• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Visualizzazione risultati da 1 a 11 di 11

Discussione: elezioni in Iran

Cambio titolo
  1. #1
    uno di passaggio L'avatar di Wiald
    Registrato il
    10-02
    Località
    Colchester, UK
    Messaggi
    2.770

    elezioni in Iran

    Gli osservatori parlano di seggi deserti e persone obbligate a votare, ma per il regime il boicottaggio dei riformisti è fallito
    Elezioni farsa in Iran
    vittoria degli ultra conservatori
    I primi risultati danno in testa i candidati fondamentalisti
    I moderati: "Senza epurazioni avremmo avuto 200 seggi"



    TEHERAN - Dopo il completamento degli scrutini nei primi collegi elettorali in Iran, il partito conservatore è nettamente in testa. Nel paese degli ayatollah si è votato ieri per il rinnovo dei 290 seggi del Parlamento, in un clima di tensione e malcontento. Secondo l'agenzia Irna, 12 ore dopo la chiusura dei seggi e l'inizio dei conteggi, sono in testa i candidati Hadad Adel e Ahmad Tavakoli, della principale lista conservatrice, la Coalizione degli sviluppatori dell'Iran islamico.

    Distanziato il presidente del Parlamento uscente, Mehdi Karrubi, dell'Associazione del clero combattente, uno dei gruppi riformisti più moderati, che ha deciso di partecipare alle elezioni nonostante le bocciature di molti candidati di questo schieramento politico. Anche a Mashhad, città santa sciita nell'est del Paese, figura in testa un noto conservatore, Mohammad Reza Faker.

    Secondo i primi dati diffusi dal ministero degli Interni, i candidati conservatori hanno vinto in 43 dei primi 83 collegi scrutinati, ai candidati riformisti sono andati 21 seggi, mentre gli altri a candidati indipendenti. In 17 collegi, in cui nessuno dei candidati ha ottenuto più del 25 per cento delle preferenze si andrà al ballottaggio.

    Un alto dirigente del principale partito riformista iraniano ha ammesso che i conservatori hanno certamente conquistato una vasta maggioranza alle elezioni. La fonte ha parlato però di una vittoria preparata ad arte dal clero islamico ultraconservatore, con la bocciatura di migliaia di candidati moderati.

    Mostafa Tajzadeh, esponente di spicco del Fronte di partecipazione dell'Iran islamico, il partito riformista che ha deciso comunque di prendere parte alle elezioni, ha affermato che i riformisti possono comunque vantare un forte sostegno popolare che potrebbe dare loro dai 60 ai 100 dei 290 seggi del Parlamento. "Se le elezioni fossero state davvero libere avremmo ottenuto tranquillamente 200 seggi", ha aggiunto, "Posso dire con certezza che i conservatori hanno il sostegno di non più del 15 per cento della società".



    Moderati e riformisti avevano invitato gli elettori all'astensione, poiché sostengono che non ci sono i presupposti per un voto libero. In Gennaio il Consiglio dei Guardiani aveva infatti bocciato la candidatura di 3600 candidati riformisti, tra i quali i leader più popolari del movimento di riforma, e nei giorni scorsi sono stati chiusi gli ultimi due quotidiani indipendenti.

    Il fronte conservatore in Iran ha tacciato i riformatori e i moderati di filoamericanismo. L'ayatollah Khamenei ha affermato che "Il boicottaggio delle elezioni è stato deciso nei palazzi americani" e il capo del consiglio degli esperti, che aveva epurato i riformatori, ha detto che "chi non compie il suo dovere dovrà rispondere davanti a Dio in questa vita e nella prossima".

    Nonostante gli anatemi la partecipazione al voto per
    le legislative di ieri è stata nella provincia di Teheran di quasi il 40 per cento, secondo una stima fatta dal presidente ."Lo nostre prime valutazioni sono di una partecipazione di 2.300.000-2.400.000 persone nella circoscrizione di Teheran", ha affermato il presidente della commissione provinciale di sorveglianza, Ahmad Azimzadeh. Una stima che non pare corrispondere con quanto hanno osservato i giornalisti stranieri nel paese che parlavano di seggi deserti e persone obbligate ad andare a votare.

    La televisione, controllata dai conservatori, ha ripetuto ieri per tutto il giorno che la partecipazione era massiccia, e che per questo la chiusura dei seggi era stata rinviata di quattro ore. Gli oppositori del regime hanno invece interpretato il prolungamento dell'apertura dei seggi come un escamotage per falsificare i risultati. Qualunque sia comunque il dato che verrà diffuso al termine delle operazioni di scrutinio, c'è una sola certezza: il parlamento che verrà eletto in queste consultazioni non sarà l'espressione della volontà della maggioranza degli iraniani.


    http://www.repubblica.it/2004/a/sezi.../elezioni.html

    la via per il superamento di sé è la liberazione dalle aspirazioni mediocri

  2. #2
    Bannato L'avatar di GUNLUCKY
    Registrato il
    03-03
    Località
    sulle ali dell'Arcadia
    Messaggi
    9.411
    Non sò che pensare...è un pò come la questione Putin.
    Sono paesi che date le loro attuali condizioni penso siano regimi effettivi, che però prestano attenzione, se così si può dire, alla facciata.Le relazioni internazionali vanno tenute d' occhio soprattutto oggi.

  3. #3
    Utente L'avatar di BILBAO
    Registrato il
    02-03
    Località
    BELFAST
    Messaggi
    2.040
    mi piacerebbe che qualche ns democratico cui piace "il girotondo" in servizio permanente effettivo trovasse il tempo e la voglia per consumare un po' di calorie fisiche esercitando il legittimo diritto di girotondismoeccato che il dovere di qs azione rimane sempre sulla carta(


    cmq wiald come al solito un plauso nei tuoi confronti per l'apertura mentale di visioni il cercare di pensare con la propria testa anche nel momento della denuncia è un valore innegabile

  4. #4
    Bannato L'avatar di GUNLUCKY
    Registrato il
    03-03
    Località
    sulle ali dell'Arcadia
    Messaggi
    9.411
    BILBAO

    mi piacerebbe che qualche ns democratico cui piace "il girotondo" in servizio permanente effettivo trovasse il tempo e la voglia per consumare un po' di calorie fisiche esercitando il legittimo diritto di girotondismoeccato che il dovere di qs azione rimane sempre sulla carta(
    cio'è il solito si parla ma non si fa?O si fa qualcos' altro? Questa è la base fondante della nostra democrazia
    (

  5. #5
    Bannato L'avatar di Raycom
    Registrato il
    02-04
    Messaggi
    46


    ecco una vignetta che spiega la situazione

  6. #6
    Utente L'avatar di BILBAO
    Registrato il
    02-03
    Località
    BELFAST
    Messaggi
    2.040
    GUNLUCKY

    cio'è il solito si parla ma non si fa?O si fa qualcos' altro? Questa è la base fondante della nostra democrazia
    (

    molto semplicemente si predica bene ma si razzola molto male, anzi dolosamente molto male: la piazzetta di fronte l'ambasciata iraniana a Roma è desolatamente vuota da anni, nessun presidio antifascista in spe ad adornarla con le sue bandiere democratiche e del color del sol dell'avvenire....una piazza che chiede la presenza della ns democrazia, ma che è vuota come vuoti sono i valori di pluralismo in iran

  7. #7
    Bannato L'avatar di GUNLUCKY
    Registrato il
    03-03
    Località
    sulle ali dell'Arcadia
    Messaggi
    9.411
    BILBAO

    molto semplicemente si predica bene ma si razzola molto male, anzi dolosamente molto male: la piazzetta di fronte l'ambasciata iraniana a Roma è desolatamente vuota da anni, nessun presidio antifascista in spe ad adornarla con le sue bandiere democratiche e del color del sol dell'avvenire....una piazza che chiede la presenza della ns democrazia, ma che è vuota come vuoti sono i valori di pluralismo in iran
    C'è da rifletterci significativamente... qui siamo al solito gioco delle parti...bella democrazia la nostra e, soprattutto, ideali saldi nel cuore(

  8. #8
    Πολύτρουπος L'avatar di Hobbit83
    Registrato il
    04-03
    Località
    Stadio Romeo Neri, Rimini
    Messaggi
    3.172
    GUNLUCKY

    Non sò che pensare...è un pò come la questione Putin.
    Sono paesi che date le loro attuali condizioni penso siano regimi effettivi, che però prestano attenzione, se così si può dire, alla facciata.Le relazioni internazionali vanno tenute d' occhio soprattutto oggi.
    Gun, quoto in pieno. Sono entrambi regimi effettivi. Quello che mi fa rabbia è che si consideri normale lavorare con loro e appoggiarli. Sto perdendo sempre più la già scarsa fiducia che avevo nella "classe dirigente" di questo paese e dei suoi vicini europei e di oltreatlantico.
    Ciao

    Fra
    3 sono i Re, il 3° era chiamato non ti scordar di me, perchè metteva foto giganti del suo viso: rimase incastrato nel suo proprio sorriso...

  9. #9
    Bannato L'avatar di GUNLUCKY
    Registrato il
    03-03
    Località
    sulle ali dell'Arcadia
    Messaggi
    9.411
    Come sempre ce ne sono di buoni e di cattivi...mah

  10. #10
    Utente L'avatar di BILBAO
    Registrato il
    02-03
    Località
    BELFAST
    Messaggi
    2.040
    GUNLUCKY

    C'è da rifletterci significativamente... qui siamo al solito gioco delle parti...bella democrazia la nostra e, soprattutto, ideali saldi nel cuore(

    ed infatti quella piazza è sempre vuota caro gun, ma a denunciare le battute di berlusconi sul milan, dopo un derby meritatamente starvinto, tutti in spe: mi pare che ci sia uno stabismo preoccupante, da parte di alcune forze politiche

  11. #11
    Oggettivista L'avatar di space king
    Registrato il
    10-02
    Località
    Palermo
    Messaggi
    10.359
    Mi viene in mente una cosa: in Iraq praticamente tutti avrebbero votato per Saddam; in Iran praticamente tutti avrebbero votato per gli ultra conservatori. Non capisco la differenza...
    Ahi serva Italia di dolore ostello, nave senza nocchiere in gran tempesta,
    non donna di provincie ma bordello! (VI Purgatorio)

    Di rider finirai pria dell'aurora!


Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •