• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Pag 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati da 1 a 15 di 25

Discussione: Vevet Underground

Cambio titolo
  1. #1
    Godo L'avatar di Tenente_Pliskin
    Registrato il
    10-02
    Località
    Potenza
    Messaggi
    5.466

    Vevet Underground

    The Velvet Underground

    I Velvet Underground sono uno dei gruppi più innovativi e influenti dell’intera storia del rock. Sono l'anima oscura e sotterranea della cultura "alternativa", le radici del rock bianco e metropolitano, ma anche i precursori dei fenomeni punk e new wave con un decennio d’anticipo. La loro nascita è profondamente legata alla New York degli anni Sessanta: un crogiolo di avanguardie, artisti e circoli underground. Una realtà parallela e, per l’appunto, "sotterranea" rispetto a quella in superficie.

    Nei primi anni '60 Lou Reed (all’anagrafe Louis Firbank, originario di Freeport, Long Island, NY) viene a studiare poesia alla Syracuse University. Con il compagno d'università Sterling Morrison, suona in diverse formazioni newyorkesi. Ed è proprio nella Grande Mela che incontra un altro "genio maledetto", John Cale (nato a Cwmamman, Galles), studente di composizione da poco trasferitosi negli Stati Uniti per lavorare con Leonard Bernstein e dedicarsi all'arte sperimentale. Insieme, danno vita a una band che si chiama Primitives, poi Warlocks, quindi The Velvet Undeground (dal nome di una novella pornografica).

    Nel 1965 Reed, Morrison, Cale e il percussionista Angus McLise (già nel giro del musicista d'avanguardia La Monte Young) formano a New York il nucleo dei Velvet Underground registrando, con il nome di Underground, alcuni provini (successivamente inclusi nel quintuplo "Peel Slowly And See", edito nel 1995) di brani che faranno la storia della band: "Venus In Furs", "Black Angel's Death Song", "Heroin".

    Ma le loro sonorità spigolose e avanguardistiche non li non aiutano a trovare una casa discografica. Così non resta che l’attività "underground". Suonano al Café Bizarre, al Greenwich Village. Ma i loro testi sono troppo scandalosi. Una sera, nonostante un esplicito divieto, eseguono "Black angel's death song" e vengono licenziati in tronco. Quella notte, però, trovano un nuovo fan, un artista noto nell'ambiente underground newyorkese: si chiama Andy Warhol. Sarà proprio il maestro della pop-art a lanciarli in uno show multimediale, "The exploding plastic inevitable". Questa comunità artistica forgia un'immagine misteriosa e inquietante del gruppo, nel quale la batterista Maureen "Moe" Tucker prende nel frattempo il posto di McLise. Ma la novità più significativa è decisa dallo stesso Warhol, che impone nell’organico della band la sua cantante prediletta: Nico, bionda tedesca dalla voce spettrale con un passato di modella e attrice (con un'apparizione nella "Dolce vita" di Federico Fellini). Da questa formula magica scaturisce The Velvet Underground and Nico (gennaio 1967), uno degli album più importanti della storia del rock, griffato da una banana in copertina a firma dello stesso Warhol.

    L’opera si segnala subito per la sua distanza dalle tendenze del momento: è cupa e decadente, in netta controtendenza con un periodo storico-musicale pervaso dalle contestazioni studentesche, dai movimenti pacifisti e dalle vibrazioni del flower-power. Uscito in tiratura limitata, The Velvet Underground and Nico viene praticamente ignorato dal pubblico, ma conquista subito la critica dell'epoca. Sarà poi il passaparola, o la progressiva emersione dalle tenebre della storia della band, facilitata anche dalla fama acquisita da Lou Reed, a riportarlo in superficie.

    L'album è un perfetto equilibrio di melodia e rumore, buio e luce, dolcezza e perversione, ballate e baccanali. Dalla discesa negli inferi di "Venus in furs", con la viola elettrica di John Cale a flagellare le melodie e la voce profonda di Lou Reed a raccontare una storia d'amore morbosa e malata, alla filastrocca funerea di "All tomorrow's parties", con la voce spettrale di Nico che dà letteralmente i brividi. Dalla melodia solo apparentemente solare di "Sunday morning" agli abissi di folle decadenza di "Heroin". Dalla delicatissima "I'll be your mirror" alla suadente (e viziosa) "Femme Fatale", fino alla devastante orgia sonora di "Black angel's death song", in cui emerge la tendenza all'ossessività e al minimalismo tipica di John Cale.

    E' un album che mescola rock e blues, psichedelia e avanguardia. Un lavoro che trae lezione dal passato per proiettarsi idealmente nel futuro. Non a caso è diventato una pietra miliare per le band del punk, della new wave e perfino dell'attuale post-rock. Non si contano, insomma, i tentativi d'imitazione. Tanto che, se si fa attenzione, si può scoprire un passaggio di The Velvet Underground and Nico in quasi ogni singolo brano del rock moderno. Facile, quindi, convenire con il critico Federico Guglielmi quando scrive che "chi non conosce questo disco non può sapere che cosa significhi la parola rock".

    I testi dei Velvet sono crudi ("Heroin"), sono autentici inni alla vita di strada e alla perversione ("I'm Waiting For The Man", "Venus In Furs", "Run Run Run"). La commistione tra il talento creativo di Lou Reed, i contorti percorsi musicali di Cale e la voce sensuale di Nico si rivela perfetta. Ma l’equilibrio si spezza presto. La lotta per la leadership nel gruppo porta all'abbandono di Nico e al distacco dall'orbita warholiana. Nasce così White Light White Heat (1967), un disco che accentua l’estremizzazione rumorista e paranoica dei suoni ("Sister Ray", "The Gift" oltre alla title track, poi ripresa da David Bowie), senza tralasciare gli aspetti più inconfessati dell'animo umano ("Lady Godiva's Operation"). La natura instabile e irrequieta del gruppo porta all'abbandono di John Cale nel 1968, sostituito da Doug Yule. E' così il solo Reed a confezionare le canzoni destinate a The Velvet Underground (1969), che offre alcune buone composizioni del cantautore newyorkese ("Candy Says", "What Goes On", "Some Kinda Love", "Pale Blue Eyes"), venate di intimismo e di struggente malinconia. Malgrado ciò, il mancato successo del gruppo porta allo scioglimento dopo la registrazione di Loaded (1970), disco modesto malgrado gli hit "Sweet Jane" e "Rock & Roll".

    I dischi dal vivo The Velvet Undeground Live At Max's Kansas City (1972) e il doppio 1969 Velvet Underground Live (1974) tentano invano di riaccendere il mito. Ma sono soprattutto le ottime carriere solistiche di John Cale e Lou Reed a contribuire, alla fine degli anni '70, a una lenta ma inesorabile riscoperta dei primi due dischi della band. Album che diventano riferimenti obbligati per le band della new wave (dai Pere Ubu ai Joy Division, dai Television ai Sonic Youth) e che ottengono addirittura il disco d'oro negli anni '80, dopo l'uscita di due raccolte di rarità e inediti (VU del 1985 e Another View del 1986). Ma la storia della band sembra segnata da un sortilegio maledetto. Scompare, infatti, il loro maestro Andy Warhol, e due dei componenti storici, Nico e Sterling Morrison, muoiono in circostanze misteriose.

    Nel 1990 Cale e Reed tentano un riavvicinamento con l'opera-requiem per Andy Warhol, Songs for Drella, con una successiva, improbabile riunione dei Velvet Underground, impegnati in un tour mondiale in grandi arene trent'anni dopo gli stentati inizi nelle cantine newyorkesi. Live MCMXCIII (1993) testimonia questa ritrovata congiunzione, ma non impedisce il definitiva scioglimento della band. Nel 1995 Peel Slowly And See racchiude in un cofanetto di cinque cd una serie di inediti relativi a ogni album.

    L’eredità lasciata dai Velvet Underground alle generazioni successive è tra le più ricche della musica moderna. I loro baccanali sonori, le loro ballate decadenti, i loro testi crudi e perversi hanno lasciato un segno permanente sulla storia del rock. Al punto che sono pressoché incalcolabili i gruppi per descrivere la cui musica è stato usato in qualche modo il termine "Velvet Underground".

    (presa da www.ondarock.it)

    che ne pensate di loro? inutile che vi dia la mia opinione a riguardo
    Citazione Thom Yorke Visualizza Messaggio
    la musica per me è la prova che c'è qualcosa di metafisico, che si chiami Dio, che si chiami Demiurgo o che si chiami Keith Jarrett.

  2. #2
    Oltremodo sconveniente L'avatar di pity
    Registrato il
    11-03
    Località
    Napoli
    Messaggi
    32.107
    eccezionali.
    e poi diciamolo. lou reed è un genio: è colui che è riuscito a fare del "rumore" un arte.
    bellissima femme fatale
    Dice che c'è rimasto sulo 'o mare | Io sono la gomma, tu la colla

  3. #3
    Maccio Capatonda L'avatar di -KR-
    Registrato il
    10-03
    Messaggi
    1.476

    Re: Vevet Underground

    Inviato da Tenente_Pliskin
    che ne pensate di loro?
    La loro musica è fra le cose più geniali che abbia mai sentito. I loro dischi si trovano a 10 euri, è un reato non acquistarli. Non mi sorprende che se ne parli come del gruppo più influente della storia del rock. Dei grandissimi!

  4. #4
    Bardo delle Ombre L'avatar di Nalut Miserat
    Registrato il
    09-03
    Località
    Lato Oscuro della Luna
    Messaggi
    5.412
    Chi non li conosce non conosce la musica ne la capirà.Sono, maestri di vita o forse di morte.Senza loro non sarei lo stesso.Senza loro tutto sarebbe diverso e come loro Andy.Sarà stupido ma dopo aver letto questo 3d mi sento strano quasi piango, posso solo ringraziare per tutto quello che hanno fatto per me e per il mondo.GRAZIE SARETE SEMPRE NEL MIO CUORE!

    Nalut's style

    Fanzine Horror DL Vol.1 2 3 by Fiol&Asso (Dagon's review in SoF Vol.3 by Nalut)

  5. #5
    Down is the New Up. L'avatar di Cold Winter
    Registrato il
    10-02
    Località
    Milano solo Rossonera
    Messaggi
    8.992
    Qlcn mi consiglia un disco?

  6. #6
    Kelvan
    Ospite
    Inviato da Cold Winter
    Qlcn mi consiglia un disco?
    A me non piacciono, ma anticipo Tenente e ti dico:
    Velvet Underground & Nico

  7. #7
    -nOiSe-[*] L'avatar di [SSj1]Gatsu
    Registrato il
    04-03
    Località
    Empoli (Fi)
    Messaggi
    8.954
    Inviato da Kelvan
    Velvet Underground & Nico
    Non so di preciso quanti dischi abbiano fatto, ma io ho solo questo.........

  8. #8
    Nativity In Black L'avatar di Holyman
    Registrato il
    01-04
    Località
    TN
    Messaggi
    7.324
    Inviato da [SSj1]Gatsu
    Non so di preciso quanti dischi abbiano fatto, ma io ho solo questo.........

    Se non sbaglio dovrebbero averne fatti quattro.

  9. #9
    Bardo delle Ombre L'avatar di Nalut Miserat
    Registrato il
    09-03
    Località
    Lato Oscuro della Luna
    Messaggi
    5.412
    Inviato da Kelvan
    A me non piacciono, ma anticipo Tenente e ti dico:
    Velvet Underground & Nico
    E' un'ottimo disco...prendilo costa pure poco.

    Nalut's style

    Fanzine Horror DL Vol.1 2 3 by Fiol&Asso (Dagon's review in SoF Vol.3 by Nalut)

  10. #10
    aka "Music~Man" L'avatar di Valiant
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    24.562
    quel disco è già mio...

  11. #11
    Kelvan
    Ospite
    Inviato da Nalut Miserat
    E' un'ottimo disco...prendilo costa pure poco.
    l'ho sentito e non mi è piaciuto per niente

  12. #12
    Maccio Capatonda L'avatar di -KR-
    Registrato il
    10-03
    Messaggi
    1.476
    Inviato da Kelvan
    l'ho sentito e non mi è piaciuto per niente
    Peccato perchè rulla troppo!

  13. #13
    Depresso L'avatar di bonovox2003
    Registrato il
    08-03
    Località
    Torvaianica, Pomezia (RM)
    Messaggi
    850
    Li ho ascoltati qualcosa e devo dire che mi piacciono ...
    ma preferisco Lou Reed solista ...
    E' un mio gusto ...
    Comunque riconosco il grande gruppo importantissimo per la storia del rock ...
    [MOVE]J. Lennon : " La vita è ciò che passa mentre fai progetti per il futuro " Che Guevara : " Siate sempre capaci di sentire nel profondo dei vostri cuori ogni ingiustizia compiuta in ogni parte del mondo " A.A.A Cercasi ragazza amante dei gruppi sotto citati , di roma o dintorni , carina , simpatica , che abbia idee politiche vicino alla sinistra , intelligente , timida , simpatica ed allegra .... Mandate un MP [/MOVE]
    [MOVE]U2QUEENPINK FLOYDLED ZEPPELINDEEP PURPLE[/MOVE]

  14. #14
    -nOiSe-[*] L'avatar di [SSj1]Gatsu
    Registrato il
    04-03
    Località
    Empoli (Fi)
    Messaggi
    8.954
    Inviato da Holyman
    Se non sbaglio dovrebbero averne fatti quattro.
    Ok

  15. #15
    -nOiSe-[*] L'avatar di [SSj1]Gatsu
    Registrato il
    04-03
    Località
    Empoli (Fi)
    Messaggi
    8.954
    Inviato da bonovox2003
    ma preferisco Lou Reed solista ...
    Lui da solo credo di non averlo mai sentito................... Non sono molto ferrato in questo genere di musica........

Pag 1 di 2 12 UltimoUltimo

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •