• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Visualizzazione risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Censura e anime games

Cambio titolo
  1. #1
    Superstite L'avatar di Spriggan
    Registrato il
    11-06
    Località
    sull'isola che c'è
    Messaggi
    10.158

    Censura e anime games

    Prendo spunto da questo annuncio:
    http://blog.ghostlight.uk.com/post/a...lications-open
    Dove viene annunciato che la versione PC di Agarest 2 sarà parzialmente censurato, infatti il minigiochi e le CG che riguardano a prima generazione di Fiona non compariranno nel gioco venduto su Steam, il tutto ha suscitato un mare di polemiche sia nel blog che nel forum Steam con molta gente inviperita e pronta a boicottare il gioco.
    Mi chiedo ma perchè per i giochi occidentali nessuno si fa problemi quando vi sono scene di sesso esplicito e nudità integrali compresi le patate ed i piselli mentre negli anime game basta già mezzo capezzolo per impedire al gioco di essere pubblicato?
    Gli italiani e le elezioni politiche:
    -siete come quelle ragazze che vogliono farsi mettere incinta da uno ricco per starsene a casa a non fare un cazzo, siete al settimo figlio a carico vostro ma non abbandonate la convinzione che questo piano possa funzionare.

  2. #2
    Utente L'avatar di KJ-The-lightning
    Registrato il
    03-11
    Località
    avellino
    Messaggi
    1.252
    è dovuto a molti fattori, non sto neanche qui ad elencarli...
    però la cosa che mi sembra strana è: ma su pc in teoria non ci dovrebbe essere più libertà e meno censure che su console?



  3. #3
    Red Green Blue
    Ospite
    Citazione Spriggan Visualizza Messaggio
    Mi chiedo ma perchè per i giochi occidentali nessuno si fa problemi quando vi sono scene di sesso esplicito e nudità integrali compresi le patate ed i piselli mentre negli anime game basta già mezzo capezzolo per impedire al gioco di essere pubblicato?
    Perchè generalmente i primi tendono ad avere uno stile più realistico (assimilabile a un film) mentre i secondi a un cartone animato... e ancora oggi, in occidente, il cinema è considerata roba per adulti mentre l'animazione è considerata roba per bambini (magari a volte anche con una sua dignità artistica, ma comunque sempre per bambini).
    Di conseguenza, per la mentalità occidentale, una scena esplicita in un film o in un videogioco realistico è automaticamente sinonimo di *porno per adulti*, dunque niente di male (o magari male lo stesso, ma tollerabile), mentre una scena esplicita in un cartone animato o in un gioco in stile anime è automaticamente sinonimo di *porno per bambini*, dunque il Male Assoluto.

  4. #4
    Fadeaway
    Ospite
    more like che a quanto pare la persona media non sa letteralmente distinguere l'età di un personaggio bidimensionale nei due gruppi di "maggiore di 14 anni" e "minore di 14 anni" (siccome l'età del consenso per i pixel è quella); nel senso, mi sembra d'aver capito che chi non ha mai visto più di evangelion e cowboy bebop in vita sua tenda per qualche strana ragione a considerare il 99% dei chara design nipponici come rappresentanti 12enni infoiate, correggetemi se mi sbaglio (cioè che in pratica gli occhioni e quelle cose lì non riescono a simboleggiargli altro che l'infantile, puoi anche metterci due tette enormi sotto e risulteranno comunque confusi). penso che questo sia un fattore più probabile della storia dei cartoni e del ""porno per bambini"", comunque, siccome senza trasformare il per in di un cotale accanimento scemo si spiegherebbe, sì, lo stesso, ma un po' meno.

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •