Tech
   


EVGA tutti i dettagli della tecnologia iCX

di 14/02/2017
 

Dopo la tempesta che si abbattuta su EVGA nell’ultimo periodo riguardo alcuni problemi di surriscaldamento delle sue GPU. Queste voci hanno messo un pò in crisi l’immagine di EVGA che ha voluto mettere in chiaro l’importanza data alle temperature presentando nel dettaglio il funzionamento dell’ultima tecnologia iCX . La tecnologia EVGA iCX è dotata di nove sensori termici allocati lungo il PCB. Ogni sensore è connesso all’app tramite la quale è possibile monitorare temperature e altre informazioni visualizzate nel menu OSD.

iCXIn aggiunta, 3 diodi RGB sono installati nel fianco della GPU, cambiando colore a seconda delle temperature raggiunte dalla GPU, VRM e memorie. Implementazione molto simile a quella adottate anche da altri brand come Gigabyte, ASUS e alcuni modelli MSI.

Con la nuova tecnologia iCX gli utenti saranno in grado di capire meglio le informazioni sul funzionamento della propria scheda video. A tal fine include sistemi di monitoraggio delle temperature dei componenti chiave, interazione con gli altri device e una gestione migliore di temperature e rumorosità grazie all’asynchronous fan control(controllo indipendente per ciascuna ventola), che si traduce anche in maggiori capacità di overclocking.

  • EVGA iCX dispone di 9 sensori termici e MCU multipli – Tutti i 9 sensori possono essere iCXvisualizzati nei sistemi EVGA Precision XOC e OSD.
  • Asynchronous Fan Control– separa il controllo delle ventole destra e sinistra inclusa la curva di funzionamento.
  • Controllo interattivo del raffreddamento mediante i LED RGB; cambiando colore e avvertendo l’utente che può così decidere la temperatura alla quale far comparire determinati colori.
  • Flusso d’aria ottimizzato– l’aria è condotta alle alette mediante particolari canali. Canali aperti per metà massimizzano il flusso d’aria mentre con la forma a L la superficie di contatto viene incrementata.
  • Die Cast e Backplate – sono posti a contatto diretto con i componenti chiave per massimizzare la dissipazione del calore aumentando la superficie di contatto.