• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Pag 1 di 6 1234 ... UltimoUltimo
Visualizzazione risultati da 1 a 15 di 89

Discussione: Marcia per La PACE. i movimenti: "Fassino resti a casa"

Cambio titolo
  1. #1
    uno di passaggio L'avatar di Wiald
    Registrato il
    10-02
    Località
    Colchester, UK
    Messaggi
    2.770

    Marcia per La PACE. i movimenti: "Fassino resti a casa"

    Francesco Caruso promette "ceffoni umanitari" mentre Vittorio Agnoletto parla di "contorsioni tattiche". Contraria anche Lilliput
    Fassino alla marcia per la pace
    I pacifisti: "Meglio se stai a casa"
    di ANDREA DI NICOLA


    ROMA - Francesco Caruso preannuncia "ceffoni umanitari", Vittorio Agnoletto esorta: "E' meglio che resti a casa", mentre per la Rete Lilliput padre Alex Zanotelli, Gino Strada e don Luigi Ciotti avevano parlato in maniera preventiva: "Chi non chiede il ritiro delle truppe dall'Iraq non appartiene al movimento per la pace". La decisione di Piero Fassino di partecipare alla marcia per la pace lanciata dal Forum sociale europeo di Parigi in risposta all'appello dei pacifisti americani provoca un muro di reazioni fra i pacifisti italiani.

    Fassino dice "certo che ci andrò ci mancherebbe altro che qualcuno decida dove debbo andare", ma i rappresentanti del movimento che quella manifestazione ha convocato non sono così contenti dell'adesione. Il più colorito, come suo solito, è Francesco Caruso, leader dei Disobbedienti che parla di "presenza equivoca ed ipocrita" e a Fassino predice "schiaffoni umanitari". "Non sono io che vado a dargli gli schiaffi - dice il portavoce dei Disobbedienti - però sostengo che se nessuno può impedirgli di venire nessuno può impedire che venga contestato. Non può tenere il piede in due staffe e pensare di farla franca".

    "Spero - continua Caruso - che nessun parlamentare che ha votato a favore della guerra si scandalizzerà per un paio di sberle o alzerà la voce per tacciare questa benevola promessa come un atto di violenza e sopraffazione. Questi signori portano sulla coscienza, con il loro voto, l'occupazione militare dell'Iraq, con una lista di morti civili e militari che ogni giorno si allunga sempre più, mentre nessuna delle menzogne portate a giustificazione dell'aggressione militare si è rivelata vera: non le armi di distruzione di massa, non la lotta al terrorismo, non la democratizzazione dell'area".


    E anche il più moderato Vittorio Agnoletto non è da meno. "Prendo atto delle contorsioni tattiche di Fassino - dice Agnoletto - ma la questione è molto semplice: se il governo non stralcerà la missione in Iraq dal decreto i Ds come voteranno? Tutto il resto sono e resteranno semplici e vuote parole".

    "Ognuno è libero di partecipare alle manifestazioni che vuole - aggiunge Agnoletto - ma un segretario di partito ha il dovere della coerenza tra il comportamento dentro e fuori il Parlamento. La manifestazione del 20 marzo è organizzata in tutto il mondo per richiedere il ritiro delle truppe occupanti dall'Iraq. Chiunque decida di parteciparvi deve dare il proprio contributo a questo obiettivo partendo dalla propria collocazione". Secondo Agnoletto "chi è in Parlamento ha una sola possibilità: votare contro la missione, altrimenti è meglio che resti a casa".

    Anche il grande agglomerato di Lilliput ritiene che chi non vota no al finanziamento della missione in Iraq è meglio che stia a casa. E mentre continua la campagna di mail bombing verso i deputati, resta la posizione espressa da Alex Zanotelli, Gino Strada e don Luigi Ciotti: "Chi ha manifestato perché l'Italia non si associasse a questa avventura militare trova nei tragici sviluppi di questi giorni conferma delle sue ragioni e chiede oggi che quell'avventura cessi. La richiesta del movimento per la pace è inequivocabile: ritiro delle truppe italiane dall'Iraq, subito. Chi non è portatore di questa richiesta, non appartiene al Movimento per la pace".

    "Non si può marciare - continuano - e poi essere indecisi o compiacenti sulla decisione di abbandonare una guerra coloniale che non ha mai avuto alcuna legalità o giustificazione. Le forze politiche e, in ciascuna di esse, i parlamentari che rifiuteranno queste richieste non dovranno mai più contare sul voto di chi si sente tradito sui temi decisivi della pace, della fedeltà alla Costituzione, dei diritti umani, del diritto internazionale".


    http://www.repubblica.it/2003/j/sezi...pacifisti.html

    ______________________________

    per come la vedo io il centro-sinistra non ha moltissime speranze di accordarsi su una politica estera comune, ma quella che va prospettandosi non è un frammentazione quanto una divisione in due: quelle che sono le anime della sinistra parlamentare e movimentista.

    da una parte la lista unitaria(SDI, Democratici di sinitra e Margherita) e l'UDEUR, dall'altra il PDCI, Verdi, L'Italia dei Valori(Di Pietro e Occhetto) e Rifondazione. la prima ha una posizione di politica estera moderata, a tratti ambigua, l'altra decisamente più ferma nel chiedere il ritiro delle truppe italiane dall'iraq( motivazioni)

    questa divisione in due ha radici ideologiche profonde, quindi nell'ambito della costituzione di una alternativa di governo credibile, credo che ampio dibattito debba svolgersi sul tema all'interno della coalizione; arrivando a stabilire una posizione comune concordata e condivisa da tutti. e poi, se necessario, a stabilire il voto a maggioranza sulla materia; che, ricordiamo, è stata oggeto della crisi nel primo governo Prodi

    la via per il superamento di sé è la liberazione dalle aspirazioni mediocri

  2. #2
    Standing by L'avatar di TEC_MrHide
    Registrato il
    04-03
    Località
    Provincia di Milano
    Messaggi
    10.068
    "Se Fassino viene, gli spacchiamo la testa."
    Belle parole per essere pacifisti.
    "It is by will alone I set my mind in motion. It is by the juice of sapho that thoughts acquire speed, the lips acquire stains, the stains become a warning. It is by will alone I set my mind in motion." - mentat Piter De Vries.

  3. #3
    uno di passaggio L'avatar di Wiald
    Registrato il
    10-02
    Località
    Colchester, UK
    Messaggi
    2.770
    TEC_MrHide

    "Se Fassino viene, gli spacchiamo la testa."
    Belle parole per essere pacifisti.
    mi sono riletto l'articolo tre volte ma quelle parole non le ho trovate

    la via per il superamento di sé è la liberazione dalle aspirazioni mediocri

  4. #4
    Standing by L'avatar di TEC_MrHide
    Registrato il
    04-03
    Località
    Provincia di Milano
    Messaggi
    10.068
    Wiald

    mi sono riletto l'articolo tre volte ma quelle parole non le ho trovate
    L'ho sentito al TG. |)
    "It is by will alone I set my mind in motion. It is by the juice of sapho that thoughts acquire speed, the lips acquire stains, the stains become a warning. It is by will alone I set my mind in motion." - mentat Piter De Vries.

  5. #5
    Bello e dannato L'avatar di El Gugliauser
    Registrato il
    03-03
    Località
    Torino
    Messaggi
    6.831
    Wiald

    mi sono riletto l'articolo tre volte ma quelle parole non le ho trovate

    Il senso e' quello. Per non parlare di mailbombing e altri metodi che denotano grande tolleranza, civilta' e democrazia.

  6. #6
    101 Airborne L'avatar di maverick84
    Registrato il
    12-02
    Località
    Palermo
    Messaggi
    10.571
    E' scontro tra centrosinistra e no global

    Fassino-pacifisti, è sfida aperta sul corteo

    Il leader dei Ds: il 20 marzo ci sarò. Il disobbediente Caruso: gli daremo due ceffoni umanitari

    ROMA - Poiché i cortei non hanno porte e non si può impedire a Francesco Rutelli e Piero Fassino di partecipare alla manifestazione arcobaleno del 20 marzo, i pacifisti estremisti promettono fischi. E «ceffoni umanitari». A rischio di sberle e sberleffi, segretari di partito e parlamentari che non hanno votato (o non voteranno) contro il prolungamento della missione italiana in Iraq. Investiti dalle polemiche dopo le accuse di Luciano Violante al governo per i morti di Nassiriya, i riformisti di Prodi devono fronteggiare anche l’attacco dei Disobbedienti: la loro presenza in una piazza che chiederà «il ritiro delle truppe occupanti dall’Iraq» sarebbe ipocrita e ambigua. Quindi, restino a casa. Preoccupato per il clima nient’affatto pacifista che si respira in Transatlantico, dove oggi il decreto delle polemiche approderà sui tavoli delle commissioni, il presidente della Camera rimprovera i protagonisti dello scontro su Nassiriya: «Le polemiche politiche sulla pelle dei nostri militari sono moralmente inaccettabili». Un appello a ritrovare la dignità e la compostezza dei funerali solenni, quando il dramma degli italiani uccisi era «memoria condivisa di tutto il Paese».
    L’Ulivo spera che le parole di Casini nascondano la disponibilità a «spacchettare» il decreto. In caso contrario, i deputati Uniti nell’Ulivo non potranno che preparare il non-voto finale con un ostruzionismo a oltranza, ipotesi che non esalta lo Sdi. «Io non voterò mai contro le missioni in Bosnia, in Kosovo, in Macedonia e in Albania perché le considero importanti e utili per la pace - denuncia l’"inganno" Fassino, che si batterà alla Camera per ottenere lo scorporo -. E non voterò mai a favore della missione in Iraq perché la considero sbagliata». E se Gianfranco Fini giudica le accuse di Violante al governo «un clamoroso autogol» e vi legge la prova di «un certo cinismo e di un uso disinvolto di quella tragedia», Fassino difende il suo capogruppo: «È stato vittima di un’evidente strumentalizzazione». Poi annuncia che lui, il 20 febbraio, sfilerà all’ombra delle bandiere arcobaleno.
    Il leader del Social forum Vittorio Agnoletto prende atto delle «contorsioni tattiche» di Fassino e lo invita a stare alla larga, «un segretario di partito ha il dovere della coerenza». Luca Casarini, portavoce dei Disobbedienti del Nord-Est, annuncia che i «duri» del comitato Fermiamo la Guerra non si asterranno dall’allontanare Fassino, «il 20 marzo non è una pagliacciata né una sfilata pre elettorale». E Francesco Caruso accusa il segretario della Quercia e gli altri leader del listone di Prodi («questi signori») di portare sulla coscienza «l’occupazione militare dell’Iraq» con i relativi morti. Non si preoccupi, onorevole Fassino... «Al massimo qualcuno potrà rifilargli due ceffoni umanitari». La controffensiva dei Ds è affidata al coordinatore Vannino Chiti: le posizioni di «questi tre» non rappresentano il movimento per la pace, e poiché i Democratici di sinistra vi partecipano da tempi non sospetti, cioè «da prima di Agnoletto, Casarini e Caruso», Fassino e i suoi andranno ai cortei arcobaleno presenti e futuri. Al voto finale la Quercia arriverà spaccata, con la sinistra Ds che spinge per il no. La Margherita riunirà oggi i deputati per decidere tra astensione, non voto o uscita dall’aula. I dielle non escludono gesti a effetto, tipo sbattere le scarpe sul banco come fece Kruscev per marcare il dissenso. La sola certezza è che l’intera opposizione cercherà di sopprimere la missione in Iraq con un emendamento.


    ----------------------------------------------------------------------------

    Le parole di questi "pacifisti"(mi scuso di fronte la vera Pace )sono davvero senza senso
    Ultima modifica di maverick84; 25-02-2004 alle 11:30:17
    "I fascisti si dividono in due categorie: i fascisti e gli antifascisti"
    Ennio Flaiano


  7. #7
    Bannato L'avatar di Zahk
    Registrato il
    09-03
    Località
    Milano
    Messaggi
    6.024
    Che imbecilli.

  8. #8
    Bannato L'avatar di GUNLUCKY
    Registrato il
    03-03
    Località
    sulle ali dell'Arcadia
    Messaggi
    9.411
    Pace fratelli....ma solo se fate e dite quello che voglio facciate o diciate.

  9. #9
    Bannato L'avatar di Raycom
    Registrato il
    02-04
    Messaggi
    46
    TEC_MrHide

    "Se Fassino viene, gli spacchiamo la testa."
    Belle parole per essere pacifisti.
    questo è il pacifismo no-global, a loro piace la guerriglia urbana, potrebbero andare a manifestare ad Haiti...si divertirebbero un sacco, ma li i ribelli o i poliziotti non ci pensano due volte prima di sparare

  10. #10
    vuole solo la juveh!1!1!! L'avatar di Vulcan Raven
    Registrato il
    03-03
    Località
    un puntino in prov. NA
    Messaggi
    31.896
    GUNLUCKY

    Pace fratelli....ma solo se fate e dite quello che voglio facciate o diciate.
    ahhh, i movimenti pacifisti così coerenti e poveri di ipocrisia...

  11. #11
    Utente L'avatar di Mr.Vercetti
    Registrato il
    02-03
    Località
    City of Dorter
    Messaggi
    5.669
    perchè dovrebber rimanere a casa ???
    Playing: Tales of Xillia (PS3), Bravely Second: The Ballad of the Three Cavaliers (3DS)
    Completati: Bravely Default (8), Final Fantasy X HD (6), Dept. of Heaven IX - Gungnir (7,5), Tears to Tiara 2 (7)

    "Yo fue siempre ganador."

    Diego Armando Maradona

  12. #12
    Bannato L'avatar di Raycom
    Registrato il
    02-04
    Messaggi
    46
    xchè hanno votato per la missione in Iraq, oppure non hanno proprio votato

  13. #13
    Bannato L'avatar di Raycom
    Registrato il
    02-04
    Messaggi
    46
    Wiald

    mi sono riletto l'articolo tre volte ma quelle parole non le ho trovate
    detto in tutti i Tg, tranne nel TG3

  14. #14
    Bannato L'avatar di GUNLUCKY
    Registrato il
    03-03
    Località
    sulle ali dell'Arcadia
    Messaggi
    9.411
    Vulcan Raven

    ahhh, i movimenti pacifisti così coerenti e poveri di ipocrisia...
    l' ipocrisia esiste da tutte le parti nessuna esclusa, la differenza sta solo nei riguardi di chi o cosa. Ed io mi sento sempre più in conflitto con la mia.

  15. #15
    CodeRed
    Ospite
    GUNLUCKY

    Pace fratelli....ma solo se fate e dite quello che voglio facciate o diciate.
    no, no. Aspettate, la situazione è più grave di quanto si possa pensare. Nel mio partito è successo un casino, in pratica tutta rifondazione è in rivolta. Questi due, fassino e d'alema, non si presentano neanche alle votazioni. Se si permettono di venire, qualche "sberla" gliela do anche io. Non in senso figurato, ma per il fatto che è l'ennesima dimostrazione che 'sti due sono dei venduti. Com'è, prima non vanno a votare per cose alle quali si è mobilitata tutta la sinistra e poi vanno alle manifestazioni?
    Ma come si permettono, almeno non vengano in veste ufficiale, se vogliono venire.

Pag 1 di 6 1234 ... UltimoUltimo

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •