• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Visualizzazione risultati da 1 a 13 di 13

Discussione: Manifestazione "variegata"

Cambio titolo
  1. #1
    Inno alla gioia L'avatar di IL CONTE
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    23.307

    Manifestazione "variegata"

    Il 13 dicembre manifestazione per la “resistenza” irachena con preti, nazi e no global (il foglio)

    Roma. Se la “resistenza” irachena chiama, non è il momento di fare gli schizzinosi. Rispondono così, a chi li accusa di essersi mescolati con esponenti della destra estrema e negazionista, i promotori della manifestazione del prossimo 13 dicembre in sostegno del “popolo iracheno che resiste”. Scadenza che si sta trasformando nel laboratorio di un’alleanza solo apparentemente insolita, ma che altri segnali indicano come emergente. La corrispondenza d’amorosi sensi antiamericani che schiera sulla stessa trincea esponenti della destra estrema e altermondialisti oltranzisti è la stessa che, in tutti i paesi europei, sta sperimentando anche altre spericolate convergenze. Come quelle che alimentano il nuovo antisemitismo denunciato dal rapporto dell’Osservatorio su razzismo e xenofobia dell’Unione europea, prima commissionato e poi nascosto, le cui conclusioni sono trapelate nei giorni scorsi. Il prossimo 13 dicembre, così, vedremo uniti nella lotta contro l’America, attore diabolico nel conflitto mediorientale e minaccia permanente alla pace mondiale, gli ultras trotziksti del Campo antimperialista ed editori di estrema destra come Claudio Mutti, islamisti come Isabella Camera d’Afflitto ed ex lepenisti convertiti al “comunitarismo” come Maurizio Neri, storici conservatori come Franco Cardini e marxisti ortodossi come il filosofo Domenico Losurdo, Mara Malavenda, pasionaria dei Cobas, e Luigi Tedeschi, direttore della rivista di destra estrema Italicum, Angelo Del Boca, storico del colonialismo italiano e Roberto Hamza Piccardo, dell’Unione delle comunità islamiche d’Italia (che ha aderito a titolo personale, dopo che la sua associazione ha fatto un passo indietro). La composita compagnia auspica “la sconfitta degli occupanti angloamericani”, vista come “una vittoria per tutti coloro che nel mondo lottano per la democrazia, l’autodeterminazione e la libertà dei popoli che non vogliono essere sottoposti al giogo imperiale”. Le critiche di chi ha bocciato l’iniziativa, denunciando le relazioni pericolose alla sua base (lo hanno fatto, tra gli altri, Liberazione e il Manifesto) non turbano i promotori: “L’appello sta circolando in rete in modo massiccio. Cosa dovremmo fare, chiedere la storia politica di ogni firmatario? Accoglieremo a braccia aperte tutti quelli che vogliono unirsi a noi per sostenere la causa della liberazione dell’Iraq dagli occupanti, anche coloro che fino a l’altro ieri fossero stati dalla parte sbagliata. Così come tanti ex-compagni si sono messi al servizio della borghesia, è ammissibile, anzi auspicabile, che avvenga il processo inverso, soprattutto tra i giovani proletari che oggi militano tra le file dell’estrema destra fascista e razzista”, scrivono i responsabili del Campo antimperialista. Sono loro il motore dell’iniziativa del 13 dicembre. Si autodefiniscono “rete internazionale che raggruppa più di cento movimenti di liberazione, partiti rivoluzionari e associazioni di lavoratori e di oppressi”. Sono loro che hanno lanciato la campagna di raccolta di fondi “10 euro per la resistenza irachena” (il portavoce, Moreno Pasquinelli, ribadisce che “non è affar nostro sapere come li utilizzeranno. Potranno stampare giornali o comprare armi, per noi va bene”) [aggiungo io ] . La storia del Campo arriva da lontano, e l’intreccio iniziale con il movimento pacifista ha determinato la scelta di Assisi come sede, anche se non ha impedito che l’Associazione culturale di Hezbollah fosse invitata permanente e gradita. A sua cura erano, nel 2000, la sessione plenaria dedicata a “Islam e nuovo ordine mondiale” e il forum sulla “resistenza libanese contro il sionismo”. Quest’anno, naturalmente, il Campo si è occupato del “popolo iracheno che resiste”. Star dell’edizione sono stati Jehad Hussein, “un feddayn che ha partecipato alla difesa di Baghdad”, Awni Al Kalemji, definito “primo rappresentante all’estero della resistenza”, e il messicano Miguel Guillermo Martinez, ex miliziano e addestratore di gruppi paramilitari di estrema destra sudamericana, collaboratore dei negazionisti di Al-Awda Italia. Oltre al solito padre Jean-Marie Benjamin, capofila di quelli che pensano che in Iraq si stava meglio quando si stava peggio. Il sacerdote francese, che vive ad Assisi, assai poco francescanamente ha spiegato l’attacco alla sede Onu di Baghdad: “Il Consiglio di sicurezza non ha trovato il coraggio di pronunciare una sola parola di condanna per le menzogne relative alle armi di distruzione di massa e l’aggressione militare contro uno dei paesi membri fondatori delle Nazioni unite. Infine, l’accettazione del governo provvisorio di Baghdad… è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso”. Genuina ispirazione antifascista? Negli ultimi giorni, incalzati anche dalle perplessità di numerosi compagni, i padrini della manifestazione hanno reagito ribadendo la loro genuina ispirazione antifascista. Probabilmente non hanno letto cosa ne pensa uno dei firmatari dell’appello, il già citato Claudio Mutti. Parmense, animatore delle Edizioni del Veltro, convertito all’islamismo e studioso di tradizioni popolari, Mutti proviene dal vivaio di Jeune Europe, formazione della destra “comunitarista” fondata negli anni 60 dal belga Jean Thiriart, ex combattente delle Waffen-SS. In un articolo pubblicato sul sito gerarchia.it, Mutti spiega che considerare antifascismo e antimperialismo come termini conciliabili è né più né meno che una manifestazione di ottusità: “Espressioni come queste hanno preso a circolare di recente, dopo che qualcuno ha lanciato l’idea di organizzare, a sostegno dell’Iraq, una manifestazione senza pregiudiziali ideologiche”. E’ noto, scrive Mutti, che “la ‘Resistenza’ antifascista è stata un movimento collaborazionista al servizio dell’invasore angloamericano, un movimento che ha contribuito a consegnare l’Italia al capitalismo imperialista”. Del resto, osserva, “l’azione partigiana degli antifascisti” è stata “appoggiata e finanziata dagli imperialisti occidentali”. E conclude: “Grazie a Dio, ben presto il Maresciallo Stalin li avrebbe costretti, questi ‘uomini che si proclamano rivoluzionari’, a rinnegare la loro fiducia nell’‘Inghilterra plutocratica’ e nell’‘America trustistica’. Ma quelli, tra i loro figli e nipoti, che oggi salgono in cattedra a impartire lezioni di antimperialismo, a esigere credenziali e a imporre pregiudiziali, a respingere sdegnati ogni ipotesi di fronte comune coi neofascisti veri o presunti, farebbero bene a studiare la storia della loro famiglia e a rifletterci sopra. E almeno ci risparmino l’ottusa insensatezza dell’imperialismo antifascista”. Buona manifestazione a tutti.

  2. #2
    Utente L'avatar di BILBAO
    Registrato il
    02-03
    Località
    BELFAST
    Messaggi
    2.040

    Re: Manifestazione "variegata"

    Inviato da IL CONTE
    Il 13 dicembre manifestazione per la “resistenza” irachena con preti, nazi e no global (il foglio)

    Roma. Se la “resistenza” irachena chiama, non è il momento di fare gli schizzinosi. Rispondono così, a chi li accusa di essersi mescolati con esponenti della destra estrema e negazionista, i promotori della manifestazione del prossimo 13 dicembre in sostegno del “popolo iracheno che resiste”. Scadenza che si sta trasformando nel laboratorio di un’alleanza solo apparentemente insolita, ma che altri segnali indicano come emergente. La corrispondenza d’amorosi sensi antiamericani che schiera sulla stessa trincea esponenti della destra estrema e altermondialisti oltranzisti è la stessa che, in tutti i paesi europei, sta sperimentando anche altre spericolate convergenze. Come quelle che alimentano il nuovo antisemitismo denunciato dal rapporto dell’Osservatorio su razzismo e xenofobia dell’Unione europea, prima commissionato e poi nascosto, le cui conclusioni sono trapelate nei giorni scorsi. Il prossimo 13 dicembre, così, vedremo uniti nella lotta contro l’America, attore diabolico nel conflitto mediorientale e minaccia permanente alla pace mondiale, gli ultras trotziksti del Campo antimperialista ed editori di estrema destra come Claudio Mutti, islamisti come Isabella Camera d’Afflitto ed ex lepenisti convertiti al “comunitarismo” come Maurizio Neri, storici conservatori come Franco Cardini e marxisti ortodossi come il filosofo Domenico Losurdo, Mara Malavenda, pasionaria dei Cobas, e Luigi Tedeschi, direttore della rivista di destra estrema Italicum, Angelo Del Boca, storico del colonialismo italiano e Roberto Hamza Piccardo, dell’Unione delle comunità islamiche d’Italia (che ha aderito a titolo personale, dopo che la sua associazione ha fatto un passo indietro). La composita compagnia auspica “la sconfitta degli occupanti angloamericani”, vista come “una vittoria per tutti coloro che nel mondo lottano per la democrazia, l’autodeterminazione e la libertà dei popoli che non vogliono essere sottoposti al giogo imperiale”. Le critiche di chi ha bocciato l’iniziativa, denunciando le relazioni pericolose alla sua base (lo hanno fatto, tra gli altri, Liberazione e il Manifesto) non turbano i promotori: “L’appello sta circolando in rete in modo massiccio. Cosa dovremmo fare, chiedere la storia politica di ogni firmatario? Accoglieremo a braccia aperte tutti quelli che vogliono unirsi a noi per sostenere la causa della liberazione dell’Iraq dagli occupanti, anche coloro che fino a l’altro ieri fossero stati dalla parte sbagliata. Così come tanti ex-compagni si sono messi al servizio della borghesia, è ammissibile, anzi auspicabile, che avvenga il processo inverso, soprattutto tra i giovani proletari che oggi militano tra le file dell’estrema destra fascista e razzista”, scrivono i responsabili del Campo antimperialista. Sono loro il motore dell’iniziativa del 13 dicembre. Si autodefiniscono “rete internazionale che raggruppa più di cento movimenti di liberazione, partiti rivoluzionari e associazioni di lavoratori e di oppressi”. Sono loro che hanno lanciato la campagna di raccolta di fondi “10 euro per la resistenza irachena” (il portavoce, Moreno Pasquinelli, ribadisce che “non è affar nostro sapere come li utilizzeranno. Potranno stampare giornali o comprare armi, per noi va bene”) [aggiungo io ] . La storia del Campo arriva da lontano, e l’intreccio iniziale con il movimento pacifista ha determinato la scelta di Assisi come sede, anche se non ha impedito che l’Associazione culturale di Hezbollah fosse invitata permanente e gradita. A sua cura erano, nel 2000, la sessione plenaria dedicata a “Islam e nuovo ordine mondiale” e il forum sulla “resistenza libanese contro il sionismo”. Quest’anno, naturalmente, il Campo si è occupato del “popolo iracheno che resiste”. Star dell’edizione sono stati Jehad Hussein, “un feddayn che ha partecipato alla difesa di Baghdad”, Awni Al Kalemji, definito “primo rappresentante all’estero della resistenza”, e il messicano Miguel Guillermo Martinez, ex miliziano e addestratore di gruppi paramilitari di estrema destra sudamericana, collaboratore dei negazionisti di Al-Awda Italia. Oltre al solito padre Jean-Marie Benjamin, capofila di quelli che pensano che in Iraq si stava meglio quando si stava peggio. Il sacerdote francese, che vive ad Assisi, assai poco francescanamente ha spiegato l’attacco alla sede Onu di Baghdad: “Il Consiglio di sicurezza non ha trovato il coraggio di pronunciare una sola parola di condanna per le menzogne relative alle armi di distruzione di massa e l’aggressione militare contro uno dei paesi membri fondatori delle Nazioni unite. Infine, l’accettazione del governo provvisorio di Baghdad… è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso”. Genuina ispirazione antifascista? Negli ultimi giorni, incalzati anche dalle perplessità di numerosi compagni, i padrini della manifestazione hanno reagito ribadendo la loro genuina ispirazione antifascista. Probabilmente non hanno letto cosa ne pensa uno dei firmatari dell’appello, il già citato Claudio Mutti. Parmense, animatore delle Edizioni del Veltro, convertito all’islamismo e studioso di tradizioni popolari, Mutti proviene dal vivaio di Jeune Europe, formazione della destra “comunitarista” fondata negli anni 60 dal belga Jean Thiriart, ex combattente delle Waffen-SS. In un articolo pubblicato sul sito gerarchia.it, Mutti spiega che considerare antifascismo e antimperialismo come termini conciliabili è né più né meno che una manifestazione di ottusità: “Espressioni come queste hanno preso a circolare di recente, dopo che qualcuno ha lanciato l’idea di organizzare, a sostegno dell’Iraq, una manifestazione senza pregiudiziali ideologiche”. E’ noto, scrive Mutti, che “la ‘Resistenza’ antifascista è stata un movimento collaborazionista al servizio dell’invasore angloamericano, un movimento che ha contribuito a consegnare l’Italia al capitalismo imperialista”. Del resto, osserva, “l’azione partigiana degli antifascisti” è stata “appoggiata e finanziata dagli imperialisti occidentali”. E conclude: “Grazie a Dio, ben presto il Maresciallo Stalin li avrebbe costretti, questi ‘uomini che si proclamano rivoluzionari’, a rinnegare la loro fiducia nell’‘Inghilterra plutocratica’ e nell’‘America trustistica’. Ma quelli, tra i loro figli e nipoti, che oggi salgono in cattedra a impartire lezioni di antimperialismo, a esigere credenziali e a imporre pregiudiziali, a respingere sdegnati ogni ipotesi di fronte comune coi neofascisti veri o presunti, farebbero bene a studiare la storia della loro famiglia e a rifletterci sopra. E almeno ci risparmino l’ottusa insensatezza dell’imperialismo antifascista”. Buona manifestazione a tutti.

    grazie conte, mi pare che qs articolo debba essere letto con molta attenzione e faccia il sunto di molti post da noi scritti al fine di affermare che la differenza tra l'antifascismo partigiano resistente e la resistenza irakena è netta, pur avendo comu unico denominatore il resistere; io personalmente reputo la resistenza irakena + figlia della cultura repubblichina del periodo di salò, ma alla luce di qs articolo da te postato la mia posizione è avversa a quella prevalente della manifestazione

  3. #3
    CodeRed
    Ospite
    Non penso che la "resistenza" irakena sia degna di essere aiutata, per me è solo la resistenza di un esercito nazionalista.
    Da annientare, in caso dovesse essere scomoda. Perchè questi si schermano attraverso il popolo, che è innocente e non può fare nulla da solo.

  4. #4
    Bannato
    Registrato il
    06-03
    Località
    stanza imbottita
    Messaggi
    5.545
    Io ho sempre sostenuto che tra Pmli e nazi ci siano molte(troppe)analogie.

  5. #5
    Terza Via L'avatar di Zell '87
    Registrato il
    01-03
    Località
    Coverciano City
    Messaggi
    3.190
    io mi domando,se si è nemici giurati dei comunisti/nazi fascisti,come si fa a sostenere le stesse ideologie?
    proprio non lo capisco...come in alcuni siti:
    dicono "lotta ai comunisti,fuori i comunisti dall'Italia" e poi vanno a protestare contro gli USA come i no-global...
    FORZA USA,NON MOLLATE

  6. #6
    Ex ***** VIPz Estathé L'avatar di nicjedi
    Registrato il
    12-02
    Località
    non vivo
    Messaggi
    16.148
    Inviato da Zell '87
    io mi domando,se si è nemici giurati dei comunisti/nazi fascisti,come si fa a sostenere le stesse ideologie?
    proprio non lo capisco...come in alcuni siti:
    dicono "lotta ai comunisti,fuori i comunisti dall'Italia" e poi vanno a protestare contro gli USA come i no-global...
    FORZA USA,NON MOLLATE
    Forse perché usano il cervello. Oddio non mi fraintendete..la storia dei "partigiani iraqueni" è una cagata immonda per mascondere quei guerriglieri che sono ancora fedeli a Saddam e che preferirebbero la sua dittatura ad una straniera (quale è quella americana ora). Ma il fatto che persone di diverso schieramento politico si ritrovino in certe idee è naturale, se uno usa il cervello, e non pensa solo con slogan di partito. Che gli USA stiano esagerando lo vede chiunque: che motivo avevano di portare guerra allo stato più laico del medio oriente, in cui il fondamentalismo non esisteva? Saddam poi odiava Bin Laden, perché sapeva per l'appunto che in caso di "ritorsione" da parte degli USA lui era il primo pirla che si poteva attaccare. Ora cosa hanno ottenuto gli USA? Il fondamentalismo sta prendendo piede in Iraq, i terroristi sono ancora più attivi, grazie anche al fatto che ora Saddam si è dovuto alleare con Bin Laden, e i soldi di Saddam che prima in parte affluivano ai terroristi , ora arrivano in toto. Intanto i "grandi nemici" della pace sono liberi, l'Iraq è in rivolta continua, la popolazione muore di fame, e i soldati muoiono.
    Cosa c'è di buono in questa guerra?

    Mi sembra giusto che tutti quelli che usano il cervello, siano di destra o di sinistra, condannnino questo modo di agire degli USA.

    Ciao

    Nicola
    "La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci"
    "Non lasciare mai che la morale ti impedisca di fare la cosa giusta"
    "La disumanità del computer sta nel fatto che, una volta programmato e messo in funzione, si comporta in maniera perfettamente onesta."
    "fare molte cose alla volta significa non farne bene nessuna"


  7. #7
    Terza Via L'avatar di Zell '87
    Registrato il
    01-03
    Località
    Coverciano City
    Messaggi
    3.190
    Inviato da nicjedi
    Forse perché usano il cervello. Oddio non mi fraintendete..la storia dei "partigiani iraqueni" è una cagata immonda per mascondere quei guerriglieri che sono ancora fedeli a Saddam e che preferirebbero la sua dittatura ad una straniera (quale è quella americana ora). Ma il fatto che persone di diverso schieramento politico si ritrovino in certe idee è naturale, se uno usa il cervello, e non pensa solo con slogan di partito. Che gli USA stiano esagerando lo vede chiunque: che motivo avevano di portare guerra allo stato più laico del medio oriente, in cui il fondamentalismo non esisteva? Saddam poi odiava Bin Laden, perché sapeva per l'appunto che in caso di "ritorsione" da parte degli USA lui era il primo pirla che si poteva attaccare. Ora cosa hanno ottenuto gli USA? Il fondamentalismo sta prendendo piede in Iraq, i terroristi sono ancora più attivi, grazie anche al fatto che ora Saddam si è dovuto alleare con Bin Laden, e i soldi di Saddam che prima in parte affluivano ai terroristi , ora arrivano in toto. Intanto i "grandi nemici" della pace sono liberi, l'Iraq è in rivolta continua, la popolazione muore di fame, e i soldati muoiono.
    Cosa c'è di buono in questa guerra?

    Mi sembra giusto che tutti quelli che usano il cervello, siano di destra o di sinistra, condannnino questo modo di agire degli USA.

    Ciao

    Nicola
    ma che pace e pace...i nazi ce l'hanno con gli USA solo xchè gli hanno sconfitti nella2°GM

  8. #8
    Bannato L'avatar di GUNLUCKY
    Registrato il
    03-03
    Località
    sulle ali dell'Arcadia
    Messaggi
    9.411
    Inviato da CodeRed
    Non penso che la "resistenza" irakena sia degna di essere aiutata, per me è solo la resistenza di un esercito nazionalista.
    Da annientare, in caso dovesse essere scomoda. Perchè questi si schermano attraverso il popolo, che è innocente e non può fare nulla da solo.
    Se per resistenza iraquena intendiamo i soldati al soldo di Saddam e i terroristi allora ti quoto.
    Se si aiuta il popolo iraqueno a fare resistenza ad entrambi i conquistatori allora trovo giusto aiutarli, ma di sicuro non ritengo questo il modo più idoneo, è solo un' altro modo spregevole di alimentare la violenza indiscriminata.

  9. #9
    Inno alla gioia L'avatar di IL CONTE
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    23.307
    Inviato da nicjedi
    Forse perché usano il cervello. Oddio non mi fraintendete..la storia dei "partigiani iraqueni" è una cagata immonda per mascondere quei guerriglieri che sono ancora fedeli a Saddam e che preferirebbero la sua dittatura ad una straniera (quale è quella americana ora). Ma il fatto che persone di diverso schieramento politico si ritrovino in certe idee è naturale, se uno usa il cervello, e non pensa solo con slogan di partito. Che gli USA stiano esagerando lo vede chiunque: che motivo avevano di portare guerra allo stato più laico del medio oriente, in cui il fondamentalismo non esisteva? Saddam poi odiava Bin Laden, perché sapeva per l'appunto che in caso di "ritorsione" da parte degli USA lui era il primo pirla che si poteva attaccare. Ora cosa hanno ottenuto gli USA? Il fondamentalismo sta prendendo piede in Iraq, i terroristi sono ancora più attivi, grazie anche al fatto che ora Saddam si è dovuto alleare con Bin Laden, e i soldi di Saddam che prima in parte affluivano ai terroristi , ora arrivano in toto. Intanto i "grandi nemici" della pace sono liberi, l'Iraq è in rivolta continua, la popolazione muore di fame, e i soldati muoiono.
    Cosa c'è di buono in questa guerra?

    Mi sembra giusto che tutti quelli che usano il cervello, siano di destra o di sinistra, condannnino questo modo di agire degli USA.

    Ciao

    Nicola
    Chiunque con un pò di cervello condanna questa manifestazione.

    1)L'iraq è un paese in ricostruzione e in miglioramento rispetto a 6mesi fa.

    2) la maggioranza dei partiti e della popolazione è con gli americani, anche se non vedono l'ora di toglierseli dai piedi
    Lo stesso partito comunista tratta con gli USA.
    Solo una piccola parte si è scissa è fomenta il terrorismo.


    3) gli americani non vedono l'ora di togliere le tende da questo paese, prima però devono creare le condizioni per fare questo

    4)Sono i sunniti (minoranze) che perdendo i privilegi dovuti alla dittatura sono ovviamente DISPIACIUTI della caduta del regime.
    E sono loro che hanno i piedi in due scarpe.
    Non possono completamente lasciare il campo e ritirarsi con i beduini terroristi, ma dall'altro lato non vedono di buon occhio lo sviluppo di una democrazia in iraq.

    5) Se si svilupperà una qualche forma di democrazia, in iraq sarà un bene per tutti.

  10. #10
    sporchi nazisti e no-global

  11. #11
    Ex ***** VIPz Estathé L'avatar di nicjedi
    Registrato il
    12-02
    Località
    non vivo
    Messaggi
    16.148
    Inviato da Al Caruso Quattrodita
    sporchi nazisti e no-global
    però quando dicono "sporchi fascisti" vi incazzate eh...adesso vi segnalo, non perché i nazisti mi stiano simpatici...anzi...ma per coerenza

    Ciao

    Nicola
    "La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci"
    "Non lasciare mai che la morale ti impedisca di fare la cosa giusta"
    "La disumanità del computer sta nel fatto che, una volta programmato e messo in funzione, si comporta in maniera perfettamente onesta."
    "fare molte cose alla volta significa non farne bene nessuna"


  12. #12
    Ex ***** VIPz Estathé L'avatar di nicjedi
    Registrato il
    12-02
    Località
    non vivo
    Messaggi
    16.148
    Inviato da IL CONTE
    Chiunque con un pò di cervello condanna questa manifestazione.

    1)L'iraq è un paese in ricostruzione e in miglioramento rispetto a 6mesi fa.

    2) la maggioranza dei partiti e della popolazione è con gli americani, anche se non vedono l'ora di toglierseli dai piedi
    Lo stesso partito comunista tratta con gli USA.
    Solo una piccola parte si è scissa è fomenta il terrorismo.


    3) gli americani non vedono l'ora di togliere le tende da questo paese, prima però devono creare le condizioni per fare questo

    4)Sono i sunniti (minoranze) che perdendo i privilegi dovuti alla dittatura sono ovviamente DISPIACIUTI della caduta del regime.
    E sono loro che hanno i piedi in due scarpe.
    Non possono completamente lasciare il campo e ritirarsi con i beduini terroristi, ma dall'altro lato non vedono di buon occhio lo sviluppo di una democrazia in iraq.

    5) Se si svilupperà una qualche forma di democrazia, in iraq sarà un bene per tutti.
    Infatti ho detto e ripetuto che questa manifestazione fa schifo...è l'elogio del terrorismo.
    1) Oddio...in netto miglioramento...diciamo che ha la possibilità di migliorare nel tempo, visto che ora almeno in teoria è libero, ma per ora non abbiamo raggiunto nemmeno i livelli della dittatura di Saddam, non va quasi nulla, manca lavoro, il "governo" non riesce a farsi "sentire"

    2)Mai detto il contrario...ma è da sottolineare che nessuno vorrebbe gli americani a occupare l'Iraq (tra gli iracheni intendo)

    3) E chi te l'ha detto? Forse i militari che sono in Iraq vorrebbero andarsene, ma penso che il governo vorrà rimanere per un bel po'

    4)Già, e un altro problema è che gli Sciiti snon fondamentalisti, e stanno pressando per la creazione di uno stato islamico, e non democratico

    5) Vero, ma quale è la probabilità che si formi una democrazia, dove il popolo non sa cosa sia la democrazia, per la maggior parte è formato degli Sciiti, che sono fedeli al Corano, e quindi ad una visione temporale del potere religioso?

    Ciao

    Nicola
    "La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci"
    "Non lasciare mai che la morale ti impedisca di fare la cosa giusta"
    "La disumanità del computer sta nel fatto che, una volta programmato e messo in funzione, si comporta in maniera perfettamente onesta."
    "fare molte cose alla volta significa non farne bene nessuna"


  13. #13
    CodeRed
    Ospite
    Inviato da Al Caruso Quattrodita
    sporchi nazisti e no-global
    segnalato

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •