• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Visualizzazione risultati da 1 a 11 di 11

Discussione: Le mie recensioni

Cambio titolo
  1. #1
    Utente L'avatar di Lucacat
    Registrato il
    04-04
    Località
    Zafferana Etnea ( CT)
    Messaggi
    96

    Sorriso Le mie recensioni

    Salve ragazzi, sono nuovo e ho conosciuto questo sito tramite NRU, comunque vi piacciono le mie recensioni?


    vi sono piaciute?? Comunque, visto che questa è la mia prima visita, mi presento: sono uno studente di ingegneria informatica e sono immerso nel mondo dei videogame sin da quando avevo 2 giorni di vita , sono cresciuto con i classici videogame da "bar" negli anni 80, ero piccolissimo e per giocare mi portavano la sedia per arrampicarmi nella macchinetta "mangiasoldi" (a quei tempi un gettone era 50-100 lire e poi 200 lire per un bel pò di tempo) adesso ho 22 anni e come detto prima studio ing informatica all'ultimo anno e sono diplomato in informatica industriale; è grazie ai videogame se ho preso questa strada e ne sono contento perchè la voglia di sapere cosa c'è dietro queste macchinette era tantissima anche da piccolo...e forse è anche graie a loro se nei momenti difficili avevo sempre qualcuno con cui giocare e rilassarmi ...ecco, questo per me sono i videogame. Amo scrivere, scusatemi se faccio errori ma sono di fretta adesso, e per questo mi dedico a recensire qualche titoletto su delle riviste amatoriali. Ovvio...il mio sogno sarebbe quello di scrivere per una rivista cartacea come NRU e...si, magari lavorare oer Nintendo come programmatore o dirigere qualche nuovo titolo sfruttando un pò la mia fantasia. Il mio motto quando scrivo è quello di pensare a cosa avrei voluto sapere prima di comprare un titolo, e così mi immedesimo nella mente di un lettore che non conosce un determinato titolo e cerco di essere schematico ed esauriente. Ora vado...avrei tante tante cose da dire ma devo proprio scappare...ci sentiamo, a presto

  2. #2
    Hai detto Sandro?? L'avatar di 8scorpion7
    Registrato il
    03-03
    Località
    Novara Messaggi:99.999
    Messaggi
    9.591
    ehm...SPAM?

  3. #3
    Utente L'avatar di Lucacat
    Registrato il
    04-04
    Località
    Zafferana Etnea ( CT)
    Messaggi
    96
    va bhè, ne metto una di quelle così non cliccate. (cmq si tratta di siti amatoriali e rece scritte da me...non vedo uno spam che possa fruttarmi miliardi). Comunque chiedo scusa, non era mie intensione.

  4. #4
    Utente L'avatar di Lucacat
    Registrato il
    04-04
    Località
    Zafferana Etnea ( CT)
    Messaggi
    96

    Silent Hill 4

    Recensione > Silent Hill 3


    "Sono venuti per assistere all'inizio. La rinascita del Paradiso spogliato dell'umanità. Rammentati di me come del tuo vero io, nonché di colei che diverrai. Una prescelta che ci condurrà al Paradiso con mani insanguinate..." Silent Hill è tornato! Siete pronti per incarnarvi nella nuova protagonista Heather e sviscerare i segreti di questo criptico filone


    "Okay starò attenta. Anch'io ti voglio bene, papà."
    Heather sorrise tra sé e sé, dopo quella bella chiacchierata al telefono. Era stato un'altro evento normale nella sua vita tranquilla, ma non sapeva che la sua serenità sarebbe stata presto sconvolta.
    Successe tutto all'improvviso, senza preavviso e apparentemente senza motivo. La semplice felicità che aveva provato sparì e tutto il suo mondo si trasformò in un incubo grottesco alquanto strano... Lei ci si ritrovò nel mezzo. Al vivace trambusto del week-end al centro commerciale subentrò un profondo, malsano silenzio. Gli unici suoni che si udivano erano i passi di creature orripilanti, in agguato nell'oscurità. Cos'era successo? Lei doveva sapere, ma non c'era rimasto nessuno che potesse spiegarglielo. Heather era rimasta sola, intrappolata in un mondo stravolto, dove la sola cosa da fare era fuggire. Non sapendo dove andare, fu presa solo dal pensiero della sopravvivenza. Afferrò saldamente la sua pistola, pronta a sparare contro qualsiasi cosa tentasse di attaccarla... "Sono venuti per assistere all'inizio. La rinascita del Paradiso, spogliato dall'umanità."
    Heather è in trappola, sola e spaventata, in un mondo sconvolto dal terrore e pervaso da rumori lugubri, muri macchiati di sangue e grottesche creature appostate nell'oscurità. Che posto è mai questo? Cosa è successo? Come ha fatto Heather ad arrivare qui? Come farà a tornare a casa? Ha bisogno di conoscere le risposte, ma non c'è rimasto nessuno che gliele possa dare. Non può fare altro che sopravvivere! Credo che non ci sia modo migliore che questa piccola raccolta di frasi, tratte dal titolo Konami, per addentrarsi nelle viscere tenebrose del 3° episodio di una saga a base di "horror-psicologico".

    Il passato vive dentro ognuno di noi.
    Silent Hill 3 presenta una trama differente dal precedente capitolo (SH2); se prima tutto girava attorno ai segreti della città di Silent Hill, sorgente del mistero e richiamo del male, adesso tutto sembra ruotare attorno alla vita della protagonista, perseguitata da un passato a lei sconosciuto e che tocca a noi risvegliare. Passato che risorgerà portando con se un ambiente demoniaco/mistico un pò diverso da SH2, ponendosi più vicino alle astruse ma concrete vicende del primo Silent Hill. Silent Hill 2 portò un certo numero di novità (soprattutto dal punto di vista grafico), ed era accompagnato da una trama con una forte componente psicologica. Questa conteneva diversi temi: violenza, stupro, tradimenti, omicidi...e in ognuno di questi poneva delle conclusioni degne di un piccolo romanzo, volte ad evidenziare gli errori e le tragedie create dalla debolezza della psiche umana. Silent Hill 3 invece concentra le sue attenzioni su di un solo tema principale che contiene, per i giocatori più attenti, tantissimi richiami in ambito occulto, mistico e religioso. Credi ricavati, anche questa volta, dall'assurdità dell'uomo di cercare sempre qualcosa a lui superiore, che possa guidarlo senza sforzi ad una vita migliore incurante di affrontare la realtà in cui vive; ricerca che spesso e volentieri porta a scelte completamente contrastanti ai propri scopi. Questa è una delle interpretazioni che possono essere date al soggetto demoniaco/mistico, che anche in questo caso gioca un ruolo importante per la descrizione e la valutazione di questo titolo. Trama che per quanto assurda, purtroppo rispecchia ancora oggi la realtà di una "insensata" parte della società che si cela nella ricerca di falsi ideali che portano solo a violenza e sacrifici umani tipici d'alcune sette o gruppi di fanatici.

    Sconsigliato ai minori di 18 anni?
    Ci siamo soffermati abbastanza sui contenuti del titolo perché molte volte, questi giochi sono considerati come un richiamo alla violenza. Nulla di più sbagliato. Sicuramente non è un titolo da consigliare a dei ragazzini, ma se sviscerato a fondo senza fermarsi alle prime apparenze, il titolo fa tutt'altro che incitare alla violenza, anzi pone una vera e propria critica e opposizione ad essa, mettendo in risalto quanto assurda e contorta può rivelarsi la natura umana, certo però che il modo in cui lo fa è molto duro e schietto e forse proprio per questo è stata introdotta quest'etichetta. Il gioco non presenta scene di violenze tali da motivare la classificazione 18+ presente nella copertina, se non in alcuni filmati, ma la trama è uno dei suoi organi più importanti e va gustata a fondo; una lettura disattenta e incompleta dei dialoghi e dei testi, che troverete durante il vostro percorso, potrebbe portarne ad un'interpretazione sbagliata, ma i veri contenuti del titolo non sono delle istigazioni alla follia o alla violenza come potrebbero far credere. Tutto dipende dalla maturità di chi ci gioca e dalla capacità di intendere il significato profondo di certi messaggi senza male-interpretarli.

    I primi momenti di gioco
    Sin dai primi momenti di gioco vi troverete catapultati in un mondo cupo e raccapricciante, intervallato bruscamente da situazioni caotiche ad istanti di quiete e tranquillità che in alcuni casi si rivelano ancora più impressionanti. Sin dai primi passi l'atmosfera si fa pesante e senza badare alle presentazioni vi troverete catapultati in un putrido parco giochi, per poi risvegliarvi in un "normalissimo" centro commerciale. Incontrerete dei nuovi nemici; da lenti ma possenti bestioni dotati di una certa mole e forza ad i soliti nemici di forma umanoide, altri che sembrano delle cavallette, e altri invece rievocano la brutta copia dei dobermann presenti in Resident Evil. Sia per chi ha giocato i prequel, che per chi si trova alla prime armi, il tutto sembrerà molto confuso e articolato inizialmente. Cercherete di eliminare tutti i nemici ma presto vi renderete conto che questa volta la cosa migliore da fare è scappare. Si, in SH3 sono presenti molti più nemici, a volte anche fastidiosi, rispetto a SH2; mentre prima conveniva fare piazza pulita per esplorare con calma e serenità gli edifici, adesso cercherete di "disinfestare" solo alcune locazioni su cui tornerete spesso ed eviterete molti scontri diretti. Questa volta, l'uso delle armi da fuoco fa veramente comodo (a differenza del precedente capitolo dove potevamo liberarci tranquillamente di tutti anche con il semplice uso di un bel bastone o di una lastra di ferro...per non parlare della "motosega").
    Insomma, sin dall'inizio il caos regnerà sovrano e sarà alternato solo da alcuni "illusori" momenti di tranquillità che si tramuteranno presto nei vostri peggiori incubi.

    Gameplay e giocabilità
    Oramai il gameplay è più che collaudato e non presenta nessuna sostanziale differenza con i precedenti capitoli, ma andiamo ugualmente nel dettaglio. Il controllo della protagonista è ottimo (anni luce avanti rispetto ai remake di Resident Evil), certo sotto questo aspetto non siamo ai livelli di giochi come Mario o Zelda, ma per il genere in sé, ispirato sull'esplorazione di ambienti cupi, risoluzione di piccoli enigmi e l'eliminazione di qualche mostriciattolo di troppo, non potevamo chiedere di più.

    Controllare Heather è semplice ed immediato.
    -Spostamento: si può usare sia la leva analogica che i tasti direzionali, purtroppo però per correre o per camminare piano non possiamo fare affidamento alla pressione esercitata sulla leva analogica, ma dobbiamo rassegnarci ai soliti pulsanti dedicati ( "R2" per la modalità cautela e "quadrato" per correre) che in ogni caso non risultano scomodi. Quasi inutili invece sono gli spostamenti laterali (L1 & R1) o la rotazione di 180° (L1+R1).
    -Combattimento: come nel caso precedente, ritroviamo gli stessi identici funzionamenti di Silent Hill 2 dove bisogna premere prima il tasto cautela, per prendere la mira, e poi il tasto azione per effettuare l'attacco. Di conseguenza ci ritroviamo con un sistema ben collaudato ma che a volte non permette di eseguire le mosse che vogliamo; per esempio, se il nostro nemico umanoide è già atterra e vogliamo colpirlo con dei colpi bassi in modo che non si rialzi...bhè dobbiamo affidarci alla sorte perché non sempre riusciremo nel nostro intendo inoltre, nei momenti più caotici, potreste trovare qualche difficoltà nell'uso delle armi da fuoco, specie se volete colpire solo alcuni nemici e magari ignorare quelli più lenti. Insomma un ottimo sistema di combattimento che però riporta con se dei piccolissimi difetti che potevano essere curati con più attenzione.
    Dopo aver parlato del controllo della protagonista dobbiamo soffermarci sull'esplorazione e sugli enigmi che il gioco propone e anche in questo caso siamo sempre troppo vicini al prequel e non ci sono sostanziali novità ma fate attenzione; questo non significa affatto che è sia difetto. Come possiamo dimenticare quelle lunghe ed interminabili passeggiate all'interno della città in SH2 tra la nebbia e i lamenti dei viscidi umanoidi? Una città immensa e adesso...che fine ha fatto? Purtroppo passerete pochissimi minuti all'interno della cittadina in compagnia della tanto famosa nebbia che ha caratterizzato e contraddistinto il prequel; in tutto rivedrete solo un paio di strade, quanto basta per arrivare da un cantiere, all'ospedale (si, sto parlando proprio di quell'ospedale di SH2), per poi incamminarsi verso il laghetto che cela i segreti della città. Stop! Come avrete notato, abbiamo rievocato alcuni ricordi come l'ospedale; ebbene si, certe ambientazioni riprendono pari passo quelle già viste e vissute in SH2 ed è emozionate resuscitare questi flashback e poter finalmente scoprire cosa si cela dietro quelle porte che prima erano inaccessibili. Il tutto accompagnato da una mappa che è un capolavoro, in grado di segnalare ogni passaggio, ogni porta che abbiamo aperto e le cose che abbiamo lasciato in sospeso.

    Tecnica - Grafica e sonoro: "sangue a fiumi!"
    A livello tecnico si ripresenta lo stesso motore grafico del prequel, ma con qualche piccolo miglioramento. La prima cosa che salta subito all'occhio è la cura data nel volto dei personaggi e nelle loro espressioni facciali, scelta indispensabile giacché la trama non sarà narrata tramite dei filmati in computer grafica, ma sarà rivelata attraverso tutta una serie di riprese in tempo reale che risultano ugualmente godibili e orchestrate da un'ottima scenografia, in modo da non spezzare la cupa atmosfera che riveste il titolo. Ottimi gli effetti di luce e i riflessi sui corpi dei nemici che richiamano a qualcosa di viscido, per non parlare di quando le texture dei muri e dei pavimenti si completeranno con dei veri e propri fiumi di sangue che prendono vita dal nulla alterando continuamente la loro forma espandendosi a macchia d'olio, il tutto espresso con un'ottima fluidità e accompagnato da gridi, urla e sottofondi musicali che rendono ancora più tenebroso il clima attorno alla protagonista. Sotto il punto di vista della scenografia, SH3 presenta notevoli miglioramenti perché i Programmatori e gli Art Designer sono riusciti magistralmente a legare l'ambiente con la trama che coinvolge la protagonista, anche i movimenti dei personaggi sono stati migliorati e sono meno "legnosi", ma non sempre; alcune volte proprio i nemici più agili, come i cani, sembrano avere quattro ruote invece che quattro zampe e sono un tantino ridicoli quando per girarsi alle spalle eseguono delle manovre da "parcheggio" con retromarcia inclusa, per poi balzare all'improvviso con salti non sempre precisi.
    Silent Hill 3, come abbiamo già detto presenta un'ottima grafica, forse troppo simile al precedente capitolo, ma è stata completata e arricchita con degli effetti veramente raccapriccianti che si adattano all'atmosfera del titolo ed il tutto viaggia in perfetta sincronia con il sonoro; gli effetti sonori si sposano con la mutazione degli ambienti passando così da una situazione di "apparente" calma e tranquillità, ad un'altra completamente fuori del normale e il giocatore, stordito e confuso da un ambiente a lui estraneo che lo rapisce quando meno se l'aspetta, si chiederà più e più volte cosa sta succedendo. Insomma un mix che ci tiene sempre in bilico su di una corda che è al limite tra lucidità e follia, suscitando sempre molta tensione senza però strabordare certi limiti, mantenendo il giusto equilibrio tra finzione e realtà.

    Commento finale
    Tante ottime idee per un importante e attesissimo seguito che, purtroppo, sembra più un'aggiunta al precedente capitolo che un vero e proprio nuovo titolo. Troppi legami con il passato ma soprattutto troppa linearità e una longevità ancora più bassa del precedente; se prima servivano circa 12 o 14 ore per completare il primo finale, ora ne bastano anche 7. Un rilevante calo che va segnalato e che deluderà soprattutto i giocatori che si attaccano assiduamente ad un videogame e lo lasciano solo dopo averlo completato. Abbiamo ancora i 5 finali alternativi che risollevano la longevità...ma questi dovrebbero essere un'aggiunta e non possono diventare parte integrante del titolo. Fate attenzione e non scoraggiatevi, Silent Hill 3 è un'ottimo titolo così come lo è stato il precedente, siamo stati un po' duri in alcune critiche ma questo perché siamo d'avanti ad un prodotto di prima casse per i palati più sopraffini; bisogna giocarlo con calma, senza trascurare la trama e godere di ogni più piccola sfumatura. Le musiche vi accompagneranno magistralmente insaporendo ancor di più l'atmosfera che s'intravede dalle ambientazioni cupe e graficamente lodevoli, una trama sconvolgente in grado di mettervi in difficoltà anche sulle questioni della vita reale. Un titolo che tiene sempre alta la tensione e vi catapulta in un baratro ai confini tra realtà e immaginazione, mescolando il tutto con tematiche demoniaco/mistiche che metteranno a soqquadro il vostro mondo reale.

  5. #5
    Ex admin L'avatar di Lex
    Registrato il
    10-02
    Località
    Udine
    Messaggi
    36.677
    Le recensioni devono essere scritte qui, evitate di postare link a siti esterni.
    You will die, mortal


    Gli interventi di moderazione sono in rosso e grassetto. Chiarimenti a riguardo in privato.
    A causa di limiti di tempo, non risponderò a questioni relative al forum su MSN salvo in casi di reale emergenza. Se avete bisogno di contattarmi, mandatemi un mp.

  6. #6
    Utente L'avatar di Lucacat
    Registrato il
    04-04
    Località
    Zafferana Etnea ( CT)
    Messaggi
    96

    Cercasi Redattori e Newser

    Chiedo cortesemente ai moderatori se posso mettere un annuncio in questa sezione per cercare utenti che han voglia di scrivere per une rivista amatoriale. Non metterò nessun link o nome della rivista online, ovvio. Ho il permesso per aprire un topic del genere?? Grazie in anticipo

  7. #7
    Utente L'avatar di Lucacat
    Registrato il
    04-04
    Località
    Zafferana Etnea ( CT)
    Messaggi
    96
    Ma allora, vi piace la rece di silent hill 3 ?

  8. #8
    vuole solo la juveh!1!1!! L'avatar di Vulcan Raven
    Registrato il
    03-03
    Località
    un puntino in prov. NA
    Messaggi
    31.901
    ehm.... la concorrenza eh? sul forum si è giò formata una sorta di rivista on-line, che ha appena compiuto un anno di vita.

  9. #9
    Utente L'avatar di Tommy89
    Registrato il
    01-03
    Messaggi
    16.266
    bella anke se la presenza di voti sarebbe stata gradita....

  10. #10
    Ex admin L'avatar di Lex
    Registrato il
    10-02
    Località
    Udine
    Messaggi
    36.677
    Citazione Lucacat
    Chiedo cortesemente ai moderatori se posso mettere un annuncio in questa sezione per cercare utenti che han voglia di scrivere per une rivista amatoriale. Non metterò nessun link o nome della rivista online, ovvio. Ho il permesso per aprire un topic del genere?? Grazie in anticipo
    No. Questa sezione è fatta per postare le proprie recensioni e per avere un giudizio su di esse, non per ricercare personale.
    You will die, mortal


    Gli interventi di moderazione sono in rosso e grassetto. Chiarimenti a riguardo in privato.
    A causa di limiti di tempo, non risponderò a questioni relative al forum su MSN salvo in casi di reale emergenza. Se avete bisogno di contattarmi, mandatemi un mp.

  11. #11
    Io sono interista L'avatar di Dosse
    Registrato il
    10-02
    Località
    In Verdania
    Messaggi
    3.403
    Mah, io non capisco che senso ha 'sto topic...
    I miei giochi preferiti:

    Wii: Super Mario Galaxy
    PS2: Metal Gear Solid 3, God of War, FFXII
    GC: Resident Evil 4, MGS: The Twin Snakes, Metroid Prime 2
    GBA: Zelda: The Minish Cap
    Nintendo DS: Zelda: Phantom Hourglass
    PSP: PES6, Tekken, Silent Hill: Origins

    16 VOLTE CAMPIONI!

    MAI STATI IN B

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •