Videogiochi
   

Digital Foundry disintegra Rayman Legends: Definitive Edition

di 13/09/2017
 

Il team di Digital Foundry è riuscito a ricavarsi il proprio posto al sole nella gaming industry grazie ad analisi dettagliate di quasi tutti i software e gli hardware che, a ritmo serrato, vengono rilasciati sul mercato. Questa volta è toccato a Rayman Legends: Definitive Edition, titolo sul quale già spiravano venti di tempesta che lo definivano identico alla versione per Wii U. Stando all’analisi di Digital Foundry, il prodotto non è identico a quello per la vecchia console Nintendo, invece, è decisamente la versione peggiore mai vista, superando in termini di pochezza qualitativa quella per PlayStation Vita.

Digital Foundry ha puntato il dito contro i tempi di caricamento tra i vari livelli, che sono stati definiti mostruosamente lunghi. Il team ha parlato di oltre 15 secondi di attesa, un’eternità, specialmente se comparata con le tempistiche su PlayStation 4 e Xbox One, che presentano un passaggio immediato tra le scene, e persino più lenti rispetto alle versioni per PS Vita e Nintendo Wii U. Stando all’analisi del team, le ragioni di questa epopea per cambiare livello sono da ricercare nella compressione estrema dei dati del gioco, il quale occupa solamente 2,9 GB sulla console, e nei relativi tempi di decompressione degli asset.

Per aggiunger ingiuria al danno, Digital Foundry ha fatto notare che non è presente la modalità in multiplayer asimmetrico con Murphy, una feature che è stata molto amata dalla community di appassionati e che forniva quel tocco di unicità alla versione per Nintendo Wii U poichè consentiva di sfruttare appieno lo schermo presente sul controller della console. Sul lato delle performance, invece, arrivano le poche note positive, con un frame rate stabile e una risoluzione di 1080p quando la Switch è alloggiata nel Dock.