Videogiochi

Injustice 2 – Recensione

di 29/11/2017
 

Il mondo dei videogiochi è in continuo cambiamento, basti pensare a quando console e PC si sfidavano nei lontani tempi dove l’8 bit regnava sovrano: se le console si dedicavano all’immediatezza del gioco, i PC puntavano a lasciare spazio ai più smanettoni. Anno 2017, le cose sono cambiate (non per forza in meglio): i PC sono più immediati, le console ricevono aggiornamenti e richiedono installazioni, ma soprattutto, i multipiattaforma ricevono spesso porting verso il PC. Ne è la prova Injustice 2, titolo uscito a maggio su Ps4 e Xbox One, e che ora possiamo gustarci nella sua versione PC, conoscendo però meglio l’anima del gioco (che vi suggeriamo di scoprire nella nostra recensione).

La sottile linea tra bene e male

La storia, se avete seguito la versione console, dovreste conoscerla. Per i meno avezzi, vi basterà sapere che in un altro universo Joker ha ucciso Lois Lane, moglie di Clark Kent aka Superman, e per questo l’Uomo d’Acciaio è impazzito, creando una dittatura mondiale e scegliendo di passare per le vie più veloci: uccidere tutti i cattivi. Batman, sebbene devoto alla salvezza dell’umanità, non ha potuto accettare questo lato oscuro del kryptoniano, optando per una ribellione insieme a pochi compagni e all’aiuto dell’universo originale. La premessa, vissuta su Injustice: Gods Among Us, prosegue con la sua trama in questo secondo capitolo, affrontando le conseguenze delle scelte prese da tutti gli eroi. Strano ma vero, la trama è uno dei punti di forza di questo picchiaduro, vivibile attivamente nelle battaglie, composte da piccoli siparietti tra i due combattenti sempre diversi, divertenti e con una strizzata d’occhio ai fan del fumetto. Da questo punto di vista il gioco non cambia nulla, giustamente, ma i giocatori da PC possono fin da subito scaricare, acquistandoli separatamente o come season pass, i 9 personaggi extra, che passano da Raiden di Mortal Kombat a Hellboy, finendo per le Tartarughe Ninja, raggiungendo un roster di ben 38 personaggi giocabili.

Injustice 2

Il potere degli eroi

Come Superman quando scoprì, in giovane età, di possedere dei poteri (e scelse la via dell’eroe), così gli sviluppatori hanno dovuto gestire il grande potere (e la grande difficoltà) proveniente da una programmazione dedicata al computer. Sebbene il nome Batman potrebbe spaventarvi (qualcuno ha provato Arkham Knight su PC?), potete stare sereni: il porting è avvenuto con discreto successo, stupendo il giocatore con un’alta qualità dei dettagli e degli effetti particellari. La cura è maniacale, al punto che i costumi e le animazioni sembreranno ai confini della realtà, e la scelta (che pesa un po’ sui requisiti hardware) vi porta a gestire senza problemi v-sync, bloom e occlusione ambientale; niente paura per i meno aggiornati, visto che il gioco si lascia giocare anche su macchine meno potenti, magari sacrificando i dettagli ma puntando ad una fluidità maggiore.

Requisiti minimi:

– Sistema operativo: 64-bit Windows 7 / Windows 10
– Processore: Intel Core i5-750, 2.66 GHz / AMD Phenom II X4 965, 3.4 GHz or AMD Ryzen™ 3 1200, 3.1 GHz
– Memoria: 4 GB di RAM
– Scheda video: NVIDIA® GeForce™ GTX 670 or NVIDIA® GeForce™ GTX 1050 / AMD® Radeon™ HD 7950 or AMD® Radeon™ R9 270
– DirectX: Versione 11
– Rete: Connessione Internet a banda larga
– Memoria: 52 GB di spazio disponibile

Requisiti consigliati:

– Sistema operativo: 64-bit Windows 7 / Windows 10
– Processore: Intel Core i3-2100, 3.10 GHz / AMD FX-6300, 3.5 GHz or AMD Ryzen™ 5 1400, 3.2 GHz
– Memoria: 8 GB di RAM
– Scheda video: NVIDIA® GeForce™ GTX 780 or NVIDIA® GeForce™ GTX 1060-6GB / AMD® Radeon™ R9 290 or RX 570
– DirectX: Versione 11
– Rete: Connessione Internet a banda larga
– Memoria: 60 GB di spazio disponibile

La cura dei dettagli

I dettagli del gioco, senza ombra di dubbio, sono innumerevoli: le voci originali, i dialoghi ricostruiti tramite botta e risposta divertenti, una storia elaborata (che trova spazio anche per un fumetto) e un ampio studio delle mosse dei personaggi sono ingredienti che i ragazzi di NetherRealm Studios (studio creato da Ed Boon, ex dipendente Midway che ha lavorato praticamente su tutti i Mortal Kombat usciti) combinano in maniera perfetta, aggiungendo una ciliegina sulla torta: la personalizzazione dell’equipaggiamento. Ogni personaggio potrà indossare un equipaggiamento sbloccabile nel multiverso, modalità single player online che vi farà accaparrare tanti accessori diversi, ognuno con valori diversi, da mettere al vostro personaggio. Ecco che quindi potrete, tramite lunghe partite, arrivare a creare versioni alternative dei vostri eroi, cosa molto affine alla DC Comics. Dopo 6 mesi inoltre, possiamo affermare come la modalità sia supportata al massimo dagli sviluppatori, grazie a sfide e pianeti nuovi del multiverso dedicati ai cinecomics usciti negli ultimi periodi (come Wonder Woman e Justice League).

Info
 
Piattaforma:
Pro
  • Un porting curato nei minimi dettagli
  • La potenza di un gioco come Injustice 2, su una piattaforma povera di picchiaduro
  • Contro
  • Peccato che i DLC siano da acquistare a parte
  • Editor Rating
     
    Globale
    9.0

    Voto
    9.0

    Hover To Rate
    User Rating
     
    Globale

    Voto Utenti

    You have rated this

    Commento
     

    Injustice 2, uscito a maggio su Ps4 e Xbox One, aveva meravigliato per la mole di dettagli, quasi troppi per un picchiaduro. Al contrario, la mossa si è rivelata vincente, arrivando a diventare un gioco perfetto sia per i fan dell'universo DC Comics, sia per i neofiti. Su PC, grazie alla potenza raggiungibile, migliora ulteriormente la qualità estetica, diventando la miglior versione del gioco.