Tech
   

RUMOR: Radeon Vega RX 64 in possibile esaurimento scorte a causa del mining?

di 07/08/2017
 

AMD ha presumibilmente informato i loro partner, che la RX Vega 64 potrebbe raggiunge un hash rate molto alto nell’Ethreum mining.

Questa informazione, presumibilmente proveniente da fonti interne alla compagnia, deve essere presa molto alla leggera. Apparentemente, le nuove features abilitate sugli ultimi driver RX Vega andrebbero ad aumentarne, oltre la performance, anche la capacità e la potenza di mining.

Si parla dunque di un raddoppiamento dell’hash rate rispetto alla Vega Frontier (che è all’incirca di 30MH/s).

SE questa notizia dovesse risultare vera quindi, sarebbe un duro colpo per il mercato da gaming, causa rialzo maggiorato dei prezzi, e dunque per i giocatori stessi, i produttori di GPU e AMD stessa.

AMD ha recentemente confermato che il lancio di RX Vega è stato posposto poichè volevano che il nuovo brand potesse essere lanciato nel mecato in grandi volumi e quantità. Appena questo rumor sarà confermato (speranzosamente no), i miners incominceranno a comprare queste schede senza nessuna pietà, aumentandone a dismisura il prezzo di vendita per gli utenti “comuni”.

Possiamo dunque dire e smentire che ai produttori di schede video attualmente importi di chi compri le loro GPU. Le schede usate dai miners hanno una percentuale di ritorno decisamente elevata, inondando il mercato con schede di seconda mano appena la criptomoneta eventualmente perda in valore. Per contrastare questo problema, i produttori stanno attualmente sviluppando schede grafiche specifiche per i miner, con una garanzia più breve. Sfortunatamente, gli USA e L’EU non garantiscono garanzia per questo tipo di pratiche, il che significa che questa iniziativa ridurrà plausibilmente l’effetto della febbre del mining soltanto in paesi come la Cina.

Con le Radeon RX Vega, AMD ha introdotto il Radeon Paks, per contrastare l’esistente (e quella futura?) febbre del mining. Non sappiamo per certo come ciò potrà aiutare, considerando che molte schede sono prevendute e già pagate dai miners settimane in anticipo nelle fabbriche cinesi.

Il parere comunque è quello che bisogni trovare una soluzione come ad esempio invalidare la garanzia a tutti i miner che comprino queste schede, sperando che quantomeno il prezzo delle schede, anche ad utenti normali, possa rimanere invariato.

Aspettiamo futuri aggiornamenti.

 





  • Davide Marchesi

    Questa cosa del mining mi incuriosisce ma non ne so praticamente niente, cos’è questo Ethereum?

    • Giuseppe Pitruzzella

      in pratica è una moneta virtuale tipo il bitcoin e usando solo le Gpu è possibile “estrarle” e avere un determinato profitto, che varia a seconda della potenza e del numero di gpu che si possiede, in genere le AMD sono le più richieste per minare dato che offrono il miglior rapporto consumi/ performance/prezzo.

      • Davide Marchesi

        Immagino che quelle schede costino 1 botto, di che prezzi si parla? Tutta questa faccenda del “mining” ha senso anche con prodotti non high-end?

        • Giuseppe Pitruzzella

          Il mining si basa soprattutto su prodotti midrange dato il loro prezzo e le loro performance, ma se è vero che queste nuove schede fruttino così tanto allora sicuramente si passerà ai prodotti high-end,io ad esempio mino con una 1070