Videogiochi
0Commenti

Need for Speed Hot Pursuit iPad/iPhone – La Recensione

by on 24/11/2010
 
NON PERDERTI NIENTE! SEGUI GAMESVILLAGE.IT
Altre informazioni su: 
Questo articolo è riferito a: 

Le corse illegali di Electronic Arts si spostano sugli schermi touch di Apple, ma questa volta possiamo solo fare i poliziotti. [Review]

La prima cosa che colpisce delle versioni per console Apple di Need for Speed: Hot Pursuit è il fatto che la Carriera si concentri solo ed esclusivamente sulla figura dei tutori dell’ordine, abbandonando completamente la parte relativa al “pilota”.

Strutturata in quattro livelli composti da sei eventi l’uno, la campagna permette di affrontare diverse missioni di cattura di criminali in fuga, corse contro altre auto della polizia o gare a tempo; a seconda dei risultati conseguiti si ottengono crediti e si sale di livello, sbloccando bolidi sempre più grosse e veloci (Pagani, Koenigsegg, Lamborghini, Porsche ecc.). Per riuscire a ottenere il massimo dei punteggi in tutti gli eventi sarà necessario tornare ad affrontarli più volte con auto più potenti, che permettono risultati migliori. Esiste anche una modalità Quick Race in cui scegliere il tracciato, l’ora del giorno e la macchina, tra quelle sbloccate nella Carriera.

Come nella controparte per le console “maggiori”, avremo a nostra disposizione alcune armi che permettono di ostacolare gli avversari, siano essi civili o poliziotti, e che si richiamano toccando le icone sulla parte bassa dello schermo: blocchi stradali, impulsi elettromagnetici e strisce chiodate. Il loro uso non è sempre immediato e richiede un minimo di pratica, ma quando i colpi vanno a segno i risultati si fanno immediatamente notare e apprezzare (anche in questa versione ci sono le crash cam).

I controlli delle vetture sono quelli già visti in altri titoli di corse per i prodotti Apple: l’acceleratore è automatico, ma può essere impostato come manuale; si frena toccando la parte in basso a sinistra dello schermo e si sterza inclinando la console di lato. La nitro si attiva con un rapido swipe verso l’alto, mentre il freno a mano (del tutto inutile, io non l’ho usato una sola volta che sia una) con uno verso il basso. La risposta delle auto è molto buona, nel senso che si guidano con una certa facilità: i comandi sono pronti e il modello arcade tiene i mezzi bene inchiodati sull’asfalto, permettendoci di concentrarci sulle altre cose da fare (attivare i power-up, non perdere di vista i sospetti, guardare la mappa ecc.).

Gli inseguimenti sono divertenti, anche se non manca qualche difettuccio. Un paio di cose in particolare mi hanno indisposto: la mancanza di uno specchietto retrovisore che costringe ad attendere passivamente che il sospetto ci superi (e poi dobbiamo recuperare terreno!) e il fatto che i danni si infliggono solo da dietro. Se un criminale in fuga vi sperona a 200 all’ora non gli succede niente, e lo stesso dicasi se gli tagliate la strada in sorpasso.

Il multiplayer si limita alla connessione locale tra due dispositivi (peccato, il GameCenter a cosa serve?), ma è l’unica modalità in cui si può accedere alle auto “civili”. Tecnicamente il gioco si difende benone, con il supporto per il display Retina e un motore che risulta sempre fluido e al tempo stesso in grado di regalare un mondo di gioco abbastanza ricco di dettagli.

Need for Speed Hot Pursuit è disponibile per iPod Touch, iPhone, iPad a 3.99 € – pagina iTunes

Condividi questo articolo con i tuoi amici

Commenta per primo!
 
Inserisci Commento »

 


Devi Effettuare il Log in Per pubblicare un commento