Videogiochi
0commenti

Arrivano i primi dettagli sulla prossima console Sony?

di il 29/03/2012
 
NON PERDERTI NIENTE! SEGUI GAMESVILLAGE.IT
Altre informazioni su: 
Questo articolo è riferito a: 

Kotaku riporta le prime indiscrezioni sul possibile successore di PlayStation 3.

In queste ore Kotaku ha pubblicato una serie di indiscrezioni su quella che potrebbe essere la nuova home console di casa Sony.

La fonte, come al solito quando si parla di indiscrezioni, non è ufficiale, ma Kotaku afferma di aver ricevuto informazioni veritiere in passato da questa persona, quindi ve le riportiamo anche noi in buona fede.

Il nome della nuova console sembra essere Orbis che, come evidenziato dall’editor di Kotaku, potrebbe avere un senso se messon in relazione al nome della nuova console portatile Sony, PlayStation Vita.
Orbis Vita, o Orbis Vitae in latino stretto, significa “Cerchio della Vita”; questo potrebbe significare un legame più stretto, a livello funzionale, fra la prossima home console Sony e la sua controparte portatile rispetto a quanto realizzato, in questa generazione, tra PlayStation 3 e PSP.
Potrebbe anche non significare niente, ma perchè risparmiarsi le speculazioni se già stiamo parlando di rumor?

Passando alle specifiche hardware, sembra che la prossima console Sony sarà basata su tecnologia AMD, con un processore AMD x64 e una GPU AMD Southern Island in grado di riprodurre i giochi alla sbalorditiva risoluzione di 4096*2160.
Inoltre, sembra che PlayStation Orbis (cominciamo ad abituarci a parlare di sfere, dopo le circonferenze di Microsoft… nda) sarà in grado di supportare giochi 3D fino alla risoluzione di 1080p, mentre PlayStation 3 non regge oltre i 720p.

Quello che probabilmente non piacerà a più di un giocatore sarà la probabile assenza di qualsiasi forma di retrocompatibilità con la generazione precedente.
Se le prime versioni di PlayStation 3 avevano una possibilità hardware e/o software di supportare i titoli PlayStation 2, la nuova console Sony non si disturberà neanche a provarci. Non ci resta che sperare che una simile scelta contribuisca a un prezzo iniziale più contenuto, rispetto ai 600 Euro delle prime PlayStation 3…

Altro punto negativo per qualcuno è la possibile chiusura nei confronti del mercato dell’usato.
La descrizione data su Kotaku non è molto chiara e si contraddice in un punto, ma sembra che i titoli PlayStation Orbis avranno la stessa “identità” sia in versione scatolata che sul PlayStation Store, permettendo così ai giocatori di avere a possibilità di giocare al proprio gioco sia su disco che scaricandolo interamente dal PlayStation Network Sony Entertainment Network.
Il patto con il Demonio che ha reso possibile questa importante novità sembra essere la necessità di registrare il gioco a un unico account Sony Entertainment Network, un po’ come già funziona da anni su PC con i vari Online Pass e seriali da registrare su Steam.

La parte nebulosa dell’indiscrezione sembra essere “cosa resterà” sul disco una volta registrato il codice online e il suo impatto sul mercato usato e, soprattutto, la necessità o meno di essere costantemente connessi a internet per poter giocare.

Sul primo caso, sembra che il disco usato diventerà una sorta di “trial” del gioco, che richiederà l’acquisto della licenza online per poter attivare il gioco completo, mentre per il secondo la fonte non ha dato una spiegazione chiara.
Si spera che, volendo scegliere il percorso intrapreso da Valve con Steam, Sony decida di perseguirla fino in fondo.

Infine, l’ultima indiscrezione riguarda ovviamente la data di distribuzione di PlayStation Orbis, che probabilmente non avverrà prima di Natale 2013.
Una possibile conferma a questa previsione potrebbe arrivare nel caso Sony decidesse di presentare la console al prossimo Tokyo Game Show o, al più tardi, all’E3 2013, dato il già annunciato “no show” per l’E3 di quest’anno. A meno che Sony (e Microsoft, per quel che vale) non abbiano deciso di trollare la community e farci saltare le coronarie il prossimo Giugno.

Non ci resta che attendere il prossimo Giugno e, nel frattempo, preparare gli ansiolitici.

Condividi questo articolo con i tuoi amici

commenti
 
Lascia un commento »

 
  • rev. woolfood
    29/03/2012 at 14:23

    A me sembra proprio che Kotaku abbia detto delle cose senza alcun senso e senza uno straccio di infomazione attendibile… Ad iniziare dal nome!


  • rev. woolfood
    29/03/2012 at 14:24

    A me sembra proprio che Kotaku abbia detto delle cose senza alcun senso e senza uno straccio di infomazione attendibile… Ad iniziare dal nome!


  • killerlobotomy
    29/03/2012 at 15:22

    Secondo me se buttassero fuori la PS4 anche alla fine del 2012, per Sony non andrebbe bene lo stesso. Volevano innovare con PSVita e si vedono le vendite che sta facendo, difficilmente venderanno un sacco con PS4 anche considerando l’uso che hanno fatto con PS3 da console poco ottimizzata e assolutamente mal sfruttata. Per me dovrebbero concentrarsi ancora su PS3 e mettere sul mercato qualche bella trovata anche per la Vita cosi che iniziano a riprendersi clienti e nel 2014 buttare fuori la PS4 accompagnata da un sacco di giochi davvero adatti alla nuova piattaforma.


  • killerlobotomy
    29/03/2012 at 17:06

    una cosa è la competizione per una console portatile (smartphone e tablets), un’altra è quella per le console casalinghe: paragonare le possibili vendite di una console casalinga con quelle di una portatile solo perchè ne condividono il marchio è più campato in aria delle informazioni che abbiamo riportato nell’articolo :asd:

    Dipende da come la si guarda.
    Dipende da come la si gestisce e da quanto costerebbe e che giochi offrirebbe…dipende da tanti fattori che non devono essere visti solo come “campati in aria” oppure come “solo perchè è lo stesso marchio”…queste sono cagate che gli utenti ormai non vedono più. Quello che vedono è come viene gestita una console e non si può dire che PS3 o PSVita abbiano sfondato in questo senso quindi non buffuneggiamo. Se non vende una console come PSVita che costa 250 euro, nutro seri dubbi che venderebbe la sorella più grandicella chiama PS4 e venduta a quanto? 700 Euro? Detto questo…tira le somme.

    Definire PlayStation 3 “poco ottimizzata” solo perchè ha un’architettura diversa dalle altre, tra l’altro, è quasi offensivo…

    Strutturalmente poco ottimizzata parlavo di come si poneva e si pongono le SH tutt’oggi. Giochi davvero davvero da KA se ne sono visti 5 in 6 anni di vita e le conversioni multipiattaforma fanno cagare quasi tutte. Sony sta lavorando male, poco da dire…se non vedi queste cose hai proprio il prosciutto negli occhi. Riguardo l’offensivo non voleva esserlo, ho anche io la PS3 e per me è una buona console che è stata, è e sarà sempre usata male dagli sviluppatori che per la scusa del “ha una architettura diversa” (ma suvvia chi vogliamo prendere in giro) passa in secondo piano quando potrebbe dare tre volte tanto. Io la penso cosi.


  • glorfindel75
    29/03/2012 at 17:16

    Non capisco: è grave affermare la mancanza di retrocompatibilità con la PS3.
    Ancora una volta gli acquisti effettuati (soprattutto sul PSN) andranno persi?
    Lo trovo inconcepibile.
    E che dire di coloro che hanno acquistato i rifacimenti “HD” dei giochi PS2.
    Sony li reimmettera sul mercato come rifacimenti per PS4, da ricomprare?

    Ecco perchè una console non arriverà mai a sostituire la flessibilità di un PC: macchinette chiuse, usa e getta…


Devi collegarti per postare un commento