcare il fatto che NBA Live 2004 ha tutti - ma proprio tutti - i giocatori dell NBA (almeno fino all'11 ottobre 2003).

    Ovviamente

    ciao

    ag
    "Il prezzo della libertà è l'eterna vigilanza" - Wendell Phillips

  4. #4
    Moderatore Avvocato L'avatar di Sah
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    9.375
    Tanto per cominciare il playmaker di San Antonio non è James Parker ma Tony e se vogliamo esser pignoli il suo nome di battesimo è Antony, poi Malone si chiama Karl e non Carl ma soprattutto MIKE! Bibby e non Mark...

    Già questo sinceramente denota una forte insufficienza nelle conoscenze dei giocatori nba e non da parte del gioco

    Anche per un giocatore inesperto e che magari non si è mai avvicinato ad un gioco di basket l'esperienza è importante ma NBA soprattutto a livello rookie offre un talmente basso livello di sfida che chiunque(ho testimonianze di quanto stò affermando) potrebbe dopo poche partite vincere facilemente.

    Riguardo al secondo punto vedo una marcia indietro da parte tua rispetto a quanto affermi nella recensione ma tuttavia non sono ancora convinto al 100% poichè soprattutto quando vengono chiamate le tattiche i giocatori si dispongono in maniera ottimale e se succede che un player viene saltato un compagno cerca di sostituirlo per tappare il buco lasciato libero

  5. #5
    Future Team Singer&Biker L'avatar di alegalli
    Registrato il
    10-02
    Località
    Saronno - Repax Village
    Messaggi
    1.701
    Inviato da Sah
    Già questo sinceramente denota una forte insufficienza nelle conoscenze dei giocatori nba e non da parte del gioco [/B]
    Accidenti, sapevo che dovevo chiedere conferma dei nomi a Ruspola, maledizione...

    ma NBA soprattutto a livello rookie offre un talmente basso livello di sfida che chiunque(ho testimonianze di quanto stò affermando) potrebbe dopo poche partite vincere facilemente.[/B]
    Ovviamente non stiamo parlando di un gioco impossibile, ma di un gioco difficile. Le versioni precedenti mi sono sembrate molto meno impegnative confrontate a questa, come approccio. Secondo te è facile, a livello rookie, saltare tutti e schiacciare a canestro? E non ti è capitato di frequente di dover forzare il tiro al limite dei 24 secondi molto più spesso che in altre situazioni proprio a causa di difese ben disposte?

    Riguardo al secondo punto vedo una marcia indietro da parte tua rispetto a quanto affermi nella recensione ma tuttavia non sono ancora convinto al 100% [/B]
    Infatti, se non sbaglio, nella recensione non parlo di questo, ma lo metto tra i "meno" perché, come specificavo prima, si tratta di situazioni di gioco abbastanza rare. Non è più giusto, secondo te, soffermarsi piuttosto su questi aspetti che citi (la difesa arcigna, l'attenzione alle tattiche) di cui parlo ampiamente nel corso di tutta la recensione? Mi sembra, questo, fondamentalmente, l'aspetto più interessante di NBA Live 2004, compreso anche il sistema di controllo che mi è sembrato abbastanza originale. Che ne pensi?

    Ti faccio una domanda io: cosa avresti indicato come aspetti negativi?

    ciao
    "Il prezzo della libertà è l'eterna vigilanza" - Wendell Phillips

  6. #6
    Moderatore Avvocato L'avatar di Sah
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    9.375
    Sono un master in nba live e potrei scriverne delle guide strategiche a riguardo

    Per arrivare sotto canestro senza tanti problemi ci sono ben tre metodi: il primo è chiamare il famoso pick and roll ovvero il centro o l'ala piccola vengono a supporto del player in possesso di palla e ostacolano il passaggio dell'avversario.Con giocatori veloci un semplice scatto di un playmaker sarà sufficiente per trovarsi sotto canestro.La seconda tecnica è di utilizzare una delle novità di NBA Live 2004: il piccolo salto.praticamente appena superata l'area se l'avversario non si trova proprio a ridosso del proprio giocatore basterà premere il tasto apposito per poter eseguire un salto perfetto e per ritrovarsi sotto canestro.Infine un metodo estremamente valido è quello di fintare il tiro, satando e in elevazione, passare la palla ad un giocatore dentro l'area.
    Direi che di opportunità ce ne sono

    Tra i meno oltre alla grafica(troppo simile all 2003) aggiungerei gli strani movimenti degli atleti in alcuni frangenti di gioco(spesso durante un contropiede l'attaccante riesce a effettuare una schiacciata girandosi con uno scatto e con una rapidità disumana, oppure per colpa di una sorta di effetto di slittamento che ho avvertito più volte, aggiungerei un livello ancora non proprio simulativo e come direbbe il ruspola(), non adatto a tutti i palati.Se vuoi per nba 2005 potrei darti una mano con al recensione

    quasi dimenticavo: grazie per le risposte nonostante alcuni miei toni piuttosto insolenti ma toccatemi l'nfl toccatemi l'nhl toccatemi il mio breil ma maiiiiiii la mia NBA!!!
    Ultima modifica di Sah; 3-12-2003 alle 19:55:51

  7. #7
    Future Team Singer&Biker L'avatar di alegalli
    Registrato il
    10-02
    Località
    Saronno - Repax Village
    Messaggi
    1.701
    Inviato da Sah
    La seconda tecnica è di utilizzare una delle novità di NBA Live 2004: il piccolo salto.praticamente appena superata l'area se l'avversario non si trova proprio a ridosso del proprio giocatore basterà premere il tasto apposito per poter eseguire un salto perfetto e per ritrovarsi sotto canestro.
    Questo l'ho trovato una figata. E' anche vero, però, che non funziona sempre ma devi avere lo spazio giusto.

    Direi che di opportunità ce ne sono
    Ok ok, nessuno lo ha mai negato.
    Ma se prendi un altro gioco di basket (non Sega) e punti dritto al canestro facendo tre finte, schiacci in faccia a chiunque nella maggior parte dei casi. La difesa è sempre stato l'aspetto debole. Qua, invece, è diventato tra i più forti. Più che in altri titoli, poi, ho notato come il l'uso delle strategie faccia cambiare volto alla partita. Con Live 2003 partivi e arrivavi dritto. Potevi cambiare qualcosa ma non era così fondamentale. Qui, invece, per risollevare certe partite ho dovuto studiare il gioco degli altri, rischiare, trovare strategie alternative. Sia in attacco che in difesa.

    Tra i meno oltre alla grafica(troppo simile all 2003) aggiungerei gli strani movimenti degli atleti in alcuni frangenti di gioco(spesso durante un contropiede l'attaccante riesce a effettuare una schiacciata girandosi con uno scatto e con una rapidità disumana, oppure per colpa di una sorta di effetto di slittamento che ho avvertito più volte, aggiungerei un livello ancora non proprio simulativo e come direbbe il ruspola(), non adatto a tutti i palati.
    Quindi, alla fine, ne ho beccati due su tre (il mio "troppo difficile" è un clone di "non adatto a tutti i palati").

    Se vuoi per nba 2005 potrei darti una mano con al recensione
    Ahahahah... Sicuramente con i nomi dei giocatori sì (oppure impedisic ad Alepolli di cacciarmi sa suo PC mentre ti sto rispondendo, ekkekavolo).

    Seriamente, mi piacciono molto i giochi di basket (dai tempi di "Dr J vs Larry Bird One o One" o come cavolo si chiamava) e li ho giocati quasi tutti da allora ad oggi (su tutti Total NBA e NBA 2K). Certo, i superappassionati come te, che magari stanno per mesi a giocare con lo stesso titolo, possono trovare delle considerazioni ulteriori da fare che credo possano essere utili a chi vuole saperne di più. A patto che non si parta con l'insulto personale, eh!

    quasi dimenticavo: grazie per le risposte nonostante alcuni miei toni piuttosto insolenti ma toccatemi l'nfl toccatemi l'nhl toccatemi il mio breil ma maiiiiiii la mia NBA!!!
    Hai fatto bene a precisarlo. Ho richiamato indietro i due che avevo mandato ad aspettarti sotto casa.

    Non mi hai ancora detto se sei d'accordo con il voto.

    ciao

    ag
    "Il prezzo della libertà è l'eterna vigilanza" - Wendell Phillips

  8. #8
    Moderatore Avvocato L'avatar di Sah
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    9.375
    Non mi hai ancora detto se sei d'accordo con il voto
    Beh anke qui sono diviso: una parte di me pensa che per un giocatore medio non necessariamente fan del basket concordi con l'otto(dopo aver provato il gioco ovviamente) in quanto divertente,difficilotto(lo scrivo ma non lo penso ) e graficamente carino

    Un'altra parte di me invece vorrebbe magari un 9 perchè dalla versione precedente (voto 8 anche quella) di passi avanti ne sono stati fatti molti e piuttosto consistenti e metterli sullo stesso piano è leggermente riduttivo per nba 2004

    Un'altra cosettaaa, tra i meno potevi mettere squadre mal bilanciate( Lakers 97 poi abisso e Dallas 91 e Sacramento 88) e quando parlavo di gioco non adatto a tutti i palati volevo dire che essendo uno sport principalmente americano non riscuoterà mai il successo dovuto, come invece succede per PES e fifa( )

  9. #9
    Future Team Singer&Biker L'avatar di alegalli
    Registrato il
    10-02
    Località
    Saronno - Repax Village
    Messaggi
    1.701
    Inviato da Sah
    ... un giocatore medio non necessariamente fan del basket concordi con l'otto...

    ...Un'altra parte di me invece vorrebbe magari un 9...


    Stesso ragionamento che ho fatto io. Onestamente, per quello che mi ha divertito, gli avrei messo 9. Che poi è il massimo dei voti su GMC, e ho ritenuto fosse il caso di riservarlo a un titolo che sfiorasse davvero la perfezione.


    Un'altra cosettaaa, tra i meno potevi mettere squadre mal bilanciate( Lakers 97 poi abisso e Dallas 91 e Sacramento 88)
    Dai, hanno preso Malone e Payton... Erano già fortissimi e non mi sembra che stiano andando male.
    Non li ho nemmeno trovati così imbattibili. Secondo me i valori delle squadre sono indicativi. Dipende molto da come vengono utilizzati i giocatori.

    ag
    "Il prezzo della libertà è l'eterna vigilanza" - Wendell Phillips

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •